Il lea­der di FI e l’esta­te di Vil­la Cer­to­sa Pron­to l’as­sal­to di chi cer­ca un seg­gio

I suoi: bus­se­ran­no in tan­ti per le li­ste.Tor­ta Di­sney per la fe­sta di Fran­ce­sca Pa­sca­le

Corriere della Sera - - PRIMO PIANO -

di mas­sa pre­vi­sto dal­la fi­ne di lu­glio in poi — è sta­ta ce­le­bra­ta uf­fi­cial­men­te l’al­tro ie­ri. Quan­do una tor­ta a cin­que pia­ni — uno per ogni clas­si­co Di­sney scel­to tra i pre­fe­ri­ti del­la fe­steg­gia­ta, da La Bel­la e la Be­stia a La spa­da nel­la roc­cia, pas­san­do per La ca­ri­ca dei 101 e Pe­ter Pan — ha fat­to da sfon­do al­le fo­to ri­cor­do per il com­plean­no di Fran­ce­sca Pa­sca­le, che ha po­sa­to di fron­te a una scrit­ta di pan­na che ben si spo­sa­va con i mi­glio­ri au­spi­ci del fu­tu­ro po­li­ti­co del fi­dan­za­to: «Se puoi so­gnar­lo puoi far­lo».

E di­re che le ul­ti­me due esta­ti al­la Cer­to­sa, spec­chio fe­de­le del­le con­tem­po­ra­nee for­tu­ne o sfor­tu­ne (po­li­ti­che e non) del suo pro­prie­ta­rio, era­no sta­te de­ci­sa­men­te sot­to­to­no. L’an­no scor­so, il Ber­lu­sco­ni che ar­ri­va­va in Sar­de­gna era re­du­ce dall’operazione al cuo­re e sal­vo le vi­si­te di qual­che ami­co, co­me Fla­vio Bria­to­re, la re­si­den­za era sta­ta di­chia­ra­ta off li­mi­ts. Due an­ni fa, in­ve­ce, lo sce­na­rio era sta­to for­se an­cor più ma­lin­co­ni­co. Vi­si­te ri­dot­te all’os­so, giu­sto qual­che ex tran­sfu­ga del par­ti­to di An­ge­li­no Al­fa­no che so­gna­va un bi­gliet­to di ri­tor­no ver­so l’an­ti­ca ca­sa. In vil­la spun­ta­ro­no pri­ma Re­na­to Schi­fa­ni e poi Nun­zia De Gi­ro­la­mo. Poi toc­cò al neo­se­na­to­re Mi­che­le Boc­car­di, ap­pe­na su­ben­tra­to in Se­na­to al de­fun­to Do­na­to Bruno, che si era pre­ci­pi­ta­to in Sar­de­gna per mar­ca­re le di­stan­ze dal suo vec­chio ca­po­cor­ren­te Raf­fae­le Fit­to e per giu­ra­re fe­del­tà al ber­lu­sco­ni­smo or­to­dos­so. E che tor­nò rac­con­tan­do agli ami­ci di aver vi­sto, den­tro quel­la ca­sa, «co­se da paz­zi», com­pre­sa una rissa scop­pia­ta a ta­vo­la tra due deputate az­zur­re.

Tut­to que­sto, og­gi, sem­bra lon­ta­no an­ni lu­ce. «Ve­dre­te il traf­fi­co che ci sa­rà que­st’an­no con Ber­lu­sco­ni di nuo­vo in sel­la», è il ri­tor­nel­lo del­la gran­de vi­gi­lia. Un ha­bi­tué del­la vil­la rac­con­ta co­me, di so­li­to, fior di peo­nes az­zur­ri rie­sca­no a su­pe­ra­re il fuo­co di sbar­ra­men­to dell’in­gres­so. «La mag­gior par­te di lo­ro non è mi­ca at­te­sa. Fan­no co­sì, pre­no­ta­no le lo­ro va­can­ze nei din­tor­ni di Por­to Ro­ton­do e si at­tac­ca­no al te­le­fo­no per far­si pas­sa­re il pa­dro­ne di ca­sa con la scu­sa di sa­lu­tar­lo. Una vol­ta che rie­sco­no a par­lar­gli e gli di­co­no “sa, so­no in va­can­za a po­chi chi­lo­me­tri da lei”. E Nuo­ve vo­ci di ven­di­ta per la ca­sa in Sar­de­gna Il lea­der avreb­be vi­sto un com­pra­to­re ara­bo

La ven­di­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.