Le pa­ro­le inac­cet­ta­bi­li sul­la pe­na di mor­te

Corriere della Sera - - ESTERI - di An­to­nio Fer­ra­ri @fer­ra­riant

Ascol­ta­re e ria­scol­ta­re le fra­si pro­nun­cia­te nel­le ul­ti­me ore dal pre­si­den­te tur­co Re­cep Tayy­ip Er­do­gan pro­vo­ca due rea­zio­ni, en­tram­be in­di­gna­te: una im­po­sta dall’or­ro­re, l’al­tra dall’estre­mo im­ba­raz­zo.

Il sul­ta­no, pri­gio­nie­ro di se stes­so e in­ca­pa­ce di da­re un mi­ni­mo di di­gni­tà al suo ruo­lo, di­ce che bi­so­gna ta­glia­re la testa ai tra­di­to­ri. Un lin­guag­gio che ap­par­tie­ne ai ta­glia­go­le dell’Isis, e non al lea­der di un Pae­se che con­ti­nua a de­fi­nir­si de­mo­cra­zia. Il pe­san­te ri­chia­mo al­la pe­na di mor­te, e al­la sua im­me­dia­ta ap­pli­ca­zio­ne, non è più la con­se­guen­za del­la ri­gi­di­tà di un re­gi­me au­to­cra­ti­co, ma un at­tac­co fron­ta­le a chi cre­de nel­le re­go­le del vi­ve­re ci­vi­le. Se si ac­cet­ta­no, sen­za rea­gi­re, di­chia­ra­zio­ni si­mi­li, vuol di­re che si è per­du­to il sen­so del li­mi­te.

L’estre­mo im­ba­raz­zo è quel­lo del­le can­cel­le­rie oc­ci­den­ta­li, a co­min­cia­re da quell’Unio­ne Eu­ro­pea che fi­no a po­chi an­ni fa po­te­va es­se­re l’ap­pro­do di un Pae­se im­por­tan­te, de­li­ca­to e stra­te­gi­co co­me la Tur­chia. È evi­den­te che Ankara ha im­po­sto al­la Ue un pe­san­te ri­cat­to sui pro­fu­ghi in fu­ga, ospi­tan­do­ne al­cu­ni mi­lio­ni e mi­nac­cian­do di la­sciar­li in­va­de­re il no­stro con­ti­nen­te. La can­cel­lie­ra tedesca An­ge­la Mer­kel, che ha in ca­sa un’im­por­tan­te co­mu­ni­tà tur­ca, ha ac­cet­ta­to di non la­sciar­si tur­ba­re dal­le de­ci­sio­ni di Er­do­gan. La li­nea con­ci­lian­te è sta­ta se­gui­ta da al­tri Pae­si, ma ades­so il trop­po è trop­po. Si può chiu­de­re un oc­chio sull’ar­ro­gan­za, ma quan­do si ar­ri­va, per ec­ci­ta­re la fol­la dei so­ste­ni­to­ri, a in­vo­ca­re una rea­zio­ne da ta­glia­go­le, a in­neg­gia­re al­la pe­na di mor­te, ad ar­re­sta­re cen­ti­na­ia di mi­glia­ia di op­po­si­to­ri, a espor­re al­la lo­gi­ca più for­ca­io­la ma­gi­stra­ti, po­li­ziot­ti, di­plo­ma­ti­ci e gior­na­li­sti, ac­cu­san­do que­sti ul­ti­mi di es­se­re ter­ro­ri­sti, beh, que­sto è as­so­lu­ta­men­te inac­cet­ta­bi­le.

È ve­ro che l’in­gres­so di Ankara nel­la Ue non è più in agen­da, ma non si pos­so­no ac­cet­ta­re ri­cat­ti li­ber­ti­ci­di. Un gran­de Pae­se, co­me la Tur­chia, ri­dot­to co­sì da un lea­der che pa­re pri­gio­nie­ro del­la fol­lia, fa dav­ve­ro pau­ra.

Ta­glia­go­le Il pre­si­den­te usa un lin­guag­gio che ap­par­tie­ne ai ta­glia­go­le dell’Isis

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.