ELET­TO­RI A SI­NI­STRA DEL PD MAN­CA UN FEDERATORE

Sce­na­ri Ren­zi sta cer­can­do una ri­vin­ci­ta per­so­na­le, ma il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co ave­va bi­so­gno di un con­gres­so ve­ro Ora ser­ve un con­fron­to sul­le co­mu­ni pro­spet­ti­ve pos­si­bi­li tra lui e i fuo­riu­sci­ti, che ne­ces­si­ta­no di un ca­po

Corriere della Sera - - CRONACHE - Di Pao­lo Franchi

Non è il ca­so di sti­la­re at­ti di mor­te, ci man­che­reb­be. Ma sul fat­to che il Pd sia mol­to, mol­to ma­la­to, e che i due mi­lio­ni di vo­ti rac­col­ti da Mat­teo Ren­zi nel­le pri­ma­rie sia­no val­si a re­sti­tuir­gli un po’ di co­lo­ri­to, non ci so­no dav­ve­ro dub­bi. E il gua­io peg­gio­re è che, men­tre ab­bon­da­no i ten­ta­ti­vi di dia­gno­si, nes­su­no sem­bra di­spor­re di qual­co­sa di si­mi­le a un te­ra­pia. Per cer­ca­re di ca­pir­ci qual­co­sa, è for­se il ca­so di pren­der­la un po’ al­la lar­ga, e cioè dal pro­get­to ori­gi­na­rio espo­sto qua­si die­ci an­ni fa, al Lin­got­to, da Wal­ter Vel­tro­ni. Che era quel­lo di met­te­re in cam­po un par­ti­to di cen­tro­si­ni­stra (ma già al­lo­ra qual­cu­no di­ce­va: più di cen­tro che di si­ni­stra) «a vo­ca­zio­ne mag­gio­ri­ta­ria», in cui con­fluis­se­ro e si amal­ga­mas­se­ro le di­ver­se tra­di­zio­ni del ri­for­mi­smo ita­lia­no; non l’en­ne­si­mo nuo­vo par­ti­to del­la Se­con­da Re­pub­bli­ca, ma un par­ti­to nuo­vo di zec­ca, ca­pa­ce di con­ten­de­re di­ret­ta­men­te a Ber­lu­sco­ni (all’epo­ca dei Cin­que Stel­le non c’era an­co­ra trac­cia) la gui­da del Pae­se sen­za do­ver più pa­ga­re da­zio a coa­li­zio­ni ris­so­se e im­po­ten­ti.

Co­sa ne re­sta? Po­co o nul­la. Ma che il pro­get­to non fos­se de­col­la­to — e qui po­co im­por­ta sta­bi­li­re se per sua in­trin­se­ca fra­gi­li­tà o per­ché in trop­pi ave­va­no re­ma­to con­tro — fu chia­ro fin da (qua­si) su­bi­to, no­no­stan­te nel­le ele­zio­ni del 2008, pur vin­te co­me era fa­ci­le pre­ve­de­re da Ber­lu­sco­ni, il Pd di Vel­tro­ni aves­se ot­te­nu­to un ri­spet­ta­bi­lis­si­mo 33%, che in teo­ria avreb­be po­tu­to es­se­re la ba­se di par­ten­za per co­struir­lo dav­ve­ro, que­sto par­ti­to. Nean­che le di­mis­sio­ni di Vel­tro­ni val­se­ro ad apri­re un con­fron­to strin­gen­te per sta­bi­li­re se l’idea for­za su cui pog­gia­va il Pd fos­se an­da­ta in fu­mo o in stand by. Di que­sto, e più in ge­ne­ra­le di po­li­ti­ca, ne­gli an­ni suc­ces­si­vi, quel­li del­la se­gre­te­ria di Ber­sa­ni, si di­scus­se po­co. Sì, l’amal­ga­ma del Pd era mal riu­sci­to, co­me an­no­ta­va cau­sti­co D’Ale­ma. Ma bi­so­gna­va evi­ta­re che la ma­io­ne­se im­paz­zis­se, man­dan­do in tilt «la dit­ta». An­che per­ché nel frat­tem­po l’im­pe­ro

ber­lu­sco­nia­no era or­mai giun­to, e cu­pa­men­te, al tra­mon­to; e nel­le ele­zio­ni del 2013, no­no­stan­te la dra­sti­ca cu­ra di­ma­gran­te cui il go­ver­no di Mario Mon­ti ave­va sot­to­po­sto gli ita­lia­ni, il Pd sa­reb­be di si­cu­ro pas­sa­to all’in­cas­so.

Le co­se, co­me è no­to, an­da­ro­no mol­to di­ver­sa­men­te. A Ber­sa­ni ri­ma­se l’ama­ro in boc­ca per quel­la che i suoi eu­fe­mi­sti­ca­men­te chia­ma­ro­no una non vit­to­ria, Ber­lu­sco­ni per­se sì, ma sen­za tra­col­la­re, e so­prat­tut­to i Cin­que Stel­le fe­ce­ro man bas­sa di vo­ti. Dai tem­pi del Lin­got­to, era­no ra­di­cal­men­te cam­bia­ti an­che gli sce­na­ri: al­tro che bi­par­ti­ti­smo al­le por­te, l’Ita­lia non era più nem­me­no bi­po­la­re, ma po­li­ti­ca­men­te di­vi­sa in tre par­ti, una del­le qua­li, quel­la con il ven­to in pop­pa, il Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le, si pro­cla­ma­va in­di­spo­ni­bi­le a coa­liz­zar­si con chic­ches­sia. Il trion­fo di Ren­zi nel­le pri­ma­rie del di­cem­bre 2013, il pla­tea­le sgam­bet­to a En­ri­co Let­ta (per­ché di que­sto si trat­tò, an­che se il se­gre­ta­rio del Pd lo ri­cor­da di­ver­sa­men­te) nel feb­bra­io 2014, e poi, a pri­ma­ve­ra, il fa­mo­so 40% al­le ele­zio­ni eu­ro­pee, non si la­scia­no spie­ga­re fuo­ri da un si­mi­le con­te­sto e dal man­tra che ra­pi­da­men­te si dif­fu­se, nel Pd e an­che fuo­ri. Ba­sta trac­cheg­gi, ba­sta scon­fit­te sep­pu­re ono­re­vo­li, ba­sta li­tur­gie del pas­sa­to: ser­ve un lea­der con la for­ma men­tis del vin­ci­to­re, ca­pa­ce di par­la­re agli ita­lia­ni tra­smet­ten­do lo­ro un’idea no­no­stan­te tut­to ot­ti­mi­sti­ca di Pae­se, qual­cu­no che non ven­ga dal pas­sa­to e non per­da tem­po ad al­ma­nac­ca­re su co­sa sia di si­ni­stra, co­sa di cen­tro e co­sa di de­stra, ma sfi­di i Cin­que Stel­le sul lo­ro stes­so ter­re­no, po­pu­li­smo dall’al­to, di go­ver­no, con­tro po­pu­li­smo dal bas­so. E se per que­sta via il par­ti­to sen­za iden­ti­tà si tra­sfor­ma di fat­to nel par­ti­to del Ca­po e dei suoi fe­de­lis­si­mi, po­co im­por­ta, an­zi, è an­che me­glio: al­zi la ma­no chi sen­te no­stal­gia per i par­ti­ti di una vol­ta.

Il fat­to, ma sa­reb­be me­glio di­re il gua­io, è che il pri­mo a ri­co­no­scer­si sen­za se e sen­za ma in que­sto man­tra, in tutti i suoi tre di­scus­si e di­scu­ti­bi­li an­ni di go­ver­no, co­ro­na­ti dal­la scel­ta sui­ci­da di tra­sfor­ma­re il re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le in un giu­di­zio di Dio su sé me­de­si­mo, e, quel che è più scon­cer­tan­te, an­che do­po la di­sa­stro­sa scon­fit­ta re­fe­ren­da­ria, è sta­to, e con­ti­nua ad es­se­re, pro­prio Mat­teo Ren­zi. Che ri­met­ten­do­si su­bi­to in cam­po in cer­ca di una ri­vin­ci­ta mol­to pro­ba­bil­men­te impossibile, in­ve­ce di ren­der­si di­spo­ni­bi­le a quel con­gres­so ve­ro che il Pd at­ten­de da qua­si die­ci an­ni, ha con­tri­bui­to non so­lo a crea­re le con­di­zio­ni per la scis­sio­ne (e que­sto for­se non gli di­spia­ce trop­po), per il cri­stal­liz­zar­si del­le op­po­si­zio­ni in­ter­ne e per il mol­ti­pli­car­si del­le pre­se di di­stan­za, ma an­che ad apri­re un in­ter­ro­ga­ti­vo gros­so co­me una ca­sa sui de­sti­ni suoi e del suo par­ti­to, di­ve­nu­ti, a que­sto pun­to, tutt’uno.

E ad ag­gra­va­re il qua­dro c’è il fat­to che al­la si­ni­stra di que­sto Pd c’è for­se un ri­spet­ta­bi­le elet­to­ra­to po­ten­zia­le, ma di si­cu­ro man­ca­no sia un lea­der (Giu­lia­no Pi­sa­pia non lo era già pri­ma che for­ma­liz­zas­se l’in­di­spo­ni­bi­li­tà a can­di­dar­si) sia una pro­po­sta sia, pri­ma an­co­ra, qual­co­sa che so­mi­gli più a un con­fron­to sul­le pro­spet­ti­ve che a una se­rie di in­ter­mi­na­bi­li scher­ma­glie tra pez­zi di ce­to po­li­ti­co si­cu­ra­men­te più ri­spet­ta­bi­li di quan­to di­ca la rap­pre­sen­ta­zio­ne ren­zia­na, ma già scon­fit­ti pri­ma an­co­ra che Ren­zi en­tras­se in sce­na. Cer­ca­si federatore con le fat­tez­ze del com­bat­ten­te po­li­ti­co. Cer­ca­si, ma, a quan­to pa­re, non tro­va­si.

For­za uni­ta­ria Nell’area pro­gres­si­sta c’è un gran­de ba­ci­no di vo­ti ma bi­so­gna sa­per­li at­ti­ra­re

Stra­te­gia L’ex pre­mier non si è an­co­ra la­scia­to del tut­to al­le spal­le la scel­ta sui­ci­da sul re­fe­ren­dum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.