Cal­co­li im­pro­ba­bi­li?

Corriere della Sera - - CARO DIRETTORE - Pli­niog­guer­re­ri@ gmail.com Se­sto San Gio­van­ni

Si so­stie­ne, con il pre­si­den­te dell’Inps in testa, che in fu­tu­ro il pa­ga­men­to del­le pen­sio­ni po­trà es­se­re garantito so­lo col con­tri­bu­to de­gli im­mi­gra­ti. Pe­rò dal­la ri­for­ma Di­ni del 1995, e quin­di da più di 20 an­ni, il calcolo de­ve es­se­re per tutti col me­to­do con­tri­bu­ti­vo per cui le pen­sio­ni sa­ran­no il ri­sul­ta­to di quan­to già ef­fet­ti­va­men­te ver­sa­to da ogni la­vo­ra­to­re. Per­tan­to chi an­drà in pen­sio­ne tra due de­cen­ni, quin­di con una con­tri­bu­zio­ne ef­fet­ti­va di ol­tre 40 an­ni gra­zie al­la ri­for­ma For­ne­ro, non do­vrà di­pen­de­re dal­le con­tri­bu­zio­ni di chic­ches­sia. So­ste­ne­re che le no­stre pen­sio­ni po­tran­no es­se­re as­si­cu­ra­te sol­tan­to da­gli im­mi­gra­ti cre­do sia fan­ta­sio­so. Pli­nio G. Guer­re­ri a que­stio­ne di po­li­ti­cal­ly cor­rect una azio­ne co­rag­gio­sa che tie­ne fe­de al­la Co­sti­tu­zio­ne e ren­de la cit­tà più ci­vi­le e si­cu­ra — è no­to che ra­di­ca­li­smo e ter­ro­ri­smo so­no fa­vo­ri­ti da se­gre­tez­za e il­le­ga­li­tà, ol­tre che mar­gi­na­li­tà e man­can­za di in­te­gra­zio­ne — è a mio av­vi­so una col­pe­vo­le for­ma di sot­to­va­lu­ta­zio­ne del­le sfi­de del no­stro tem­po a cui non si può ri­spon­de­re co­me fa la de­stra con il ri­fiu­to del­la real­tà o, peg­gio, con in­sul­ti e men­zo­gne. Do­po gli at­ten­ta­ti di Pa­ri­gi e Bru­xel­les, Ren­zi dis­se che per ogni eu­ro spe­so per si­cu­rez­za e in­tel­li­gen­ce bi­so­gna­va spen­der­ne uno per cul­tu­ra e in­te­gra­zio­ne, e io con­ti­nuo a cre­de­re che aves­se ra­gio­ne. La po­li­ti­ca de­ve es­se­re so­prat­tut­to que­sto: il ten­ta­ti­vo di ren­de­re gli uo­mi­ni mi­glio­ri e più fe­li­ci. Cre­do che sia un obiet­ti­vo che an­che la stam­pa, co­me quar­to po­te­re, si de­ve por­re, per­ché un mon­do in cui le per­so­ne non so­no più ca­pa­ci di pen­sa­re in ter­mi­ni di col­let­ti­vi­tà e di re­ci­pro­ci­tà di di­rit­ti e do­ve­ri, fa spa­ven­to. Mo­ni­ca Chit­tò,

Nel mio ar­ti­co­lo so­ste­ne­vo an­che io che gli isla­mi­ci de­vo­no ave­re luo­ghi ade­gua­ti di pre­ghie­ra. Ma an­che che il Pd do­vreb­be guar­da­re con umil­tà al­le pau­re di tan­ta par­te del suo elet­to­ra­to di fron­te all’im­mi­gra­zio­ne, isla­mi­ca in par­ti­co­la­re, sen­za con­si­de­rar­le co­me un’an­ti­ca­me­ra del raz­zi­smo. Que­sta let­te­ra ren­de pur­trop­po evi­den­te qual è l’osta­co­lo: la cul­tu­ra di tan­ti espo­nen­ti di quel par­ti­to, pri­gio­nie­ra di un con­for­mi­smo che non va ol­tre le so­li­te fra­si fat­te su tut­to ciò che ri­guar­da im­mi­gra­zio­ne e ter­ro­ri­smo. Quan­to al Qa­tar, la mo­schea di Se­sto San Gio­van­ni fi­gu­ra­va sul si­to del­la Qa­tar Cha­ri­ty Foun­da­tion tra i pro­get­ti so­ste­nu­ti dal­la fon­da­zio­ne. Gio­van­ni Be­lar­del­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.