Ruf­fi­ni: il mio sa­rà uno Sha­ke­spea­re po­li­ti­ca­men­te scor­ret­to

Corriere della Sera - - SPETTACOLI - Lau­ra Zan­ga­ri­ni

nel­le re­go­le e nei do­ve­ri fa­rà spa­zio il più pos­si­bi­le a quel­la oni­ri­ca, anar­chi­ca e grot­te­sca. Una bel­la sfi­da se pen­so che nel ruo­lo di Puck, in pas­sa­to, si so­no ci­men­ta­ti gran­di at­to­ri co­me Al­ber­taz­zi e Gian­ni­ni».

Uno Sha­ke­spea­re lon­ta­no dal po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to... «Il po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to ha ro­vi­na­to un sac­co di co­se, le Ra­gaz­ze Coc­co­dè og­gi in tv sa­reb­be­ro ban­di­te, co­me pu­re Has Fi­dan­ken, la coc­ke­ri­na di “Dri­ve In” la cui uni­ca abi­li­tà era quel­la di ri­ma­ne­re im­pas­si­bi­le ma che og­gi gli ani­ma­li­sti man­co fa­reb­be­ro en­tra­re in stu­dio. I miei ri­fe­ri­men­ti so­no il Fan­toz­zi crea­to da Vil­lag­gio — una ma­sche­ra straor­di­na­ria —, i film di ge­ne­re con Poz­zet­to e la co­mi­ci­tà di spon­da di Spen­cer e Hill in Lo chia­ma­va­no Tri­ni­tà, o quel­la del­la cop­pia Bol­di-De Si­ca. Que­sto non vuol di­re che non ami An­to­nio­ni o Gass­man».

Gran­de ap­pas­sio­na­to di ci­ne­ma, Ruf­fi­ni ha fon­da­to un’as­so­cia­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca con cui or­ga­niz­za fe­sti­val e ras­se­gne. «So­no ma­la­to di ci­ne­ma so­prat­tut­to ita­lia­no, in ca­sa ho 16 mi­la VHS di tutti i ge­ne­ri, so­no un fan di Woo­dy Al­len e Da­vid Zuc­ker, il re­gi­sta di Una pal­lot­to­la spun­ta­ta, amo i car­toon co­me I Grif­fin, sul­la schie­na ho ta­tua­to Vi­le il Coyo­te. Mi fan­no an­co­ra ri­de­re Stan­lio e Ol­lio e Bu­ster Kea­ton. Non amo l’hd, la per­fe­zio­ne è un di­fet­to, so­no un no­stal­gi­co, pre­fe­ri­sco la mu­si­ca in vi­ni­le». Ul­ti­mo film vi­sto in sa­la? «Cuo­ri pu­ri di Ro­ber­to De Pao­lis, I fi­gli del­la not­te di Andrea De Si­ca, For­tu­na­ta di Ca­stel­lit­to, Tut­to quel­lo che vuoi di Fran­ce­sco Bru­ni, lui è na­to a Ro­ma ma è cre­sciu­to a Li­vor­no, co­me me. Quan­do so­no usci­to dal ci­ne­ma gli ho man­da­to un mes­sag­gio per com­pli­men­tar­mi, in un al­tro Pae­se il suo sa­reb­be sta­to un film cam­pio­ne di in­cas­si».

Nel cur­ri­cu­lum di Ruf­fi­ni, che mol­ti ri­cor­da­no co­me vj su Mtv, c’è an­che tan­to tea­tro mu­si­ca­le. Qual­che titolo? «Ce­ne­ren­to­la, Full Mon­ty, The Roc­ky Hor­ror Pic­tu­re Show. Ma va­do fie­ro de­gli at­to­ri con cui da due an­ni por­to in tour Il gran­de ab­brac­cio, sei ra­gaz­zi por­ta­to­ri di han­di­cap che sul pal­co im­prov­vi­sa­no sket­ch co­mi­ci, bal­la­no, re­ci­ta­no mo­no­lo­ghi». Spie­ga di es­ser­si ac­cor­to, la­vo­ran­do con ra­gaz­zi Do­wn, «che non so­no per nien­te Do­wn ma up, e co­sì, UP & Do­wn, si chia­me­rà lo spet­ta­co­lo che por­te­rò in sce­na dal 2018 do­po l’an­te­pri­ma il 16 ago­sto a Via­reg­gio e il 17 a Fol­lo­ni­ca. Uno show la cui ci­fra sa­rà quel­la dell’im­prov­vi­sa­zio­ne, la­vo­re­re­mo in­te­ra­gen­do col pub­bli­co in sa­la e con l’emo­zio­ne che in quel mo­men­to ci sa­rà sul pal­co. Ho in men­te un gran­de va­rie­tà, un one man show in cui gli al­tri at­to­ri di­mo­stre­ran­no di es­se­re mol­to più bra­vi di me».

Una bel­la sfi­da se pen­so che Puck è sta­to in­ter­pre­ta­to da Gian­ni­ni e Al­ber­taz­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.