La con­fes­sio­ne

Corriere della Sera - - SPETTACOLI - Ste­fa­nia Uli­vi

Trump in te­ma di im­mi­gra­zio­ne: «Ne­gli Usa, a par­te gli in­dia­ni na­ti­vi, sia­mo tutti im­mi­gra­ti. La no­stra iden­ti­tà è frut­to di quel­la me­sco­lan­za, è que­sto che ci ha re­so gran­di». L’at­tri­ce è in pri­ma fi­la an­che su un al­tro te­ma cal­do, il con­trol­lo del­le ar­mi. «Usa­re la pa­ro­la con­trol­lo in un Pae­se co­me gli Usa, do­ve il se­con­do emen­da­men­to ga­ran­ti­sce il di­rit­to di por­ta­re ar­mi, può sem­bra­re una li­mi­ta­zio­ne. Me­glio, cre­do, par­la­re di si­cu­rez­za, con­vin­ce­re le per­so­ne che co­me so­no ser­vi­te re­go­le per evi­ta­re che le au­to fos­se­ro stru­men­ti Al Fe­sti­val Ju­lian­ne Moo­re (56 an­ni) in po­sa per un sel­fie con una gio­va­ne fan del Gif­fo­ni Film Fe­sti­val di cui è sta­ta ospi­te ie­ri L’at­tri­ce: sa­rei fe­li­ce se Lu­ca Gua­da­gni­no mi chia­mas­se per re­ci­ta­re in uno dei suoi film

in­se­gna­re lo­ro di an­dar via, an­che se ti spez­za il cuo­re». Ha un con­si­glio an­che per il neo­pa­dre Cloo­ney. «È be­ne che sia pron­to a gio­ca­re mol­to. E per mol­ti an­ni...».

In quan­to a lei, non le di­spia­ce­reb­be un film in Ita­lia. «Ma­ga­ri!». E ci­ta Til­da Swin­ton. «L’ho vi­sta in Io so­no l’amo­re, re­ci­ta­va in ita­lia­no ad­di­rit­tu­ra con l’ac­cen­to rus­so. Ec­co, Lu­ca Gua­da­gni­no è un gran­de re­gi­sta, sa­rei fe­li­ce se mi chia­mas­se. Lo tro­vo fe­no­me­na­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.