Ga­roz­zo, il fio­ret­to è pron­to a in­fil­za­re il Gran­de Slam

Olim­pio­ni­co e cam­pio­ne eu­ro­peo: «Vo­glio il Mon­dia­le»

Corriere della Sera - - SPORT - Fla­vio Va­net­ti

«Non ci cre­do!», è la pri­ma co­sa che ha det­to, in gi­noc­chio, per poi par­la­re di «una me­da­glia che va­le co­me un oro»; de­di­car­la «a me stes­so, a mia mam­ma Li­be­ra­ta, ca­sa­lin­ga, a pa­pà Ga­brie­le, ope­ra­io, e al­la mia ter­ra»; ri­cor­da­re che «que­sto è un suc­ces­so ini­zia­to a 4 an­ni con Oscar Ber­to­ne (il c.t. az­zur­ro, ndr) e Lju­bov Bar­su­ko­va (l’al­le­na­tri­ce ucrai­na, pe­rò da fa­si sof­fer­te. Non è sem­pre ve­ro, in­fat­ti, che un gran­de suc­ces­so è un tram­po­li­no: il lan­cio va poi com­ple­ta­to. «Rio mi ha da­to un sen­so di si­cu­rez­za. Ma su­bi­to do­po mi ha pre­sen­ta­to un con­to ne­ga­ti­vo: non in­gra­na­vo più. Ho ca­pi­to co­me fa­re: do­ve­vo re­cu­pe­ra­to ndr)»; ri­ve­la­re in­fi­ne che, co­me per la Ber­toc­chi, an­che qui ha avu­to un ruo­lo im­por­tan­te Ta­nia Ca­gnot­to, con la qua­le Gio­van­ni ha pu­re par­te­ci­pa­to a un ta­lent tv sul bal­lo: «Al­la vi­gi­lia le ho scritto per chie­der­le se an­che a lei pas­sa­va­no tan­te co­se in testa pri­ma del­le fi­na­li. Mi ha da­to i con­si­gli giu­sti». I gio­va­ni ere­di hanno già elet­to Ta­nia lo­ro gu­ru: pa­re fun­zio­ni. gli sti­mo­li». Que­sta è la sin­te­si di un per­cor­so non sem­pli­ce, nel qua­le ha in­ci­so pu­re il la­vo­ro con Chia­ra San­ti, psi­co­lo­ga di Fra­sca­ti do­ve Da­nie­le è or­mai di ba­se («Ave­va co­min­cia­to a se­guir­mi quan­do ero so­lo il nu­me­ro 70 al mon­do, a lei de­vo tan­to»). Il pro­ble­ma Gio­ia Da­nie­le Ga­roz­zo esul­ta do­po l’oro eu­ro­peo vin­to in giu­gno a Tbi­li­si (Ap) non era­no gli al­le­na­men­ti, ma quel­lo che li pre­ce­de­va e li se­gui­va. «Que­stio­ne di fa­me: era una mia ca­rat­te­ri­sti­ca e l’ave­vo per­sa».

In que­ste ca­si ser­ve so­lo met­te­re la testa nel­lo sca­to­lo­ne, ave­re pa­zien­za e la­vo­ra­re. Uni­ca ec­ce­zio­ne: lo stu­dio. «Non so­no cam­pio­ne olim­pi­co in me­di­ci­na: so­no al ter­zo an­no, do­vrei es­se­re più avan­ti. Ma do­po l’Eu­ro­peo ho ri­nun­cia­to al­le va­can­ze per da­re l’esa­me di ana­to­mia-2». È un te­ma sen­ti­to da Da­nie­le, che as­sie­me a Nic­co­lò Cam­pria­ni, l’uo­mo in­fal­li­bi­le del­la ca­ra­bi­na, si bat­te da tem­po sul­la ne­ces­si­tà che gli atle­ti ec­cel­len­ti sia­no se­gui­ti da tu­tor. Ma per ora tut­to è, ita­lia­na­men­te, va­no. «Un pro­to­col­lo è pron­to, pe­rò non vie­ne va­ra­to. Io so­no un pri­vi­le­gia­to per­ché l’Uni­ver­si­tà di Tor Ver­ga­ta mi dà una ma­no: ma tutti de­vo­no ave­re una chan­ce». È il se­con­do aspet­to del po­st Rio che

Do­po Rio ave­vo me­no fa­me di vit­to­ria: l’ho ri­tro­va­ta e so­no pu­re mi­glio­ra­to gra­zie ai con­si­gli di mio fra­tel­lo. Non mol­lo mai: an­che nel­le gior­na­te buie puoi gi­ra­re il de­sti­no

non gli è pia­ciu­to. Ce n’è un al­tro, a vo­ler ve­de­re: si aspet­ta­va di più al­la vo­ce «per­so­nag­gio». «Non è una que­stio­ne di sol­di — spie­ga —, ma di con­si­de­ra­zio­ne, an­che per­ché ci al­le­nia­mo ben di più di chi, in al­tri sport, è stra­pa­ga­to. Pe­rò è an­che ve­ro che de­si­de­ro es­se­re ri­co­no­sciu­to non per una pub­bli­ci­tà o per una com­par­sa­ta in tv, ma in quan­to cam­pio­ne: per que­sto ho pre­fe­ri­to non di­strar­mi e la­scia­re per­de­re cer­te op­por­tu­ni­tà».

Il fio­ret­ti­sta, al­lo­ra. Ab­bia­mo la­scia­to il di­scor­so in­ter­rot­to. Per­ché Da­nie­le Ga­roz­zo è mi­glio­ra­to? «Per­ché ho ag­giun­to, gra­zie ai con­si­gli di mio fra­tel­lo En­ri­co, spa­di­sta, una fa­se di­fen­si­va che mi com­ple­ta». En­ri­co sa­rà a sua vol­ta in pe­da­na a Lip­sia e ci sa­rà pu­re Ali­ce Vol­pi, fio­ret­ti­sta, fi­dan­za­ta di Da­nie­le. Un Mon­dia­le in fa­mi­glia, ba­sa­to su due con­cet­ti chia­ve: «Pri­mo: il sen­so di for­za che av­ver­to; non fac­cio più cal­co­li, ti­ro e ba­sta. Se­con­do: per an­da­re avan­ti in un tor­neo, la vit­to­ria de­ve an­co­ra la­sciar­mi stu­pe­fat­to».

Fer­mar­si ed esi­ta­re non è in­ve­ce con­tem­pla­to: «Mi lan­cio co­mun­que. An­che nel­le gior­na­te buie si può gi­ra­re il de­sti­no. E io non mol­lo nem­me­no un’un­ghia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.