«Vo­glio il Quo­ti­dia­no in Clas­se e l’Os­ser­va­to­rio Giovani Edi­to­ri ne­gli Usa»

Corriere della Sera - - CRONACHE - Di Tim Cook

Ogni vol­ta che vi­si­to l’Ita­lia, mi ri­cor­do il per­ché tut­ti noi di Ap­ple ci sen­tia­mo co­sì a ca­sa qui. Con­di­vi­dia­mo la pas­sio­ne ita­lia­na per il gran­de de­si­gn e per l’ar­ti­gia­na­to, l’at­ten­zio­ne per quel det­ta­glio fon­da­men­ta­le che fa sì che l’in­te­ro de­si­gn fun­zio­ni al­la per­fe­zio­ne, lo ren­da ma­gi­co. Pos­sia­mo tor­na­re in­die­tro di se­co­li, al Ri­na­sci­men­to, all’an­ti­chi­tà e pos­sia­mo tro­va­re il de­si­gn ita­lia­no al cro­ce­via di ciò che og­gi chia­mia­mo «tec­no­lo­gia» e ar­ti li­be­ra­li, al cro­ce­via tra la for­ma, la fun­zio­ne e l’ispi­ra­zio­ne. Que­sto è un pae­se che di­mo­stra che l’ec­cel­len­za si­gni­fi­ca fa­re ciò che è mi­glio­re, non ciò che è più co­mu­ne. E ho vi­sto che voi sa­pe­te che nien­te di tut­to ciò è pos­si­bi­le sen­za un’istru­zio­ne di al­tis­si­mo li­vel­lo.

Il vo­stro pae­se, l’Os­ser­va­to­rio Per­ma­nen­te Giovani-Edi­to­ri e Ap­ple con­di­vi­do­no que­sto cre­do: l’istru­zio­ne è il ve­ro li­vel­la­to­re. Per­met­te al po­ten­zia­le e all’im­ma­gi­na­zio­ne di fio­ri­re ovun­que es­si sor­ga­no. Co­me so­cie­tà che si ba­sa sul­le idee e sui so­gni, Ap­ple e l’Os­ser­va­to­rio cre­do­no fer­ma­men­te nell’istru­zio­ne. Istru­zio­ne a tut­ti i li­vel­li, istru­zio­ne per tut­ti.

In tut­to il mon­do, stia­mo la­vo­ran­do con scuo­le ele­men­ta­ri e me­die, con li­cei e con uni­ver­si­tà di tut­ti i ti­pi, per per­met­te­re agli stu­den­ti di da­re for­ma al pro­prio fu­tu­ro. Un gran­de esem­pio di part­ner­ship è sta­ta quel­la con l’Uni­ver­si­tà di Napoli, co­me par­te del no­stro De­ve­lo­per Aca­de­my, gli stu­den­ti stan­no la­vo­ran­do in­sie­me per im­pa­ra­re nuo­ve ca­pa­ci­tà, tra cui il co­ding. In­fat­ti, mem­bri del­la pri­ma clas­se di lau­rea­ti stan­no en­tran­do nel mon­do del la­vo­ro co­me svi­lup­pa­to­ri e im­pren­di­to­ri. So­no fer­ma­men­te con­vin­to che se la pros­si­ma ge­ne­ra­zio­ne sa­rà in gra­do di com­pie­re la po­ten­zia­li­tà del­la tec­no­lo­gia e il po­ten­zia­le di ognu­no de­gli in­di­vi­dui che la com­po­ne, avre­mo co­strui­to un fu­tu­ro con pre­ci­sio­ne, abi­li­tà e ca­pa­ci­tà ri­so­lu­ti­ve, con il co­rag­gio di es­se­re una for­za per il pro­gres­so.

Ec­co per­ché so­no co­sì rin­vi­go­ri­to e con­for­ta­to da ciò che ho vi­sto all’Os­ser­va­to­rio Per­ma­nen­te Giovani-Edi­to­ri: il suo pro­get­to di me­dia li­te­ra­cy è fa­vo­lo­so! Io ne so­no ri­ma­sto stu­pi­to nel dia­lo­go con gli stu­den­ti per le do­man­de che mi han­no po­sto e il mo­do di usa­re la tec­no­lo­gia per re­sta­re in­for­ma­ti. Af­fron­ta­no con for­za le gran­di idee, co­me i gran­di pro­ble­mi. Mi so­no sen­ti­to an- co­ra più ispi­ra­to dai va­lo­ri che ho vi­sto in que­sti giovani. Mi con­gra­tu­lo per il pro­gram­ma «Il Quo­ti­dia­no in Clas­se» che in­se­gna agli stu­den­ti la ve­ra ca­pa­ci­tà di cui il mon­do ha un di­spe­ra­to bi­so­gno: il pen­sie­ro cri­ti­co.

Co­me in­se­gnan­ti, men­to­ri e ca­pi­ta­ni d’azien­da, ab­bia­mo tut­ti un ruo­lo in que­sta bat­ta­glia. Dob­bia­mo in­co­rag­gia­re la pros­si­ma ge­ne­ra­zio­ne a met­te­re in di­scus­sio­ne le idee che ven­go­no pre­sen­ta­te lo­ro, in­clu­se quel­le pre­sen­ta­te pro­prio da noi, per ca­pir­ne il si- gni­fi­ca­to e il mo­ti­vo del­la lo­ro esi­sten­za. So­prat­tut­to per es­se­re in­stan­ca­bi­li in­se­gui­to­ri del­la ve­ri­tà. Più di ogni al­tra ge­ne­ra­zio­ne nel­la sto­ria, quel­la dei giovani d’og­gi de­ve im­pa­ra­re e uti­liz­za­re que­ste ca­pa­ci­tà, per aiu­ta­re la so­cie­tà ad es­se­re in­tel­let­tual­men­te one­sta. Si de­ve di­scu­te­re ba­san­do­si su l’og­get­ti­vi­tà dei fat­ti, non su fat­ti al­ter­na­ti­vi.

Que­sta ge­ne­ra­zio­ne sta ri­de­fi­nen­do il no­stro mo­do di ap­pren­de­re e ciò che si­gni­fi­ca es­se­re cit­ta­di­ni del mon­do. Gli stu­den­ti del «Quo­ti­dia­no in Clas­se» che ho in­con­tra­to so­no con­cen­tra­ti su mol­to di più che non ri­ce­ve­re un’istru­zio­ne. Cer­ca­no nuo­vi mo­di per con­net­ter­si tra di lo­ro e per con­net­ter­si con il mon­do che li cir­con­da. Que­sta è una mis­sio­ne fon­da­men­ta­le. L’in­no­va­zio­ne sta por­tan­do avan­ti il no­stro mon­do, ma le do­man­de «Co­me ver­rà uti­liz­za­ta la tec­no­lo­gia?» o «Que­ste nuo­ve sco­per­te ci uni­ran­no o ci di­vi­de­ran­no?» e «Che aspet­to ha il no­stro fu­tu­ro co­mu­ne?»... Nes­su­na di es­se ha una ri­spo­sta si­cu­ra.

La tec­no­lo­gia de­ri­va dall’uma­ni­tà, ma l’uma­ni­tà non può de­ri­va­re dal­la tec­no­lo­gia.

In­sie­me Da si­ni­stra An­drea Cec­che­ri­ni, pre­si­den­te dell’Os­ser­va­to­rio, e Tim Cook, ceo di Ap­ple, sul pal­co a Fi­ren­ze

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.