«Il se­gre­ta­rio si è con­ver­ti­to Più che ga­ran­te Pro­di ades­so è il vi­na­vil»

Corriere della Sera - - PRIMO PIANO - Oli­vio Ro­ma­ni­ni

«Più che il ga­ran­te di ac­cor­di tra il Pd e Cam­po pro­gres­si­sta, Ro­ma­no Pro­di è vi­ci­no a tut­ti co­lo­ro che non si al­lon­ta­na­no dal cen­tro­si­ni­stra, fa il vi­na­vil. Ci ha in­se­gna­to che uni­ti si vin­ce e che di­vi­si si per­de, su que­sto pun­to non ha mai cam­bia­to idea», pa­ro­la di San­dra Zam­pa, de­pu­ta­ta dem, da sem­pre vi­ci­nis­si­ma al Pro­fes­so­re. Ne­gli ul­ti­mi gior­ni il la­vo­ro di ri­cu­ci­tu­ra dell’ex pre­mier ha da­to i suoi frut­ti e ie­ri al­cu­ni uli­vi­sti del­la pri­ma ora, a po­chi pas­si dai luo­ghi do­ve più di vent’an­ni fa è na­to l’Uli­vo a Bo­lo­gna, han­no da­to una sor­ta di in­ve­sti­tu­ra al pro­get­to di Giu­lia­no Pi­sa­pia. Ma Zam­pa pre­ci­sa che nes­su­no ha l’esclu­si­va del mar­chio dell’Uli­vo. «I pro­dia­ni — spie­ga — si ri­co­no­sco­no nel­lo spi­ri­to uli­vi­sta che ha ri­co­min­cia­to a sof­fia­re e che è dif­fu­so in tut­to il cen­tro­si­ni­stra. C’è chi la­vo­ra den­tro il Pd co­me la sot­to­scrit­ta e ci so­no quel­li che han­no de­ci­so di da­re un con­tri­bu­to per un’al­tra li­sta ma tut­ti so­no a fa­vo­re dell’uni­tà». Zam­pa guar­da con sim­pa­tia all’ope­ra­zio­ne mes­sa in cam­po da Pi­sa­pia e fa­ci­li­ta­ta da fi­gu­re co­me l’ex mi­ni­stro Giu­lio San­ta­ga­ta: «Tro­vo giu­sto che si pon­ga­no l’obiet­ti­vo di ag­giun­ge­re vo­ti e che de­ci­da­no di par­la­re ai de­lu­si del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co che in­dub­bia­men­te ci so­no, an­che per­ché ab­bia­mo com­mes­so de­gli er­ro­ri». Zam­pa va ol­tre: «Pen­so che dob­bia­mo te­ne­re una por­ta aper­ta fi­no all’ul­ti­mo an­che per Mdp e so­no con­vin­ta che mol­ti di lo­ro sap­pia­no che non c’è al­ter­na­ti­va a un’al­lean­za. Non ci sa­ran­no i tem­pi sup­ple­men­ta­ri que­sta vol­ta, per il cen­tro­si­ni­stra sa­reb­be la fi­ne per­de­re la par­ti­ta del­le ele­zio­ni po­li­ti­che, la­sce­rem­mo il cam­po li­be­ro al­le de­stre e ai po­pu­li­smi».

Mai te­ne­ra con Mat­teo Ren­zi, la de­pu­ta­ta del Pd ha ap­prez­za­to la svol­ta a fa­vo­re di una coa­li­zio­ne lar­ga: «Ha ca­pi­to che co­sì non po­te­va­mo an­da­re avan­ti. So­no sta­ta an­che cri­ti­ca­ta per la mia aper­tu­ra, ma non si può chie­de­re una co­sa per tan­to tem­po e poi quan­do ar­ri­va non te­ner­ne con­to. E poi lo di­ce an­che il Van­ge­lo che c’è più gio­ia per un peccatore che si con­ver­te che per 99 giu­sti che non han­no bi­so­gno di con­ver­sio­ne».

Chi è San­dra Zam­pa, 61 an­ni, de­pu­ta­ta Pd, è sta­ta por­ta­vo­ce di Pro­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.