Il sin­da­co lea­der ri­lut­tan­te

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di Mau­ri­zio Gian­nat­ta­sio

«Re­sto con­cen­tra­to su Mi­la­no»: co­sì il sin­da­co Giu­sep­pe Sa­la al­la do­man­da se stia stu­dian­do da lea­der. Ma re­sta­no i dub­bi.

MI­LA­NO Lei sta stu­dian­do da lea­der na­zio­na­le? Se og­gi uno do­ves­se por­re la do­man­da di­ret­ta, Bep­pe Sa­la sin­da­co di Mi­la­no, pro­ba­bil­men­te ri­spon­de­reb­be pa­ra­fra­san­do le pa­ro­le di Jes­si­ca Rab­bit: «So­no gli al­tri che mi di­se­gna­no co­sì». An­zi, a do­man­da di­ret­ta so­lo po­chi gior­ni fa ha ri­spo­sto sec­co: «Se mi ve­nis­se­ro pen­sie­ri di fa­re car­rie­ra po­li­ti­ca mi au­toi­ni­bi­sco, re­sto con­cen­tra­to su Mi­la­no». I fat­ti pe­rò rac­con­ta­no tutt’al­tra sto­ria. Nel vuo­to asfit­ti­co dell’op­po­si­zio­ne al go­ver­no gial­lo­ver­de, Bep­pe Sa­la, vo­len­te o no­len­te, sta sem­pre di più as­sur­gen­do al ruo­lo di an­ta­go­ni­sta del duo Di Ma­io-sal­vi­ni. Più Di Ma­io che Sal­vi­ni co­me di­mo­stra l’ul­ti­ma po­le­mi­ca sul­la chiu­su­ra de­gli eser­ci­zi com­mer­cia­li. Ma il ri­sul­ta­to fi­na­le non cam­bia.

Un ruo­lo qua­si ob­bli­ga­to il suo. Da una par­te l’as­so­lu­ta in­dif­fe­ren­za del go­ver­no al­le ri­chie­ste del­la cit­tà. In sei me­si né il mi­ni­stro del­le In­fra­strut­tu­re né quel­lo del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co, due ruo­li chia­ve per l’eco­no­mia me­ne­ghi­na, si so­no fat­ti ve­de­re a Mi­la­no. Per non par­la­re del pre­si­den­te del Con­si­glio: «Il pre­mier spa­gno­lo Pe­dro San­chez è en­tra­to in ca­ri­ca e il gior­no do­po è ve­nu­to a Mi­la­no a in­con­trar­mi — ha de­nun­cia­to Sa­la, po­chi gior­ni fa — men­tre Con­te è ve­nu­to di na­sco­sto sen­za il buon­sen­so di chia­mar­mi per ve­der­ci. Non è un af­fron­to a me, ma al­la cit­tà». Più che il so­spet­to, la cer­tez­za che Mi­la­no sia l’ul­ti­ma gran­de roc­ca­for­te ros­sa da far ca­de­re chiu­den­do il ru­bi­net­to de­gli in­ve­sti­men­ti e fa­cen­do orec­chie da mer­can­te a ogni ri­chie­sta del ca­po­luo­go lom­bar­do. Dall’al­tra lo spae­sa­men­to che re­gna nel cam­po d’agra­man­te del cen­tro­si­ni­stra, al­le pre­se con con­gres­si, cor­ren­ti e se­gre­ta­ri pa­pa­bi­li.

Sa­la va ri­pe­ten­do da set­ti­ma­ne che al po­po­lo di si­ni­stra non im­por­ta nien­te del­le pri­ma­rie: «Cre­do che la gen­te fac­cia fa­ti­ca or­mai a ca­pir­ne il sen­so, an­che per­ché poi, al­la fi­ne nor­mal­men­te si ri­du­co­no a scon­tri tra cor­ren­ti» ha ri­ba­di­to pro­prio ie­ri. Il te­ma per Sa­la è un al­tro: in­di­vi­dua­re il pro­prio pro­gram­ma e fa­re op­po­si­zio­ne per di­fen­de­re gli in­te­res­si di una par­te del Pae­se che non si ri­co­no­sce nel nuo­vo go­ver­no.

Un com­bi­na­to di­spo­sto — la vo­lon­tà di fa­re op­po­si­zio­ne sui te­mi e l’in­dif­fe­ren­za per il de­sti­no del­la cit­tà — che lo ha por­ta­to ad as­su­me­re un ruo­lo che va ben al di là del­la fi­gu­ra di sin­da­co di Mi­la­no. Ruo­lo che pe­rò non po­treb­be esi­ste­re sen­za la spin­ta di una cit­tà che sta vi­ven­do un mo­men­to di gra­zia. Ep­pu­re, Sa­la, quan­do il go­ver­no ha mos­so i pri­mi pas­si è sta­to sem­pre mol­to pru­den­te. «La­scia­mo­li la­vo­ra­re» è sta­to il bas­so con­ti­nuo del­le sue di­chia­ra­zio­ni. Fi­no a che, pas­sa­ti sei me­si, la si­tua­zio­ne è de­ge­ne­ra­ta in un cre­scen­do ros­si­nia­no. At­tac­ca Sal­vi­ni sul de­cre­to si­cu­rez­za: «Crea clan­de­sti­ni e ri­ver­sa tut­to il pro­ble­ma sul­le spal­le dei sin­da­ci». At­tac­ca il go­ver­no sul­la ri­for­ma del­le pen­sio­ni: «Non fa gli in­te­res­si dei gio­va­ni». Bol­la i Cin­que Stel­le di «in­com­pe­ten­za» e la Le­ga di crip­to­fa­sci­smo. Cri­ti­ca il go­ver­no sul man­ca­to ap­pog­gio eco­no­mi­co al­la can­di­da­tu­ra di Mi­la­no e Cor­ti­na al­le Olim­pia­di 2026. «Mi la­men­to un po’ ma non fri­gno — ha det­to nei gior­ni scor­si il sin­da­co —, se mai ri­lan­cio an­co­ra di più por­tan­do avan­ti una vi­sio­ne del­la cit­tà al 2030, in cui Mi­la­no fa­rà sem­pre Mi­la­no». E ma­ga­ri Sa­la, mol­to pri­ma del 2030, fa­rà il lea­der dell’op­po­si­zio­ne. Vo­len­te o no­len­te.

Le pri­ma­rie dem «La gen­te or­mai fa­ti­ca a ca­pir­ne il sen­so, al­la fi­ne si ri­du­co­no a uno scon­tro tra cor­ren­ti»

Chi è Giu­sep­pe Sa­la, det­to Bep­pe, 60 an­ni, è sin­da­co di Mi­la­no dal giu­gno 2016. Ha ri­co­per­to l’in­ca­ri­co di com­mis­sa­rio uni­co di Ex­po 2015 dal 2013 al 2015 ed è sta­to am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Ex­po 2015 Spa dal 2010 al feb­bra­io 2016

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.