Il pm Di Mat­teo, 25 an­ni in cam­po con­tro Co­sa no­stra «Per so­prav­vi­ve­re de­ve ave­re le­ga­mi con la po­li­ti­ca Mes­si­na Denaro la­ti­tan­te è uno scan­da­lo per lo Sta­to»

Corriere della Sera - - Cronache - Di Da­cia Ma­rai­ni (An­sa)

Afar­mi in­con­tra­re il pm An­to­ni­no Di Mat­teo è sta­to un co­mu­ne ami­co, un al­tro ma­gi­stra­to, dal no­me im­pe­gna­ti­vo, Gior­da­no Bru­no. E co­sì mi so­no tro­va­ta una cal­da mat­ti­na di ot­to­bre nel­la sa­let­ta spo­glia del­la Di­re­zio­ne an­ti­ma­fia e an­ti­ter­ro­ri­smo di via Giu­lia.

Ve­den­do­lo ten­der­mi la ma­no con una cer­ta com­pun­ta se­rie­tà, ho avu­to un mo­men­to di im­ba­raz­zo. Di co­sa pos­so par­la­re con un uo­mo che ri­schia la vi­ta per il suo la­vo­ro, che ha po­chis­si­mo tem­po da per­de­re, che co­no­sce a fon­do una ma­te­ria a me po­co co­no­sciu­ta? Ma poi ho in­con­tra­to i suoi oc­chi e ogni im­ba­raz­zo si è dis­sol­to. Il pro­cu­ra­to­re An­to­ni­no Di Mat­teo ha uno sguar­do gen­ti­le, cu­rio­so e di­rei qua­si ti­mi­do. Lo sguar­do di un uo­mo che non si è fat­to ina­spri­re e ir­ri­gi­di­re da­gli osta­co­li e dal­le dif­fi­col­tà che il suo la­vo­ro com­por­ta.

La do­man­da è: per­ché lo vo­glio­no mor­to più di tan­ti al­tri ma­gi­stra­ti che han­no in­da­ga­to sul­la ma­fia? La ri­spo­sta è sem­pli­ce: per­ché Di Mat­teo ha osa­to pe­ne­tra­re in quel­la zo­na gri­gia di cui si pre­fe­ri­sce ta­ce­re, quel­la zo­na in­quie­tan­te, te­nu­ta sem­pre na­sco­sta, che si tro­va fra la ma­la­vi­ta or­ga­niz­za­ta e le isti­tu­zio­ni del­lo Sta­to. Pren­do co­rag­gio e gli espon­go co­me pri­ma do­man­da una que­stio­ne che mi in­quie­ta.

In un mo­men­to di con­fu­sio­ne e fram­men­ta­zio­ne dei prin­ci­pi e del­le idee, che po­trei ad­di­rit­tu­ra chia­ma­re di pa­ra­li­si eti­ca, in un mo­men­to in cui le ideo­lo­gie so­no scom­par­se, i par­ti­ti so­no in ago­nia, e la gen­te è di­so­rien­ta­ta e sco­rag­gia­ta, sem­bra che l’ul­ti­mo pun­to di ri­fe­ri­men­to a cui tut­ti si ri­vol­go­no aspet­tan­do­si ri­spo­ste si­cu­re, sia la ma­gi­stra­tu­ra. È co­sì? E non le sem­bra pe­ri­co­lo­so que­sto tra­sfe­ri­re ogni giu­di­zio mo­ra­le al­le leg­gi e a chi le ap­pli­ca?

«Se og­gi una par­te del­la po­po­la­zio­ne con­si­de­ra la ma­gi­stra­tu­ra co­me un pun­to di ri­fe­ri­men­to eti­co di­rei che ciò non di­pen­de dal­la ma­gi­stra­tu­ra ma dai vuo­ti che col­pe­vol­men­te ha la­scia­to la po­li­ti­ca. È sta­ta la po­li­ti­ca a fa­re un pas­so in­die­tro, spe­cial­men­te sul­la lot­ta al­la ma­fia che, ri­cor­dia­mo­lo, è na­ta nel do­po­guer­ra con sin­da­ca­li­sti e po­li­ti­ci si­ci­lia­ni co­me Pio La Tor­re, co­rag­gio­si op­po­si­to­ri che de­nun­cia­va­no con no­mi e co­gno­mi i mi­sfat­ti ma­fio­si, quan­do i pro­cu­ra­to­ri ge­ne­ra­li ne­ga­va­no l’esi­sten­za del­la ma­fia».

Co­sa sta suc­ce­den­do se­con­do lei nel no­stro Pae­se? È ve­ro che de­stra e si­ni­stra non si­gni­fi­ca­no piu nien­te, co­me

Chi è

● Ni­no Di Mat­teo, 57 an­ni, di Pa­ler­mo, è so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re al­la Di­re­zio­ne na­zio­na­le an­ti­ma­fia e an­ti­ter­ro­ri­smo ● Nel 2018 ha scrit­to con il gior­na­li­sta Sa­ve­rio Lo­da­to Il Pat­to spor­co (Chia­re­let­te­re)

di­ce qual­cu­no?

«Sen­to che sia­mo di­ven­ta­ti, co­me di­ce lei, un an­co­rag­gio pos­si­bi­le per chi si sen­te nel­le neb­bie, ma dob­bia­mo sem­pre ri­cor­da­re che il pun­to di ri­fe­ri­men­to più al­to ri­ma­ne la no­stra Co­sti­tu­zio­ne».

La pa­ro­la po­po­lo ha an­co­ra un sen­so? Chi e co­sa è il po­po­lo se­con­do lei? Cre­de che qual­cu­no pos­sa de­ci­de­re di rap­pre­sen­ta­re da so­lo il po­po­lo di un Pae­se, ar­ri­van­do a con­si­de­ra­re pe­ri­co­lo­si ne­mi­ci co­lo­ro che cre­do­no nel­la li­ber­tà di cri­ti­ca?

«Per me la pa­ro­la po­po­lo ha an­co­ra un sen­so al­to e no­bi­le, so­prat­tut­to con­tro le spin­te che vo­glio­no tra­sfor­mar­ci in una mas­sa di in­di­vi­dui se­pa­ra­ti, cia­scu­no chiu­so a di­fen­de­re i pro­pri in­te­res­si per­so­na­li. Da ma­gi­stra­to so che quan­do am­mi­ni­stria­mo la giu­sti­zia, lo fac­cia­mo in no­me del po­po­lo ita­lia­no, co­me di­ce la leg­ge».

Pa­re che Rii­na di­ces­se che «bi­so­gna fa­re la guer­ra per gua­da­gna­re la pa­ce»? Ma di qua­le pa­ce par­la­va? E la sua guer­ra, che ha pro­vo­ca­to tan­ti mor­ti e tan­te ro­vi­ne, ha poi pro­dot­to una pa­ce ma­fio­sa?

«L’espe­rien­za di 25 an­ni di pro­ces­si di ma­fia mi ha con­vin­to che non esi­ste al mon­do una for­za cri­mi­na­le che ha fat­to co­stan­te­men­te po­li­ti­ca co­me Co­sa no­stra. Si pen­sa­no i ma­fio­si co­me roz­zi e il­let­te­ra­ti, in­ca­pa­ci di ela­bo­ra­re un pen­sie­ro po­li­ti­co. Non è co­sì. Lo­ro san­no be­nis­si­mo che la so­prav­vi­ven­za sta nel man­te­ne­re un rap­por­to con lo Sta­to. A noi il com­pi­to di re­ci­de­re que­sto le­ga­me».

Lei di­ce che Rii­na chie­de­va tan­te co­se in cam­bio del­la ces­sa­zio­ne del­le azio­ni di guer­ra: l’abo­li­zio­ne dell’er­ga­sto­lo, la chiu­su­ra del su­per­car­ce­re dell’asi­na­ra e di Pia­no­sa, l’am­mor­bi­di­men­to del car­ce­re du­ro, la mo­di­fi­ca del­la leg­ge Ro­gno­ni-la Tor­re sul se­que­stro e la con­fi­sca dei pa­tri­mo­ni ma­fio­si, una nuo­va le­gi­sla­zio­ne sul pen­ti­ti­smo. È per ot­te­ne­re que­sti pri­vi­le­gi che ha uc­ci­so e spar­so ter­ro­re?

«Quan­do Rii­na ca­pì che il tra­di­zio­na­le rap­por­to col vec­chio po­te­re po­li­ti­co era en­tra­to in cri­si, cer­cò al­tri ri­fe­ri­men­ti po­li­ti­ci. In­tan­to pu­nì con mez­zi vio­len­ti quei po­li­ti­ci che non ave­va­no man­te­nu­to le pro­mes­se fat­te. E, a col­pi di bom­be e at­ten­ta­ti, cer­cò di tro­va­re nuo­vi re­fe­ren­ti. Og­gi, una sen­ten­za di pri­mo gra­do, do­po 5 an­ni di di­bat­ti­men­to, ci di­ce che Rii­na rag­giun­se que­sto sco­po».

E pos­sia­mo di­re chi fu­ro­no gli al­tri re­fe­ren­ti?

«La ma­fia ave­va già con­sta­ta­to che ne­gli an­ni 70 Mar­cel­lo Dell’utri ave­va svol­to un ruo­lo da me­dia­to­re fra la ma­fia e Sil­vio Ber­lu­sco­ni. Og­gi, dal pro­ces­so del­le trat­ta­ti­ve, emer­ge che la per­pe­tua­zio­ne di que­sto ruo­lo di me­dia­zio­ne è con­ti­nua­to an­che in un pe­rio­do suc­ces­si­vo».

Lei di­ce che ci so­no due ani­me nel­la ma­fia: una più pa­ci­fi­sta e por­ta­ta ai com­pro­mes­si e una più guer­rie­ra che cre­de di ri­sol­ve­re le co­se so­lo coi de­lit­ti e le in­ti­mi­da­zio­ni. È ve­ro che Pro­ven­za­no era del­la pri­ma idea e Rii­na del­la se­con­da?

«Cre­do che la ma­fia sia sem­pre la stes­sa e che sia ca­rat­te­riz­za­ta da una fi­na­li­tà pre­ci­sa: l’ac­qui­si­zio­ne e la con­ser­va­zio­ne del po­te­re. Nei va­ri mo­men­ti sto­ri­ci, in se­no a Co­sa no­stra so­no pre­val­si sia l’idea dell’at­tac­co vio­len­to che quel­la del­la me­dia­zio­ne e del com­pro­mes­so. Tut­to­ra non so­no tra co­lo­ro che cre­do­no che la ma­fia ab­bia ri­nun­cia­to per sem­pre all’op­zio­ne stra­gi­sta».

Ho let­to il li­bro che lei ha scrit­to con il pre­pa­ra­tis­si­mo Sa­ve­rio Lo­da­to, «Il pat­to spor­co», pub­bli­ca­to da Chia­re­let­te­re. Le chie­do: per­ché tan­te per­so­ne che lei ci­ta nel li­bro han­no so­ste­nu­to che la trat­ta­ti­va Sta­to ma­fia era una pa­gliac­cia­ta?

«Con­dur­re sot­to­trac­cia una trat­ta­ti­va con la ma­fia non è so­lo eti­ca­men­te ri­pro­ve­vo­le per uno Sta­to di di­rit­to. C’è qual­co­sa di più: raf­for­za agli oc­chi del­la gen­te il pre­sti­gio e l’au­to­re­vo­lez­za del­la ma­fia, at­tri­bui­sce a es­sa la ca­pa­ci­tà mi­ci­dia­le di eser­ci­ta­re ri­cat­ti e pres­sio­ne nei con­fron­ti del Pae­se. Fin quan­do i ma­fio­si sa­ran­no a co­no­scen­za dei se­gre­ti del­le trat­ta­ti­ve con lo Sta­to e ta­ce­ran­no quel­la co­no­scen­za, po­tran­no sem­pre ri­cat­ta­re le isti­tu­zio­ni».

Co­sa vo­le­va di pre­ci­so

La stra­ge Su­per­boss Dall’al­to, gli ul­ti­mi tre boss del­la ma­fia: To­tò Rii­na, mor­to a 87 an­ni all’er­ga­sto­lo nel 2017; sot­to il suo suc­ces­so­re Ber­nar­do Pro­ven­za­no, mor­to all’er­ga­sto­lo, a 84, nel 2016; in bas­so Mat­teo Mes­si­na Denaro, 56 an­ni, og­gi la­ti­tan­te

Cian­ci­mi­no? Non pa­re fos­se fa­vo­re­vo­le ai me­to­di guer­re­schi di Rii­na. È pos­si­bi­le che sia sta­to lui, d’ac­cor­do con al­cu­ne for­ze dei ser­vi­zi se­gre­ti de­via­ti, a fa­re ar­re­sta­re Rii­na?

«Vi­to Cian­ci­mi­no rap­pre­sen­ta­va l’anel­lo di col­le­ga­men­to idea­le fra lo Sta­to e Rii­na. Era sta­to un espo­nen­te im­por­tan­te del­la Dc, ol­tre a ri­ve­sti­re del­le ca­ri­che po­li­ti­che ri­le­van­ti. Ma nel­lo stes­so tem­po era un ma­fio­so, un cor­leo­ne­se pu­ro, un ami­co per­so­na­le di Pro­ven­za­no che a Cian­ci­mi­no da tem­po ave­va af­fi­da­to le con­su­len­ze e le scel­te po­li­ti­che più de­li­ca­te per Co­sa no­stra».

Quin­di è pos­si­bi­le che que­sta dop­pia ap­par­te­nen­za lo ab­bia por­ta­to a un cer­to pun­to a sce­glie­re fra i due?

«L’em­ble­ma del­la dop­pia ap­par­te­nen­za rap­pre­sen­ta la tra­ge­dia e la dif­fi­col­tà di di­stin­gue­re i rap­por­ti fra ma­fia e po­li­ti­ca».

Ma per­ché Cian­ci­mi­no scel­se Pro­ven­za­no?

«Dal pro­ces­so al­la trat­ta­ti­va emer­ge che Cian­ci­mi­no ca­pì che la me­dia­zio­ne non po­te­va es­se­re rag­giun­ta se in Co­sa no­stra aves­se pre­val­so la li­nea di Rii­na e per que­sto of­frì ai ca­ra­bi­nie­ri il suo aiu­to per cat­tu­ra­re Rii­na».

Per­ché An­dreot­ti smet­te di trat­ta­re con la ma­fia nell’80? C’en­tra la nuo­va po­li­ti­ca an­ti­ma­fia di Fal­co­ne?

«Fu­ro­no mol­te e com­ples­se le ra­gio­ni che por­ta­ro­no al cam­bia­men­to di rot­ta nel rap­por­to fra Co­sa no­stra e An­dreot­ti. C’è un da­to che dob­bia­mo sot­to­li­nea­re pe­rò: An­dreot­ti non è sta­to as­sol­to. È sta­to di­chia­ra­to pre­scrit­to il rea­to per quei rap­por­ti ad al­to li­vel­lo che ave­va avu­to fi­no al 1980 con espo­nen­ti di ver­ti­ce di Co­sa no­stra. Rap­por­ti che si so­no con­cre­tiz­za­ti per­fi­no in in­con­tri di­ret­ti con quei ma­fio­si per di­scu­te­re dei dan­ni che l’azio­ne mo­ra­liz­za­tri­ce di Pier San­ti Mat­ta­rel­la sta­va pro­vo­can­do al­la ma­fia. An­co­ra og­gi, gran par­te dell’opi­nio­ne pub­bli­ca ita­lia­na igno­ra che quei rap­por­ti e que­gli in­con­tri so­no con­sa­cra­ti in una sen­ten­za de­fi­ni­ti­va».

Og­gi, a quan­to si di­ce, è ri­ma­sto so­lo Mes­si­na Denaro a di­ri­ge­re la ma­fia. Ma è ve­ro?

«Mat­teo Mes­si­na Denaro ha tut­te le ca­rat­te­ri­sti­che del ca­po­ma­fia di ri­lie­vo. Ha tra­di­zio­ni fa­mi­lia­ri, co­no­scen­ze di al­to li­vel­lo, cur­ri­cu­lum cri­mi­na­le di as­so­lu­to ri­spet­to, aven­do par­te­ci­pa­to in pri­ma per­so­na al­la cam­pa­gna stra­gi­sta del ’93 a Ro­ma, Fi­ren­ze e Mi­la­no».

In­som­ma è il de­gno ere­de di Rii­na. An­che lui fa pre­ce­de­re gli in­te­res­si di Co­sa no­stra a quel­li pri­va­ti?

«Non è una per­so­na tra­scu­ra­bi­le. Bi­so­gna co­no­sce­re i ne­mi­ci per sta­nar­li. Cer­to Mes­si­na Denaro ha la for­za che gli de­ri­va dal­la co­no­scen­za dei se­gre­ti più re­con­di­ti di quel­le stra­gi».

Ma co­me è pos­si­bi­le che sia la­ti­tan­te da tan­ti an­ni?

«In ef­fet­ti è scan­da­lo­so che da 25 an­ni si pro­trag­ga la sua la­ti­tan­za. Spe­ro so­lo che que­sto lun­go bu­co ne­ro non sia frut­to di ri­cat­ti e con­di­zio­na­men­ti che Mes­si­na Denaro può es­se­re in gra­do di eser­ci­ta­re nei con­fron­ti di am­bien­ti de­via­ti del­lo Sta­to».

Pos­sia­mo di­re che la trat­ta de­gli es­se­ri uma­ni, la gran­de in­du­stria del­la ven­di­ta dei rifiuti, il mer­ca­to del­la dro­ga sia­no an­co­ra in ma­no al­la ma­fia?

d

Quan­do Rii­na ca­pì che il rap­por­to col vec­chio po­te­re era en­tra­to in cri­si, cer­cò al­tri re­fe­ren­ti. Og­gi, una sen­ten­za ci di­ce che rag­giun­se que­sto sco­po

«An­che se la ma­fia og­gi non spa­ra, la sua pe­ri­co­lo­si­tà è in­tat­ta. È riu­sci­ta in­fat­ti a con­qui­sta­re am­pi spa­zi nell’eco­no­mia ap­pa­ren­te­men­te le­ga­le sfrut­tan­do per­fi­no ri­le­van­ti flus­si di fi­nan­zia­men­to pub­bli­co an­che eu­ro­peo».

● Ha se­gui­to, tra le al­tre, le in­chie­ste su­gli omi­ci­di ma­fio­si dei giu­di­ci Chin­ni­ci, Saet­ta Fal­co­ne e Bor­sel­li­no

Ni­no Di Mat­teo ha in­da­ga­to sul­la stra­ge di Ca­pa­ci (in al­to) del 1992 in cui mo­ri­ro­no Gio­van­ni Fal­co­ne, la mo­glie Fran­ce­sca Mor­vil­lo e tre agen­ti di scor­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.