Le do­man­de sen­za ri­spo­sta

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di An­to­nio Po­li­to

Èla do­man­da che ci fac­cia­mo sem­pre noi ge­ni­to­ri: man­de­rei, man­de­rò an­co­ra mio fi­glio ado­le­scen­te a un con­cer­to?

Si vor­reb­be, e for­se si do­vreb­be, re­sta­re in si­len­zio di fron­te al­lo stra­zio di­su­ma­no dei ge­ni­to­ri che han­no per­so i fi­gli nel­la tra­ge­dia del­la di­sco­te­ca; di fron­te al­lo sgo­men­to dei quat­tro bam­bi­ni ri­ma­sti or­fa­ni del­la lo­ro mam­ma, la dol­cis­si­ma Eleo­no­ra, che ac­com­pa­gna­va al con­cer­to la fi­glia di 11 an­ni co­me una so­rel­la mag­gio­re. Un do­lo­re in­di­ci­bi­le non può es­se­re det­to. Pe­rò sia­mo ge­ni­to­ri an­che noi. E tut­ti ci stia­mo chie­den­do esat­ta­men­te la stes­sa co­sa: man­de­rei, man­de­rò an­co­ra mio fi­glio ado­le­scen­te a un con­cer­to? Po­trem­mo ri­spon­der­ci: sì, se le nor­me di si­cu­rez­za ve­nis­se­ro fat­te ri­spet­ta­re, e non si la­scias­se­ro en­tra­re mi­glia­ia di ra­gaz­zi in una strut­tu­ra che ne con­tie­ne a ma­la­pe­na qual­che cen­ti­na­io. Sì, se le usci­te di emer­gen­za del­le di­sco­te­che fos­se­ro dav­ve­ro si­cu­re. Nel Pae­se do­ve tut­to crol­la per­ché tut­to è fat­to ma­le ed è ma­le te­nu­to, pon­ti, via­dot­ti, stra­de, vo­ra­gi­ni, al­me­no su que­sto do­vrem­mo di­ven­ta­re in­fles­si­bi­li: la si­cu­rez­za dei luo­ghi pub­bli­ci do­ve i no­stri fi­gli si af­fol­la­no per stu­dia­re (le scuo­le) o si ac­cal­ca­no per di­ver­tir­si (le sa­le da bal­lo). Se non vo­glia­mo ca­var­ce­la con il clas­si­co «la giustizia fac­cia il suo cor­so», «le re­spon­sa­bi­li­tà sia­no ac­cer­ta­te», «i col­pe­vo­li ven­ga­no pu­ni­ti», tra­di­zio­na­le li­ta­nia post­di­sa­stro di una or­mai trop­po lun­ga «spoon ri­ver» na­zio­na­le. Ma sa­rem­mo ipo­cri­ti se non ve­des­si­mo, nel­la not­te di Co­ri­nal­do, i trat­ti di una mu­ta­zio­ne an­tro­po­lo­gi­ca in cor­so nel­la no­stra gio­ven­tù, dei ri­ti e dei mi­ti in­tor­no ai qua­li si ra­du­na dan­do vi­ta a nuo­ve tri­bù, a una «con­tro-na­zio­ne» che or­mai vi­ve den­tro quel­la dei pa­dri, e non le si ri­bel­la nean­che più, pur di ave­re il suo ri­scat­to al ve­ner­dì se­ra. Co­sì, men­tre nel mon­do dei gran­di ap­prez­zia­mo, e tal­vol­ta esal­tia­mo, lo spray al pe­pe­ron­ci­no co­me un’ar­ma di le­git­ti­ma di­fe­sa che può pro­teg­ger­ci dai cat­ti­vi, dei pic­co­li mo­stri lo usa­no co­me un’ar­ma di di­stra­zio­ne di mas­sa. Non una, ma mol­te vol­te. Non so­lo a Piaz­za San Car­lo a To­ri­no, la not­te del­la fi­na­le di Cham­pions, ma in tan­ti con­cer­ti di rap­per co­me quel­lo dell’al­tra se­ra; e non so­lo co­me stru­men­to per crea­re il caos e rubare qual­che por­ta­fo­glio, ma an­che co­me un mo­do per fa­re sem­pli­ce­men­te ca­si­no, e mol­ti­pli­ca­re l’ef­fet­to-sballo in una cal­ca. Il che do­vreb­be con­fer­mar­ci quan­to sia pe­ri­co­lo­so gio­ca­re con le ar­mi. Sep­pu­re non le­ta­le, an­che lo spray ur­ti­can­te in­fat­ti lo è (e in mol­ti Pae­si eu­ro­pei co­me ta­le è trat­ta­to dal­la leg­ge) e dun­que non do­vreb­be en­tra­re nel­le di­sco­te­che, e for­se non do­vreb­be es­se­re nean­che ven­du­to ai mi­no­ren­ni, o nei su­per­mer­ca­ti. L’al­tra do­man­da ri­guar­da l’al­col. Per ora non sap­pia­mo che ruo­lo ab­bia svol­to nel­la stra­ge del­la di­sco­te­ca. Ma sap­pia­mo che al ve­ner­dì se­ra, dai ba­ret­ti di Chia­ra a Na­po­li al­le Co­lon­ne di San Lo­ren­zo a Mi­la­no, gli shot­ti­ni dell’hap­py hour ser­vo­no a so­spen­de­re per ore lo sta­to co­scien­te di mi­glia­ia di ra­gaz­zi­ni, ren­den­do­li in­di­fe­si di fron­te a qual­sia­si ri­schio. Ep­pu­re il tas­so al­co­li­co del­la no­stra gio­ven­tù, piut­to­sto che sol­le­va­re nel di­bat­ti­to pub­bli­co l’al­lar­me che me­ri­te­reb­be,

L’emer­gen­za

Il ruo­lo dell’al­col e il nuo­vo pe­ri­co­lo del pe­pe­ron­ci­no, che da ar­ma di di­fe­sa di­ven­ta «gio­co» per mol­ti­pli­ca­re l’ef­fet­to-sballo

vie­ne spes­so usa­to co­me un ar­go­men­to a fa­vo­re di uno sballo più on­ni­com­pren­si­vo, vi­sto che, di­co­no i fau­to­ri del­la li­be­ra­liz­za­zio­ne del­le dro­ghe leg­ge­re, uno spi­nel­lo fa me­no ma­le di una vo­d­ka. Co­sì noi ge­ni­to­ri re­stia­mo so­spe­si tra la ten­ta­zio­ne di vie­ta­re e la se­du­zio­ne di tol­le­ra­re. Quan­do il no­stro fi­glio ado­le­scen­te ci chie­de di usci­re la se­ra, di far tar­di, di an­da­re al suo pri­mo con­cer­to, co­me pos­sia­mo di­re di no, se co­sì fan tut­ti i lo­ro coe­ta­nei? I più pre­mu­ro­si tra noi si tra­sfor­ma­no al­lo­ra in au­ti­sti, ac­com­pa­gna­to­ri, guar­dia­ni, che por­ta­no in gi­ro i ra­gaz­zi e li van­no a re­cu­pe­ra­re a not­te fon­da, quan­do non re­sta­no ad­di­rit­tu­ra con lo­ro per pro­teg­ger­li, co­me la po­ve­ra Eleo­no­ra, in­ghiot­ti­ta an­che lei dal­la cal­ca di ve­ner­dì. I ge­ni­to­ri più sfor­tu­na­ti, tal­vol­ta, non li sen­to­no più rien­tra­re. A quel­li di noi che in­ve­ce han­no avu­to la for­tu­na di tro­var­se­li ie­ri se­ra di nuo­vo ac­can­to, spet­ta for­se il com­pi­to di com­pren­de­re che die­tro l’im­por­si dei gio­va­ni co­me la ca­te­go­ria so­cia­le più im­por­tan­te del no­stro tem­po si na­scon­de l’am­bi­va­len­za del lo­ro sta­tus di «co­strut­to­ri e di­strut­to­ri», co­me ha scrit­to un an­tro­po­lo­go: co­strut­to­ri di in­no­va­zio­ne cul­tu­ra­le e di sen­so co­mu­ne, ma an­che di­strut­to­ri di or­di­ne so­cia­le e di tra­di­zio­ne. E pro­va­re a co­strui­re su que­sta real­tà un pro­get­to edu­ca­ti­vo, di cui da tem­po ab­bia­mo smar­ri­to ogni idea, e for­se an­che qual­sia­si am­bi­zio­ne.

© RI­PRO­DU­ZIO­NE RISERVATA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.