Spray ai con­cer­ti, l’in­cu­bo dei rap­per: «Ba­sta, fer­ma­te­vi»

L’ap­pel­lo so­cial di Sfe­ra, che do­ve­va esi­bir­si Ol­tre 15 ca­si di pe­pe­ron­ci­no ur­ti­can­te in sa­la

Corriere della Sera - - Primo Piano - Di Mat­teo Cruc­cu (Pho­to Ma­si) Mat­teo Cruc­cu

Do­ve­va es­se­re una se­ra­ta di rou­ti­ne, sa­lu­ti al pub­bli­co, qual­che pez­zo mes­so sul gi­ra­di­schi, ma­ga­ri l’ab­boz­zo di due o tre bra­ni, men­tre l’mc, nel ger­go del rap quel­lo che par­la, in pie­di lì di fian­co avreb­be riem­pi­to i vuo­ti: no, non era un con­cer­to ve­ro e pro­prio, quel­lo di Sfe­ra Eb­ba­sta, tra­sfor­ma­to in tra­ge­dia in una tri­ste al­ba mar­chi­gia­na, ma un dj set, una ses­sio­ne in con­so­le e via nel­la not­te.

Una del­le at­ti­vi­tà col­la­te­ra­li in­som­ma di Sfe­ra Eb­ba­sta, al se­co­lo Gio­na­ta Bo­schet­ti, in que­sto mo­men­to for­se il rap­per più in vo­ga d’ita­lia per­ché mas­si­mo in­ter­pre­te del­la co­sid­det­ta trap, sot­to­ge­ne­re dell’hip-hop, un po’ can­ta­to, un po’ par­la­to, con lar­go uso d’elet­tro­ni­ca.

Il ra­gaz­zo di Ci­ni­sel­lo Bal­sa­mo, il pae­so­ne cre­sciu­to trop­po in fret­ta al­le por­te di Mi­la­no, che si chia­ma Sfe­ra in os­se­quio al no­me con cui si fir­ma­va sui mu­ri con le tag, quel­le scrit­te in­com­pren­si­bi­li ai più che ri­co­pro­no le no­stre cit­tà, men­tre l’eb­ba­sta è un mo­do go­liar­di­co per di­re che co­gno­me non ne ha. Il ra­gaz­zo dai ca­pel­li ros­si (tin­ti) che ce l’ha fat­ta e gli pia­ce far­lo ve­de­re, con quel­le col­la­ne vi­sto­se e quel­le au­to di lus­so. Il ra­gaz­zo che pro­ba­bil­men­te ven­de­rà più di­schi di tut­ti que­st’an­no, con le sue li­ta­nie mo­der­ne sul­le dro­ghe leg­ge­re e il po­te­re dei sol­di, ama­tis­si­mo dal­le tee­na­ger, tee­na­ger co­me quel­le che han­no per­so la vi­ta nel­la ma­le­det­ta cal­ca.

In quel­la di­sco­te­ca riem­pi­ta all’in­ve­ro­si­mi­le, la Lan­ter­na Az­zur­ra di Co­ri­nal­do, il fre­sco 26en­ne Sfe­ra (gli an­ni li ha com­piu­ti due gior­ni fa), di po­co più vec­chio dei suoi fan, era già ve­nu­to ne­gli an­ni pas­sa­ti. E ie­ri avreb­be do­vu­to es­se­re la se­con­da tap­pa di una not­te adria­ti­ca, per­ché Sfe­ra si era già esi­bi­to, nel­le stes­se mo­da­li­tà di cui so­pra, an­che a Ri­mi­ni. Ma que­sta vol­ta, al­la Lan­ter­na Az­zur­ra, do­ve avreb­be do­vu­to fa­re una ra­pi­da in­cur­sio­ne per 30 eu­ro, il prez­zo del bi­gliet­to, il rap­per non è mai ar­ri­va­to, av­ver­ti­to tem­pe­sti­va­men­te per te­le­fo­no del di­sa­stro che sta­va av­ve­nen­do.

Fi­glio di una paz­zia che Sfe­ra Gli epi­so­di in Ita­lia (ne­gli ul­ti­mi 18 me­si) in cui qual­cu­no ha spruz­za­to spray ur­ti­can­te tra il pub­bli­co di un con­cer­to (e non so­lo lui) ben co­no­sce: ai suoi con­cer­ti e in se­ra­te co­me que­sta, co­me si rac­con­ta nell’am­bien­te, era già suc­ces­so al­me­no 15 vol­te, a Se­ni­gal­lia, a To­ri­no, a Mon­do­vì, che qual­che esa­gi­ta­to spruz­zas­se in aria gas ur­ti­can­te. I mo­ti­vi uf­fi­cia­li non si ca­pi­sco­no mai fi­no in fon­do: chi di­ce che lo si fac­cia per get­ta­re scom­pi­glio e rubare bor­set­te e giac­co­ni e chi so­stie­ne che la bom­bo­let­ta che do­ve­va ser­vi­re al­le don­ne per di­fen­der­si sia di­ven­ta­ta, nel­le ma­ni dei ra­gaz­zi­ni, un’ar­ma im­pro­pria per ri­spon­de­re al­lo schiaf­fo­ne o al pu­gno di tur­no. O, peg­gio, qual­cu­no lo fa­reb­be per pu­ro esi­bi­zio­ni­smo, per sca­te­na­re il pa­ni­co e ve­de­re l’ef­fet­to che fa.

Sia co­me sia, non è dun­que suc­ces­so so­lo a Sfe­ra, per­ché ne­gli ul­ti­mi an­ni pra­ti­ca­men­te qual­sia­si con­cer­to dell’odier­na, fio­ren­te, sce­na del Mi­la­ne­se Sfe­ra Eb­ba­sta (pseu­do­ni­mo di Gio­na­ta Bo­schet­ti), 26 an­ni, rap­per di Ci­ni­sel­lo Bal­sa­mo, è nel­la top 100 di Spo­ti­fy rap ita­lia­no è sta­to fu­ne­sta­to da epi­so­di si­mi­li: è ca­pi­ta­to a Gha­li, a Mar­ra­ca­sh e a Gué Pe­que­no, a Ge­mi­taiz, ad Achil­le Lau­ro, ché co­sì si chia­ma uno de­gli astri na­scen­ti del ge­ne­re. Ed ora, nes­su­no di co­sto­ro par­la, so­li­da­li con il col­le­ga. Che, a sua vol­ta si è chiu­so in un ri­gi­do si­len­zio, can­cel­lan­do tut­ti i pros­si­mi im­pe­gni, an­co­ra ine­be­ti­to dal do­lo­re. E af­fi­dan­do ai so­cial, co­me si usa og­gi, la sua rea­zio­ne emo­ti­va : «È dif­fi­ci­le tro­va­re le pa­ro­le giu­ste per espri­me­re il ram­ma­ri­co e il do­lo­re di que­ste tra­ge­dia» di­ce Sfe­ra. E lan­cia un ap­pel­lo: «Vor­rei so­lo che tut­ti quan­ti vi fer­ma­ste a pen­sa­re a quan­to può es­se­re pe­ri­co­lo­so e stu­pi­do usa­re lo spray al pe­pe­ron­ci­no in una di­sco­te­ca». Que­sta vol­ta, si de­ve spe­ra­re, non re­ste­rà ina­scol­ta­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.