«Ve­do l’amo­re più di co­lo­ro che in­sul­ta­no»

An­na­li­sa Minetti e gli odia­to­ri che in Re­te le scri­vo­no: sei cie­ca, non do­ve­vi ave­re bam­bi­ni

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di Can­di­da Mor­vil­lo

Of­fe­sa e in­sul­ta­ta sul suo pro­fi­lo In­sta­gram: l’han­no chia­ma­ta «cie­ca». An­na­li­sa Minetti ave­va po­sta­to la sua fo­to in­sie­me al­la fi­glia di die­ci me­si.

Sot­to la fo­to di In­sta­gram in cui An­na­li­sa Minetti ab­brac­cia sua fi­glia Ele­na di die­ci me­si, le han­no scrit­to di tut­to. La sua «col­pa» sa­reb­be aver ge­ne­ra­to due fi­gli pur aven­do per­so la vi­sta per re­ti­ni­te pig­men­to­sa e de­ge­ne­ra­zio­ne ma­cu­la­re. L’han­no chia­ma­ta «cie­ca», le han­no det­to che «non do­ve­va fa­re fi­gli che non po­te­va ve­de­re» e che «è pie­na di sé». An­na­li­sa, 42 an­ni, non ve­den­te da quan­do ne ave­va 18, set­ti­ma a Miss Ita­lia 1997, vin­ci­tri­ce del Fe­sti­val di San­re­mo 1998, è an­che atle­ta pa­ra­lim­pi­ca. Nei 1.500 me­tri, ha vin­to un oro ai Mon­dia­li 2013 e, nel 2012, due bron­zi, ai Gio­chi Pa­ra­lim­pi­ci di Lon­dra e agli Europei. Pu­re que­sto dà fa­sti­dio: «Fa trop­pe co­se per sem­bra­re nor­ma­le, ma non lo è», han­no scrit­to.

An­na­li­sa, co­me ha pre­so i com­men­ti?

«Ho pre­fe­ri­to non can­cel­lar­li af­fin­ché tut­ti pos­sa­no ve­de­re in che so­cie­tà de­bo­le vi­via­mo. Poi, lo scrit­to­re Ia­co­po Me­lio ha fat­to un po­st e so­no ar­ri­va­ti tan­ti mes­sag­gi di so­li­da­rie­tà, se­gno che esi­ste un Pae­se mi­glio­re che ha vo­glia di es­se­re re­si­lien­te. La mia sto­ria di­mo­stra che non c’è li­mi­te fi­si­co che pos­sa fer­ma­re la no­stra vo­lon­tà».

Me­lio chie­de: «Dav­ve­ro si lot­ta e si re­si­ste per que­sti qui?». Lei che ri­spon­de?

«Che que­sti non si pos­so­no con­si­de­ra­re nor­mo­do­ta­ti. La di­sa­bi­li­tà si mo­stra in mil­le mo­di e io mi sen­to una ma­dre più ido­nea di que­sti in­sta­bi­li. A me, man­ca la vi­sta, lo­ro han­no un ri­tar­do co­gni­ti­vo».

A lo­ro man­ca il cuo­re?

«Di cuo­re sia­mo do­ta­ti tut­ti. Ma io a Na­ta­le ho spie­ga­to a mio fi­glio Fa­bio di die­ci an­ni che la vi­ta è un do­no a sca­to­la chiu­sa: qua­lun­que co­sa ci tro­vi den­tro, de­vi ren­der­la me­ra-

Non toc­co il lo­ro vi­so Mi so­no chie­sta se ero in gra­do di es­se­re ma­dre, do­vreb­be­ro far­lo tut­ti. Mi strin­ge la go­la non co­no­sce­re il vi­so dei miei bim­bi ma non li toc­co: non ca­pi­rei co­mun­que

vi­glio­sa per­ché è la tua e che, se ren­di men­to­re la sof­fe­ren­za, non usi più il cuo­re».

Pri­ma del­la ma­ter­ni­tà, si è po­sta il te­ma del­la ce­ci­tà?

«Mi so­no chie­sta se ero in gra­do di es­se­re ma­dre. Do­vreb­be­ro far­lo tut­ti. Me lo so­no chie­sta so­prat­tut­to per l’ul­ti­ma gra­vi­dan­za, quan­do la ma­lat­tia ave­va con­clu­so il per­cor­so e sa­pe­vo di non po­ter­mi ap­pog­gia­re più nean­che al­le om­bre. Ave­vo pau­ra, ma la pau­ra è un’op­por­tu­ni­tà per sco­prir­si co­rag­gio­sa. La pau­ra è che non sai che è il cuo­re a far­ti ve­de­re le co­se. Io quel­lo ce l’ho e va a tre­mi­la».

Qual­cu­no ha scrit­to «avrà tre­mi­la aiu­ti».

«Mio ma­ri­to, Mi­che­le Pan­za­ri­no, fa il ri­cer­ca­to­re scien­ti­fi­co, c’è po­co, ho una ta­ta co­me mil­le al­tre don­ne. Non tie­ne i bim­bi men­tre io fac­cio nien­te, ma mi aiu­ta men­tre fac­cio la spe­sa o por­to mio fi­glio a scuo­la».

L’han­no cri­ti­ca­ta per­si­no per­ché è al se­con­do ma­ri­to.

«Ne avrò tre, se mai que­sto ma­tri­mo­nio do­ves­se ri­ve­lar­si fal­li­men­ta­re. So­no una per­so­na per­be­ne che si è in­na­mo­ra­ta due vol­te, cer­co l’amo­re in tut­to, nel­la vi­ta, nel­lo sport... Se mi aves­se­ro in­se­gna­to l’amo­re per lo stu­dio da pic­co­la, mi sa­rei iscrit­ta all’uni­ver­si­tà pri­ma, non ora, che pre­pa­ro le pap­pe as­sie­me agli esa­mi di Scien­ze Mo­to­rie. Io met­to il cuo­re in tut­to e lo al­le­no ogni gior­no. Se par­lia­mo di amo­re per le per­so­ne, non mi con­si­de­ro non ve­den­te: ve­do mol­to più di tan­ti al­tri. So ascol­ta­re i si­len­zi, per­ce­pi­re i pen­sie­ri e l’ani­ma».

Han­no scrit­to che fa trop­pe co­se per non im­paz­zi­re.

«Non so­no pre­di­spo­sta al crol­lo men­ta­le per­ché ho co­strui­to una vi­ta pie­na. Ma ho mo­men­ti in cui mi chiu­do in ba­gno da so­la. Ho co­scien­za dei miei li­mi­ti, so che ogni tan­to de­vo in­gi­noc­chiar­mi e sof­fri­re per al­zar­mi più for­te».

Quan­do si è am­ma­la­ta, era già co­sì for­te?

«No, mi ada­gia­vo su chi mi di­ce­va “po­ve­ri­na”. Do­po San­re­mo, chi pri­ma di­ce­va “po­ve­ri­na” ha ini­zia­to a di­re che mi ero in­ven­ta­ta la ma­lat­tia. An­co­ra og­gi, se al su­per­mer­ca­to sbat­to con il car­rel­lo, sen­to per­so­ne di­re: al­lo­ra è ve­ro che non ci ve­de! Se non sbat­to, li sen­to di­re: ve­di che ci ve­de! Nel­le scuo­le, ser­vi­reb­be un’edu­ca­zio­ne so­cia­le che aiu­ti i gio­va­ni a non ave­re pau­ra del­la di­sa­bi­li­tà».

Non le fa ma­le non po­ter ve­de­re i suoi fi­gli?

«È l’uni­ca co­sa che mi strin­ge la go­la. Non toc­co mai il lo­ro vi­so, non ca­pi­rei co­mun­que e per­ciò cer­co di non es­se­re cu­rio­sa, ma ne sof­fro».

An­na­li­sa Minetti (42) con la pic­co­la Ele­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.