Dia­rio in­ti­mo del­la lun­ga at­te­sa Le an­go­sce di Mar­gue­ri­te Du­ras

Ef­fi­ca­ce tra­spo­si­zio­ne sul­lo scher­mo del ce­le­bre ro­man­zo del­la scrit­tri­ce

Corriere della Sera - - Spettacoli -

C’è co­me una stra­na con­trad­di­zio­ne all’ori­gi­ne del film che Em­ma­nuel Fin­kiel ha trat­to da La douleur di Mar­gue­ri­te Du­ras: la pa­ro­la vi ha un pe­so pre­pon­de­ran­te (non so­lo per­ché all’ori­gi­ne c’è un’ope­ra let­te­ra­ria) ep­pu­re il film sem­bra sfor­zar­si di smi­nuir­ne l’im­por­tan­za, il pe­so. Le pa­ro­le che smuo­vo­no la men­te e il cuo­re del­la pro­ta­go­ni­sta Mar­gue­ri­te fi­ni­sco­no per per­de­re la lo­ro spe­ci­fi­ci­tà e di­ven­ta­re ac­cor­di di una ina­spet­ta­ta co­lon­na so­no­ra, ca­pa­ci di fon­der­si con le im­ma­gi­ni e da­re for­ma ai pen­sie­ri e ai sen­ti­men­ti che agi­ta­no. Lo di­ce lei stes­sa, quan­do ri­cor­da di es­ser­si sen­ti­ta den­tro «un di­sor­di­ne paz­ze­sco di pen­sie­ri e di sen­ti­men­ti (…) di fron­te al qua­le la let­te­ra­tu­ra mi fa ver­go­gna».

La scrit­tu­ra del­la Du­ras è spes­so at­tra­ver­sa­ta da una par­ti­co­la­re mu­si­ca­li­tà che può es­se­re osta­co­lo nel dar­le for­ma vi­si­va. Non a ca­so le mi­glio­ri tra­spo­si­zio­ni ci­ne­ma­to­gra­fi­che dei suoi te­sti so­no quel­le fir­ma­te da lei stes­sa, an­che se spes­so crip­ti­che e scon­cer­tan­ti. L’osta­co­lo si po­ne­va a mag­gior ra­gio­ne per La douleur, ro­man­zo au­to­bio­gra­fi­co sot­to for­ma di dia­rio pub­bli­ca­to con l’ag­giun­ta di tre rac­con­ti, con cui la scrit­tri­ce nel 1945 ri­cor­da­va l’at­te­sa per il ri­tor­no a ca­sa del ma­ri­to Ro­bert An­tel­me, mem­bro at­ti­vo del­la Re­si­sten­za ar­re­sta­to nel 1944. Ma il re­gi­sta ha sa­pu­to tro­va­re una for­ma straor­di­na­ria­men­te con­vin­cen­te, pro­ba­bil­men­te aiu­ta­to dall’espe­rien­za del pa­dre che ha aspet­ta­to per tan­ti an­ni, an­che quan­do non c’era­no più spe­ran­ze, che i suoi ge­ni­to­ri e il fra­tel­lo più pic­co­lo tor­nas­se­ro dal­la de­por­ta­zio­ne.

Suc­ce­de mol­to po­co nel film, se si ec­cet­tua­no nel­la pri­ma par­te gli am­bi­gui e fug­ge­vo­li in­con­tri con un col­la­bo­ra­zio­ni­sta (il pro­ta­go­ni­sta di uno dei tre rac­con­ti, Il si­gnor X det­to qui Pier­re Ra­bier) e il ri­schio prin­ci­pa­le era che il film fi­nis­se per es­se­re sof­fo­ca­to dal­la clau­stro­fo­bia (buo­na par­te si svol­ge in in­ter­ni) o dall’en­fa­si let­te­ra­ria dei dia­lo­ghi. E in­ve­ce Fin­kiel rie­sce a fa­re il mi­ra­co­lo: uti­liz­zan­do fo­ca­li lun­ghe che schiac­cia­no i per­so­nag­gi e li «di­su­ma­niz­za­no» e sfrut­tan­do il fuo­ri-fuo­co rie­sce a da­re for­ma ai pen­sie­ri e al­le pau­re del­la sua pro­ta­go­ni­sta e in­sie- me a ren­de­re ap­pas­sio­nan­te un rac­con­to fat­to so­stan­zial­men­te di at­te­se.

Un me­ri­to che va di­vi­so so­prat­tut­to con la pro­ta­go­ni­sta Mé­la­nie Thier­ry, ca­pa­ce di far leg­ge­re sul vi­so o nel­le in­to­na­zio­ni del­la vo­ce lo strug­gi­men­to e l’an­go­scia che at­tra­ver­sa­no la sua men­te (e per que­sto var­reb­be la pe­na di ve­der­lo in ori­gi­na­le con i sot­to­ti­to­li, so­prat­tut­to se si rie­sce ad ap­prez­za­re la mu­si­ca­li­tà, qui ma­gi­stra­le, del­la di­zio­ne in fran­ce­se). Si fi­ni­sce co­sì per re­sta­re pri­gio­nie­ri di una ri­fles­sio­ne che pren­de for­ma nei lun­ghi dia­lo­ghi fuo­ri cam­po e che ac­com­pa­gna­no buo­na par­te del film, spe­cie di ma­te­ria­liz­za­zio­ne di un pen­sie­ro che si av­vi­ta su se stes­so, in­ca­pa­ce – lei che par­la co­me noi che ascol­tia­mo – di distinguere quel­lo che è ve­ro da quel­lo che è ar­ti­fi­cio­so, quel­lo che è sin­ce­ro da quel­lo che è re­ci­ta­to. E che tro­va un ul­te­rio­re ele­men­to di com­pli­ca­zio­ne (e di com­ples­si­tà) nel rap­por­to che in­stau­ra con Ra­bier (Be­noît Ma­gi­mel), for­se sin­ce­ro am­mi­ra­to­re del­la sua at­ti­vi­tà let­te­ra­ria, for­se so­lo abi­le spia che fin­ge di po­ter aiu­ta­re il ma­ri­to pri­gio­nie­ro per ave­re al­tre in­for­ma­zio­ni sul­la Re­si­sten­za.

Il film co­me pe­ral­tro il te­sto let­te­ra­rio so­no poi piut­to­sto re­ti­cen­ti sul­la rea­le si­tua­zio­ne sen­ti­men­ta­le del­la Du­ras, già aman­te dell’ami­co Dio­nys (Be­n­ja­min Bio­lay) no­no­stan­te il ma­tri­mo­nio con An­tel­me: lo si può for­se in­tui­re dal­la pre­sen­za co­stan­te dell’uo­mo al fian­co di Mar­gue­ri­te, da al­cu­ni sguar­di, e dal­la lu­ci­di­tà con cui sca­va nel­le con­trad­di­zio­ni del­la don­na («A co­sa tie­ni di più» le chie­de: «a Ro­bert An­tel­me o al do­lo­re?»). Ma è pro­prio que­sta am­bi­gui­tà di fon­do a fa­re il fa­sci­no del film, con la sua ca­pa­ci­tà di sca­va­re den­tro i com­por­ta­men­ti uma­ni, os­ses­sio­na­ti da un «do­ver es­se­re» che fi­ni­sce per tra­sfor­mar­si in una pri­gio­ne. Co­me quan­do il per­so­nag­gio di Mar­gue­ri­te si sdop­pia e il film ci fa ve­de­re quel­lo che lei stes­sa im­ma­gi­na di fa­re: en­ne­si­ma va­ria­zio­ne di una don­na al­le pre­se con un sen­ti­men­to di cui non co­no­sce la for­za e il ri­schio.

 Il ri­schio era che il film fi­nis­se per es­se­re sof­fo­ca­to dall’en­fa­si let­te­ra­ria dei dia­lo­ghi. E in­ve­ce Fin­kiel rie­sce a fa­re il mi­ra­co­lo

In bi­ci­clet­ta L’at­tri­ce fran­ce­se Mé­la­nie Thier­ry (37 an­ni) in una sce­na del film in cui in­ter­pre­ta la scrit­tri­ce Mar­gue­ri­te Du­ras (1914 – 1996). Ab­ban­do­na­ta la car­rie­ra di mo­del­la, Mé­la­nie Thier­ry ha stu­dia­to re­ci­ta­zio­ne e ha de­but­ta­to al ci­ne­ma nel 1998 con «La leggenda del pia­ni­sta sull’ocea­no» di Tor­na­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.