Ul­ti­mo duel­lo tra sber­lef­fi e un Pi­noc­chio

I de­mo­cra­ti­ci: pre­oc­cu­pa­ti dal­le fi­bril­la­zio­ni de­gli al­lea­ti

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - Di Fa­bri­zio Ron­co­ne

Eper la se­con­da vol­ta Con­te at­tac­ca du­ra­men­te Sal­vi­ni. Il pre­si­den­te del Con­si­glio par­la 43 mi­nu­ti, dal ta­schi­no del­la giac­ca non spun­ta­no le ce­le­bri quat­tro pun­te. Di Ma­io, im­bron­cia­to, fis­sa il vuo­to. Me­lo­ni ur­la, e dal ban­co del­la Le­ga spun­ta un Pi­noc­chio in mi­nia­tu­ra.

È il se­con­do gran­de at­tac­co di Giu­sep­pe Con­te con­tro Mat­teo Sal­vi­ni do­po quel­lo di que­st’esta­te du­ran­te la cri­si di go­ver­no. Il lea­der del­la Le­ga sul Mes è per Con­te «di­sin­vol­to, ir­re­spon­sa­bi­le, ha crea­to al­lar­me nei cit­ta­di­ni e nei mer­ca­ti, è spre­giu­di­ca­to, sta dan­do pro­va di scar­sa cul­tu­ra del­le re­go­le e man­can­za di ri­spet­to per le isti­tu­zio­ni».

E que­sto è so­lo l’ini­zio, per ri­spon­de­re al­le «ac­cu­se gra­vis­si­me» che gli so­no sta­te ri­vol­te, coin­vol­ge nell’at­tac­co an­che Gior­gia Me­lo­ni: «Mi so­no sor­pre­so, se pos­so dir­lo, non del­la con­dot­ta del se­na­to­re Sal­vi­ni, le cui re­si­sten­ze a stu­dia­re i dos­sier mi so­no ben no­te, quan­to del com­por­ta­men­to del­la de­pu­ta­ta Me­lo­ni nel dif­fon­de­re no­ti­zie al­lar­mi­sti­che, pa­le­se­men­te fal­se».

Men­tre di­fen­de il Mes e i ne­go­zia­ti, men­tre ri­cor­da che tut­ti era­no sem­pre sta­ti in­for­ma­ti, com­pre­si i Cin­que Stel­le, Con­te in 50 mi­nu­ti di di­scor­so al­la Ca­me­ra, che re­pli­che­rà in­te­ra­men­te in Se­na­to, ri­ce­ve gli ap­plau­si del Pd, quel­li ti­mi­di dei 5 Stel­le, e smon­ta le ac­cu­se che gli so­no sta­te ri­vol­te. È sta­to det­to che sa­reb­be pre­vi­sta la «con­fi­sca dei con­ti cor­ren­ti dei ri­spar­mia­to­ri» e, più in ge­ne­ra­le, che «tut­ti i no­stri ri­spar­mi ver­reb­be­ro po­sti a ri­schio. È sta­to det­to che il Mes ser­vi­reb­be a be­ne­fi­cia­re le ban­che al­trui e non le no­stre. È sta­to an­che det­to che sa­reb­be sta­to già fir­ma­to, per giun­ta di not­te: fal­so, ma una fal­sa ac­cu­sa di al­to tra­di­men­to del­la Co­sti­tu­zio­ne è que­stio­ne dif­fe­ren­te dall’ac­cu­sa di aver com­mes­so er­ro­ri po­li­ti­ci, è un’ac­cu­sa che non si li­mi­ta so­lo a in­qui­na­re il di­bat­ti­to pub­bli­co e a di­so­rien­ta­re i cit­ta­di­ni, è in­di­ce del­la for­ma più gra­ve di spre­giu­di­ca­tez­za per­ché pur di lu­cra­re un qual­che ef­fi­me­ro van­tag­gio fi­ni­sce per mi­na­re al­le ba­si la cre­di­bi­li­tà del­le isti­tu­zio­ni».

In­som­ma più pe­san­te di co­sì, con­tro Sal­vi­ni e Me­lo­ni, Con­te non po­te­va es­se­re. Ma il suo in­ter­ven­to è an­che qual­co­sa di più: è una di­fe­sa a spa­da trat­ta del Mes per co­me è sta­to ne­go­zia­to. E an­che per que­sto Ro­ber­to Gual­tie­ri an­nui­sce con­ti­nua­men­te: ogni con­cet­to espo­sto da Con­te va­le un cen­no con la te­sta, un as­sen­so, co­me se al­la de­stra ci fos­se il Pd in­te­ro, men­tre al­la si­ni­stra del pre­mier in­ve­ce Lui­gi Di Ma­io è una statua di mar­mo, do­po l’in­ter­ven­to va via sen­za sa­lu­ta­re, evi­den­te­men­te si è sen­ti­to chia­ma­to in cau­sa: il pre­mier at­tac­ca la Le­ga, ma nel­le pa­ro­le e nei 20 al­le­ga­ti che ha por­ta­to con sé c’è an­che la sto­ria del­la sin­to­nia gril­li­na sul Mes, dun­que par­la a nuo­ra per­ché suo­ce­ra in­ten­da.

Il ge­lo fra il pre­mier e Di Ma­io è qua­si pal­pa­bi­le, il lea­der dei 5 Stel­le non ap­plau­de nem­me­no una vol­ta, nem­me­no quan­do lo fan­no, ti­mi­da­men­te,

Lo strap­po

Il ca­po M5S di­ser­ta il di­bat­ti­to in Se­na­to e ai suoi di­ce: Giu­sep­pe è sta­to spal­ma­to sul Pd

i suoi de­pu­ta­ti. Ap­pe­na ter­mi­na di par­la­re, Con­te si vol­ta ver­so Gual­tie­ri, ri­ce­ve le con­gra­tu­la­zio­ni, al­la sua si­ni­stra nem­me­no si gi­ra, ha ca­pi­to l’an­ti­fo­na, il di­scor­so non è sta­to gra­di­to da Di Ma­io, per­ché di ac­cen­ni in­di­ret­ti al lea­der dei 5 Stel­le, o ai suoi mi­ni­stri, l’in­ter­ven­to del pre­mier è pie­no zep­po: per­ché se il lea­der gril­li­no di­ce che ci vo­glio­no del­le cor­re­zio­ni al Mes e che non vuo­le fir­ma­re «nul­la al buio», Con­te scio­ri­na le da­te e gli in­con­tri, i Con­si­gli dei mi­ni­stri, in cui nes­su­no del M5S, non so­lo i leghisti, ne­gli scor­si 12 me­si, ha mai al­za­to un di­to. «È sta­to spal­ma­to sul Pd», di­rà stiz­zi­to Di Ma­io, che non an­drà in Se­na­to. «Pre­oc­cu­pa­ti dal­le fi­bril­la­zio­ni de­gli al­lea­ti», re­pli­ca­no fon­ti dem. Con­te a fi­ne gior­na­ta pro­va a ri­cu­ci­re, ma Di Ma­io riu­ni­sce i mi­ni­stri pri­ma del Cdm e la sto­ria del Mes da cor­reg­ge­re va avan­ti. Co­sì co­me l’ipo­te­si di un as­se in chia­ve elet­to­ra­le fra Con­te, Zin­ga­ret­ti e Gril­lo, con Di Ma­io de­po­ten­zia­to.

In Se­na­to I mi­ni­stri En­zo Amen­do­la, 45 an­ni, Ro­ber­to Spe­ran­za, 40, e Da­rio Fran­ce­schi­ni, 61

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.