Par­ti­gia­na e scrit­tri­ce, nel se­gno di Go­bet­ti

Corriere della Sera - - Cultura - di Gian­cri­stia­no De­si­de­rio

Sia­mo a To­ri­no nel set­tem­bre del 1944. Ada Go­bet­ti ha af­fis­so po­co pri­ma dei ma­ni­fe­sti sot­to i por­ti­ci e ha con sé un bel po’ di sol­di per il ca­po del­la for­ma­zio­ne Stel­li­na, Giu­lio Bo­laf­fi-la­ghi. È fer­ma­ta du­ran­te un con­trol­lo ma non è per­qui­si­ta. Per­ché? Co­sì lei stes­sa, non sen­za iro­nia, spie­ga nel Diario par­ti­gia­no: «Ma, co­me al so­li­to, nes­su­no mi dis­se nul­la; e be­ne­dis­si an­co­ra una vol­ta il mio aspet­to in­si­gni­fi­can­te — né bionda né bruna, né al­ta né bas­sa, né gras­sa né ma­gra, né bel­la né brut­ta — che mi fa pas­sa­re inos­ser­va­ta». Ma Ada Pro­spe­ro, ve­do­va di Piero Go­bet­ti mor­to a Parigi nel 1926 in se­gui­to al­le ba­sto­na­te del­le squa­dre fa­sci­ste, poi ri­spo­sa­ta­si nel 1937 con Et­to­re Mar­che­si­ni, era dav­ve­ro co­sì, «in­si­gni­fi­can­te»?

La ri­spo­sta la tro­via­mo in un li­bro bel­lo e stra­no scrit­to da Brigitte Mau­rin Fa­rel­le, so­cia e ri­cer­ca­tri­ce del Cen­tro stu­di Piero Go­bet­ti di To­ri­no, L’an­sia fol­le del volo. Sul «Diario par­ti­gia­no» di Ada Go­bet­ti (Aras edi­zio­ni, pp. 298, 25) che sca­va nel­la sto­ria del­la per­so­na­li­tà del­la gior­na­li­sta, dell’in­se­gnan­te, del­la par­ti­gia­na, del­la don­na e in­di­vi­dua la na­sci­ta del­la nuo­va Ada pro­prio nei venti me­si del­la lotta par­ti­gia­na. Il Diario è un te­sto che sfug­ge al­la fa­ci­le clas­si­fi­ca­zio­ne: au­to­bio­gra­fia, me­mo­ria, sag­gio. Fu com­po­sto nel 1949, sul­la ba­se de­gli ap­pun­ti scrit­ti in in­gle­se du­ran­te i venti me­si d’av­ven­tu­ra, ma fu pub­bli­ca­to nel 1956. Ada, do­po la fi­ne del­la guer­ra, si scri­ve con Be­ne­det­to Cro­ce sull’eter­no e nuo­vo pro­ble­ma: che fa­re? Il Diario è «una ri­spo­sta a Cro­ce». Il pun­to di par­ten­za è an­co­ra una vol­ta Go­bet­ti. Ac­ca­de, in­fat­ti, che nel di­cem­bre del 1943 Vit­to­rio Foa le chie­da un «bre­ve opu­sco­lo su Piero co­me quel­lo che Fran­co Ven­tu­ri ha fat­to su Ros­sel­li». Ri­co­struen­do la «sto­ria di Piero», Ada tro­va la sua stra­da e la sua guer­ra, av­via la sua sto­ria di par­ti­gia­na dei Grup­pi di di­fe­sa del­la don­na in una «staf­fet­ta» idea­le e rea­le tra gli uo­mi­ni e le don­ne, i morti e i vivi, le ge­ne­ra­zio­ni e le Ita­lie.

Ri­co­struen­do la «sto­ria di Piero», tro­va la sua stra­da di com­bat­ten­te nei Grup­pi di di­fe­sa del­la don­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.