Corriere della Sera

UN DI­LU­VIO DI NORME

NORME

- di En­ri­co Mar­ro United Nations · Giuseppe Conte · Every Day · Five Star Movement

Un go­ver­no che a ogni piè so­spin­to pro­met­te di sem­pli­fi­ca­re è di­ven­ta­to in­ve­ce un uf­fi­cio com­pli­ca­zio­ni. Lo di­mo­stra il di­lu­vio di 250 at­ti, tra de­cre­ti, dpcm, cir­co­la­ri e or­di­nan­ze. Un gro­vi­glio di norme e pro­ce­du­re di cui han­no ri­sen­ti­to il pa­ga­men­to del­la cas­sa in­te­gra­zio­ne e l’ero­ga­zio­ne dei pre­sti­ti. Ma lo di­mo­stra an­che la te­le­no­ve­la di quel­lo che do­ve­va es­se­re il de­cre­to Apri­le, poi ri­bat­tez­za­to Ri­lan­cio. An­che se il no­me giu­sto sa­reb­be de­cre­to Ri­tar­do.

P iù gior­ni pas­sa­no e più di­ven­ta dif­fi­ci­le per il pre­mier chiudere que­sta ma­no­vra da 55 mi­liar­di. Giu­sep­pe Con­te lo ha ca­pi­to, ma non rie­sce a con­vo­ca­re il Con­si­glio dei mi­ni­stri. Ogni gior­no è co­stret­to a pren­de­re at­to che i contrasti nel­la mag­gio­ran­za so­no tutt’al­tro che ri­sol­ti, a co­min­cia­re da quel­lo sul­la re­go­la­riz­za­zio­ne dei mi­gran­ti, che at­tra­ver­sa al pro­prio in­ter­no an­che il Mo­vi­men­to 5 Stel­le e do­ve i par­ti­ti sem­bra­no te­ne­re più a piaz­za­re le lo­ro ban­die­ri­ne che al be­ne di fa­mi­glie e im­pre­se che aspet­ta­no ri­spo­ste ur­gen­ti di fron­te a una cri­si che si ag­gra­va col pas­sa­re dei gior­ni.

Non so­lo. Te­ne­re aper­te le boz­ze del prov­ve­di­men­to fa­vo­ri­sce il gio­co del­le ri­chie­ste al rial­zo. Lo stia­mo ve­den­do in que­ste ore. I sin­da­ca­ti so­sten­go­no che i fondi per gli am­mor­tiz­za­to­ri so­cia­li so­no in­suf­fi­cien­ti, in par­ti­co­la­re per i fondi bi­la­te­ra­li di so­li­da­rie­tà per gli ar­ti­gia­ni. I Co­mu­ni la­men­ta­no il crol­lo del­le en­tra­te del­la tas­sa di sog­gior­no per via dei tu­ri­sti che non ci so­no più e chie­do­no mag­gio­ri tra­sfe­ri­men­ti al­lo Sta­to, «al­tri­men­ti si bloc­che­ran­no i ser­vi­zi e i ri­fiu­ti re­ste­ran­no per stra­da». Gli al­ber­ga­to­ri, i ri­sto­ra­to­ri e tut­ti gli al­tri im­pren­di­to­ri del

Osta­co­li

Più gior­ni pas­sa­no e più di­ven­ta dif­fi­ci­le per il pre­mier chiudere que­sta ma­no­vra da 55 mi­liar­di

tu­ri­smo in­vo­ca­no aiu­ti a fon­do per­du­to an­che per le im­pre­se con più di 5 mi­lio­ni di fat­tu­ra­to, al­tri­men­ti «è co­me de­cre­ta­re la mor­te del set­to­re». Le scuo­le pa­ri­ta­rie gri­da­no al­lo scandalo per­ché per lo­ro ci sa­reb­be­ro so­lo 65 mi­lio­ni. La Con­fi­tar­ma af­fer­ma che il set­to­re del­la na­vi­ga­zio­ne «è sta­to di­men­ti­ca­to».

E tut­to que­sto ac­ca­de men­tre, pa­ra­dos­sal­men­te, tra i va­ri pro­ble­mi di co­per­tu­ra che so­no emer­si ie­ri c’è sta­to per­fi­no quel­lo di ga­ran­ti­re le risorse per da­re un bo­nus sul­la re­tri­bu­zio­ne del

Ur­gen­za È in­di­spen­sa­bi­le ap­pro­va­re in Con­si­glio dei mi­ni­stri evi­tan­do la for­mu­la «sal­vo in­te­se»

per­so­na­le sa­ni­ta­rio, co­sa che do­vreb­be ave­re as­so­lu­ta prio­ri­tà.

Co­sì van­no le co­se. As­si­stia­mo a que­sto stil­li­ci­dio di riu­nio­ni, tec­ni­che e po­li­ti­che, diur­ne e not­tur­ne, con norme che en­tra­no ed esco­no, ac­cor­di con­clu­si ai mas­si­mi li­vel­li e su­bi­to do­po ri­mes­si in di­scus­sio­ne, boz­ze che cam­bia­no di con­ti­nuo. Be­ne che va­da ar­ri­ve­ran­no al­tri 250-300 ar­ti­co­li di leg­ge, cui se­gui­ran­no chis­sà quan­ti de­cre­ti e cir­co­la­ri ap­pli­ca­ti­ve. E poi, te­ne­te­vi for­te, ar­ri­ve­rà un al­tro de­cre­to leg­ge che il go­ver­no ha già bat­tez­za­to Sem­pli­fi­ca­zio­ni (sic!).

Ma tor­nia­mo al de­cre­to Ri­lan­cio: sa­reb­be im­pe­ra­ti­vo con­vo­ca­re il Con­si­glio dei mi­ni­stri e fi­nal­men­te ap­pro­var­lo. Con una pre­ghie­ra, pe­rò: non lo si fac­cia, co­me al so­li­to, con la for­mu­la «sal­vo in­te­se». Per­ché co­sì sa­rem­mo pun­to a ca­po.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy