Corriere della Sera

Mar­cuc­ci: al­to­là in­com­pren­si­bi­li È l’uni­co ese­cu­ti­vo pos­si­bi­le se non si im­pan­ta­na nei dik­tat

Il ca­po­grup­po pd: il de­cre­to an­drà in Au­la, ed è mo­di­fi­ca­bi­le

- di Ma­ria Te­re­sa Me­li

Se­na­to­re An­drea Mar­cuc­ci, i 5 Stel­le han­no bloc­ca­to la re­go­la­riz­za­zio­ne dei mi­gran­ti...

«La vi­ta di una mag­gio­ran­za e di una coa­li­zio­ne co­sì com­po­si­ta e con pro­ve­nien­ze cul­tu­ra­li e po­li­ti­che co­sì di­ver­se è com­pli­ca­ta e ha ne­ces­si­tà di gran­de la­vo­ro e di sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà e so­prat­tut­to di gran­de ca­pa­ci­tà di mediazione. Cer­te vol­te evi­den­te­men­te si fa un po’ più fa­ti­ca: la vi­cen­da del­la re­go­la­riz­za­zio­ne è uno di que­sti ca­si. Se­con­do me il pun­to di equi­li­brio tro­va­to è ra­gio­ne­vo­le per la di­gni­tà del la­vo­ro, per le esi­gen­ze eco­no­mi­che, il sen­so di giu­sti­zia so­cia­le e an­che per la te­nu­ta del­le isti­tu­zio­ni, quin­di sin­ce­ra­men­te ho dif­fi­col­tà a com­pren­de­re que­sto al­to­là dei 5 Stel­le».

Voi del Pd fa­te i re­spon­sa­bi­li ma qual­che os­ser­va­to­re so­stie­ne che sia­te suc­cu­bi dei gril­li­ni.

«Sia­mo co­scien­ti del ruo­lo che ab­bia­mo in que­sto qua­dro: lo por­tia­mo avan­ti con di­gni­tà non per­den­do mai di vi­sta l’in­te­res­se ge­ne­ra­le. Og­gi l’ita­lia ha bi­so­gno di un go­ver­no e que­sto è il go­ver­no pos­si­bi­le se non si im­pan­ta­na nei dik­tat».

Sem­bra una mag­gio­ran­za sull’or­lo di una cri­si di ner­vi.

«Se­con­do me il go­ver­no Con­te ha da­to buo­na pro­va di sé, in par­ti­co­la­re nell’emer­gen­za sa­ni­ta­ria. Per cer­ti ver­si, il pros­si­mo pas­sag­gio del de­cre­to Ri­lan­cio sa­rà de­ter­mi­nan­te. Sa­rà la più gran­de leg­ge di bi­lan­cio nel­la sto­ria re­cen­te del Pae­se e noi que­sto one­re lo por­tia­mo avan­ti con de­ter­mi­na­zio­ne, sen­za ar­ren­der­ci, sa­pen­do che que­sto è quel­lo che ci chie­de il Pae­se».

Si, ma i 5 Stel­le han­no ten­ta­to di det­tar­vi la li­nea an­che sul­le re­go­la­riz­za­zio­ni.

«Ci so­no del­le im­pun­ta­tu­re da par­te di tut­ti, M5S, Iv, Leu, qual­che vol­ta an­che da par­te no­stra. Ogni vol­ta bi­so­gna cer­ca­re di me­dia­re per tro­va­re una so­lu­zio­ne, pe­rò è que­sto quel­lo che va fat­to, non ci so­no al­ter­na­ti­ve se si vuo­le an­da­re avan­ti».

Il Par­la­men­to ha non so­lo il di­rit­to ma an­che il do­ve­re di ana­liz­za­re ogni ar­ti­co­lo

C’è chi pen­sa che l’al­ter­na­ti­va sia il go­ver­no Dra­ghi.

«Non è giu­sto ipo­tiz­za­re sce­na­ri che non esi­sto­no. Bi­so­gna, nel mi­glior mo­do pos­si­bi­le, riu­sci­re a por­ta­re avan­ti l’azio­ne di go­ver­no e far si che sia in­ci­si­va e ri­spon­da ai pro­ble­mi che ab­bia­mo di fron­te».

Tor­nan­do al po­te­re di ve­to dei 5 Stel­le...

«Io so­no tra quel­li che non si ar­ren­do­no: lo dob­bia­mo all’ita­lia. E quin­di sui mi­gran­ti, sull’agri­col­tu­ra co­sì co­me sull’eu­ro­pa e sul Mes noi sia­mo de­ter­mi­na­ti».

Ma vi­sto l’at­teg­gia­men­to del M5S vi è sor­to il dub­bio di go­ver­na­re con la de­stra?

«Io ho pro­va­to a fa­re una di­sa­mi­na dei 5 Stel­le all’epo­ca del lo­ro enor­me suc­ces­so elet­to­ra­le, poi pe­rò mi so­no ar­re­so. Nell’espe­rien­za di go­ver­no, tra i gril­li­ni, ho tro­va­to an­che per­so­ne va­li­de, di­spo­ni­bi­li e ra­gio­ne­vo­li, ma ogni tan­to pre­va­le la lo­gi­ca del­la ban­die­ri­na che va su­pe­ra­ta. Pe­rò, ri­ba­di­sco, non è un fe­no­me­no ascri­vi­bi­le so­lo a lo­ro. A tur­no ca­pi­ta a tut­ti nel­la mag­gio­ran­za. Ep­poi non mi sem­bra che que­sto go­ver­no ab­bia una ma­tri­ce di de­stra, ma de­ve cer­ca­re di es­se­re più ri­for­mi­sta».

Pu­re lei pe­rò ha cri­ti­ca­to

que­sto go­ver­no per­ché ha by­pas­sa­to il Par­la­men­to.

«Il go­ver­no si è as­sun­to un ruo­lo che è an­da­to al di là del­la nor­ma­le di­na­mi­ca di un ese­cu­ti­vo, con tan­ti Dpcm e tan­ti de­cre­ti leg­ge. Bi­so­gne­rà tor­na­re al­la nor­ma­li­tà».

Os­sia?

«La nor­ma­li­tà del­le re­go­le di una de­mo­cra­zia par­la­men­ta­re. E a que­sto pro­po­si­to vo­glio di­re che il de­cre­to Ri­lan­cia Ita­lia co­mun­que non è im­mo­di­fi­ca­bi­le. Io so­no con­vin­to che il Par­la­men­to ab­bia non so­lo il di­rit­to ma an­che il do­ve­re di ana­liz­za­re ogni sin­go­li ar­ti­co­lo — e so­no tan­ti — ogni sin­go­lo in­ter­ven­to, e di da­re il pro­prio con­tri­bu­to, com­pre­so quel­lo, se sa­rà ne­ces­sa­rio, di mo­di­fi­car­lo. Il Par­la­men­to ha avu­to un ruo­lo per­ché ha con­tri­bui­to a far nascere que­sto go­ver­no, con l’uso dei Dpcm que­sto rap­por­to si è com­pli­ca­to, e ora è fi­nal­men­te giun­to il mo­men­to di tor­na­re al­la nor­ma­li­tà del­la de­mo­cra­zia par­la­men­ta­re. Guai a non far­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy