Corriere della Sera

«Co­sì i no­stri pri­mi pas­si con il pla­sma»

- (Ima­goe­co­no­mi­ca) Si­mo­na Ra­viz­za Health · Medicine · Julius Caesar · Novara Calcio

«Un’in­ter­vi­sta? Per fa­vo­re, pe­rò, scri­va Fau­sto Bal­dan­ti, vi­ro­lo­go da la­bo­ra­to­rio». Cin­quan­ta­sei an­ni, spo­sa­to e con due fi­gli, una cat­te­dra all’uni­ver­si­tà di Pa­via, da 26 an­ni all’irccs San Mat­teo di Pa­via. Il medico che ha pro­to­col­la­to la pri­ma nuo­va cu­ra ita­lia­na con­tro il Co­vid-19, os­sia la som­mi­ni­stra­zio­ne di pla­sma ipe­rim­mu­ne do­na­to dai pa­zien­ti gua­ri­ti agli am­ma­la­ti più gra­vi, am­met­te su­bi­to la sua al­ler­gia al­la tv e ai mass me­dia in ge­ne­ra­le: più che ri­la­scia­re interviste pre­fe­ri­sce sta­re tra le pro­vet­te 15 ore al gior­no. La pro­va che è la ve­ri­tà è nel­le sei ore di at­te­sa per l’in­ter­vi­sta: «Mi di­spia­ce ma ero in una call con gli Usa. Non po­te­vo ri­man­dar­la per il fu­so ora­rio». L’ar­go­men­to del­la te­le­fo­na­ta non lo vuo­le di­re: «È an­co­ra pre­sto».

Quan­do le è ve­nu­ta l’idea che con il san­gue di chi ha su­pe­ra­to il co­ro­na­vi­rus si po­tes­se cu­ra­re chi è in te­ra­pia in­ten­si­va?

«È sa­ba­to 29 feb­bra­io. È ap­pe­na tra­scor­sa la set­ti­ma­na più dram­ma­ti­ca del­la mia vi­ta da medico: i ma­la­ti ar­ri­va­no a cen­ti­na­ia, tut­ti in­sie­me, in ospe­da­le. Gra­vis­si­mi. Il tas­so di mor­ta­li­tà è paz­ze­sco: uno ogni sei di chi en­tra in Ria­ni­ma­zio­ne non ce la fa. Ci tro­via­mo in la­bo­ra­to­rio io e l’in­fet­ti­vo­lo­go Raffaele Bru­no e ci guar­dia­mo in fac­cia: “Ades­so co­me li cu­ria­mo?”. Ai tem­pi non c’è nes­su­na te­ra­pia cer­ta.

Il ten­ta­ti­vo è di pro­va­re l’ef­fi­ca­cia dei far­ma­ci con­tro l’hiv con gli an­tin­fiam­ma­to­ri».

Co­sa vi di­te lei e Bru­no?

«Vuo­le la ve­ri­tà? Io non mi ri­cor­do più chi di noi due quel sa­ba­to mat­ti­na a un cer­to pun­to az­zar­da: “Ma se pro­vas­si­mo con il pla­sma dei con­va­le­scen­ti?”. Sap­pia­mo che una te­ra­pia si­mi­le è già sta­ta uti­liz­za­ta per l’ebo­la e la Sars. Ci col­le­ghia­mo on­li­ne a Med­li­ne, il da­ta­ba­se sul­la let­te­ra­tu­ra scien­ti­fi­ca. Tro­via­mo le con­fer­me che cer­chia­mo».

Co­sa suc­ce­de do­po?

«Te­le­fo­nia­mo su­bi­to a Ce­sa­re

Pe­rot­ti, a ca­po del­la Me­di­ci­na tra­sfu­sio­na­le. È en­tu­sia­sta del­la no­stra idea».

Co­me pro­ce­de­te?

«Il vi­rus l’ave­va­mo già iso­la­to in la­bo­ra­to­rio. De­ci­dia­mo di far­lo espan­de­re in provetta per ave­re del­le do­si ugua­li da uti­liz­za­re co­me bersaglio del sie­ro dei pa­zien­ti ri­co­ve­ra­ti».

Il pri­mo te­st?

«È il 10 mar­zo. Quel­la not­te non dor­me nes­su­no di noi tre. I ri­sul­ta­ti ar­ri­va­no a bre­ve: più il li­vel­lo di an­ti­cor­pi neu­tra­liz­zan­ti, quel­li svi­lup­pa­ti dai pa­zien­ti che han­no avu­to il vi­rus, è al­to, più la ma­lat­tia di chi è an­co­ra ma­la­to re­gre­di­sce».

I ri­sul­ta­ti due me­si do­po?

«Ab­bia­mo pre­sen­ta­to l’or­mai no­to stu­dio pi­lo­ta, os­sia quel­lo che si ef­fet­tua per te­sta­re un’idea. So­no sta­ti ar­ruo­la­ti 46 pa­zien­ti tra Pa­via, Man­to­va e uno a No­va­ra. La mor­ta­li­tà è pas­sa­ta a 1 ogni 16 pa­zien­ti. So­no mi­glio­ra­ti gli in­di­ci in­fiam­ma­to­ri e i pa­ra­me­tri dell’os­si­ge­na­zio­ne. Il no­stro pro­to­col­lo è ri­chie­sto da tut­to il mon­do. Ora ser­vo­no do­na­to­ri».

 ??  ?? La rac­col­ta
Una sac­ca di pla­sma all’ospe­da­le San Mat­teo di Pa­via, il pri­mo do­ve è sta­ta spe­ri­men­ta­ta la cu­ra dei pa­zien­ti col­pi­ti dal Co­vid-19 con il san­gue dei con­va­le­scen­ti
La rac­col­ta Una sac­ca di pla­sma all’ospe­da­le San Mat­teo di Pa­via, il pri­mo do­ve è sta­ta spe­ri­men­ta­ta la cu­ra dei pa­zien­ti col­pi­ti dal Co­vid-19 con il san­gue dei con­va­le­scen­ti
 ??  ?? Chi è Fau­sto Bal­dan­ti, 56 an­ni, da 26 all’irccs San Mat­teo di Pa­via
Chi è Fau­sto Bal­dan­ti, 56 an­ni, da 26 all’irccs San Mat­teo di Pa­via

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy