Corriere della Sera

Ad­dio all’ere­ti­co Giu­lio Sa­vel­li Pub­bli­cò «Por­ci con le ali»

Nel suo ca­ta­lo­go an­ti­con­for­mi­sta an­che ti­to­li co­me «Scrit­to­ri e po­po­lo» e «La stra­ge di Sta­to»

- Di Pier­lui­gi Bat­ti­sta Arts · Literature · Milan · Che Guevara · Simone · Mauritius · Goffredo Fofi

Già da tem­po Giu­lio Sa­vel­li, scom­par­so all’età di 78 an­ni, non era più im­pe­gna­to di­ret­ta­men­te nel mon­do dell’edi­to­ria, ma chiun­que ab­bia l’età per ri­cor­da­re che co­sa sia sta­ta la pro­du­zio­ne cul­tu­ra­le de­gli an­ni Ses­san­ta e Set­tan­ta non può che as­so­cia­re il no­me Sa­vel­li, e, pri­ma an­co­ra del­la se­pa­ra­zio­ne, Sa­mo­nà e Sa­vel­li, a una ca­sa edi­tri­ce che è sta­ta un sim­bo­lo di una si­ni­stra ir­re­go­la­re e non con­for­mi­sta, te­me­ra­ria e fuo­ri da­gli sche­mi (e per que­sto so­spet­ta­ta, nel lin­guag­gio le­gno­so e ot­tu­so di al­lo­ra, di es­se­re nien­te­me­no che in odo­re di «tro­tski­smo»).

Tut­ti sa­pe­va­no che un li­bro con quel mar­chio o con quel no­me avreb­be por­ta­to con sé qual­co­sa di non dog­ma­ti­co, di cu­rio­so, di non fa­cil­men­te clas­si­fi­ca­bi­le. Li­bri po­co con­so­ni all’idea­zio­ne cul­tu­ra­le main­stream. Nel cuore de­gli an­ni Ses­san­ta è al­la ca­sa edi­tri­ce di Sa­vel­li che Alberto Asor Ro­sa, al­lo­ra gio­va­ne espo­nen­te dell’ere­sia «ope­rai­sta», af­fi­da il suo Scrit­to­ri e po­po­lo, che ro­ve­sciò ge­rar­chie e ca­no­ni del­la sto­ria del­la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na si­no ad al­lo­ra co­di­fi­ca­ta, una scos­sa di mo­der­ni­tà e di ori­gi­na­li­tà che in­fat­ti mi­se a soq­qua­dro le abi­tu­di­ni son­no­len­te del­la cul­tu­ra di si­ni­stra più ac­ca­de­mi­ca e dot­tri­na­ria.

Nel cuore de­gli an­ni Set­tan­ta, in­ve­ce, Roc­co e An­to­nia, e cioè Marco Lom­bar­do Ra­di­ce e Li­dia Ra­ve­ra, con Por­ci con le ali, ar­ric­chi­to da una co­per­ti­na bel­lis­si­ma di Pa­blo Echaur­ren, che ne di­se­gnò mol­te per la ca­sa edi­tri­ce in cui ave­va as­sun­to un ruo­lo sem­pre più de­ci­si­vo Di­no Au­di­no, con­se­gna­ro­no al­la Sa­vel­li un li­bro che fa­rà sto­ria, che se­gne­rà l’ir­ru­zio­ne del pri­va­to, dei sen­ti­men­ti, del ses­so in una ge­ne­ra­zio­ne che mo­stra­va sem­pre mag­gio­re in­sof­fe­ren­za ver­so le ri­gi­di­tà del­la politica uf­fi­cia­le, com­pre­sa quel­la del­la si­ni­stra co­sid­det­ta ex­tra­par­la­men­ta­re o che co­mun­que ri­fiu­ta­va l’ar­ruo­la­men­to nell’eser­ci­to cul­tu­ra­le del Pci.

La Sa­vel­li fu una for­na­ce di ri­vi­ste: «La Si­ni­stra», per un po’ diretta da Lu­cio Colletti e che eb­be qual­che gua­io do­po aver pub­bli­ca­to in co­per­ti­na, co­me som­ma pro­vo­ca­zio­ne, le istru­zio­ni per fab­bri­ca­re la per­fet­ta bot­ti­glia Mo­lo­tov; «Om­bre Ros­se», con­se­gna­ta al­le cu­re di Goffredo Fo­fi; il «Le­via­ta­no» di Paolo Flo­res d’ar­cais; la ri­vi­sta di let­te­ra­tu­ra «Ca­li­ba­no». Ri­schiò mol­to quan­do, pas­sa­to da po­co il 12 di­cem­bre 1969 del mas­sa­cro del­la Ban­ca na­zio­na­le dell’agri­col­tu­ra di piaz­za Fon­ta­na a Milano, pub­bli­cò La stra­ge di Sta­to, de­fi­ni­zio­ne che da al­lo­ra di­ven­te­rà mo­ne­ta corrente del­la po­le­mi­ca politica e sto­rio­gra­fi­ca dei de­cen­ni suc­ces­si­vi.

L’ispi­ra­zio­ne cul­tu­ra­le del­la Sa­vel­li com­pren­de­va, ac­can­to al­la politica e al­la pub­bli­ca­zio­ne per la pri­ma vol­ta di un te­sto di Che Gue­va­ra, la let­te­ra­tu­ra, il ci­ne­ma, e an­che la mu­si­ca, af­fi­da­ta a Si­mo­ne Des­sì, che poi era lo pseu­do­ni­mo di Lui­gi Man­co­ni, e ar­ric­chi­ta qua­si al­la fi­ne del­la sto­ria del­la ca­sa edi­tri­ce da un vo­lu­me a più vo­ci in­ti­to­la­to La chi­tar­ra, il pia­no­for­te e il po­te­re. Tra le vo­ci del­la let­te­ra­tu­ra spic­ca­va l’in­te­res­se per un ir­re­go­la­re as­so­lu­to co­me Paul Ni­zan («Ave­vo vent’an­ni, non per­met­te­rò a nes­su­no di di­re che que­sta è la più bel­la età del­la vi­ta») stu­dia­to e pro­mos­so da una del­le vo­ci più sen­si­bi­li del­la ca­sa edi­tri­ce, Mau­ri­zio Flo­res d’ar­cais, che de­ci­de­rà di met­te­re fi­ne al­la sua gio­va­nis­si­ma vi­ta la­scian­do un gran­de vuo­to, tra chi gli vo­le­va be­ne e an­che nel mon­do dell’edi­to­ria di que­gli an­ni.

E da­to che al­lo­ra la politica sem­bra­va qual­co­sa di po­ten­te, ma an­che di pre­po­ten­te, una crea­tu­ra on­ni­vo­ra che pre­ten­de­va una de­di­zio­ne as­so­lu­ta, una ca­sa edi­tri­ce co­me la Sa­vel­li non po­te­va che inau­gu­ra­re una col­la­na in­ti­to­la­ta «Il pa­ne e le ro­se», ri­chia­man­do una del­le pa­gi­ne più glo­rio­se del mo­vi­men­to ope­ra­io, e al­lu­den­do all’in­scin­di­bi­li­tà di due im­pul­si, il «pa­ne» del­le ri­ven­di­ca­zio­ni ma­te­ria­li, e le «ro­se» dell’eman­ci­pa­zio­ne cul­tu­ra­le, che trop­po spes­so la si­ni­stra nel­la ver­sio­ne au­to­ri­ta­ria ha tra­di­to e mor­ti­fi­ca­to. Tem­pi che og­gi sem­bra­no lon­ta­nis­si­mi.

Giu­lio Sa­vel­li, co­me il suo mae­stro e so­da­le Colletti, ha im­boc­ca­to un per­cor­so po­li­ti­co che lo ha por­ta­to mol­to lon­ta­no dai ca­no­ni di quel­la sta­gio­ne. Il mon­do è cam­bia­to e la si­ni­stra ir­re­go­la­re si è fat­ta es­sa stes­sa pi­gra e con­for­mi­sta. Re­sta un pez­zo di sto­ria cul­tu­ra­le che ha la­scia­to un se­gno e un no­me, Sa­vel­li, che ri­cor­da que­gli an­ni.

Af­fi­ni­tà

Più tar­di si era spo­sta­to su po­si­zio­ni li­be­ra­li co­me Lu­cio Colletti suo so­da­le e mae­stro

 ??  ?? Al­cu­ne co­per­ti­ne di li­bri tra i più im­por­tan­ti pub­bli­ca­ti dal­la ca­sa edi­tri­ce Sa­mo­nà e Sa­vel­li, poi sol­tan­to Sa­vel­li
Al­cu­ne co­per­ti­ne di li­bri tra i più im­por­tan­ti pub­bli­ca­ti dal­la ca­sa edi­tri­ce Sa­mo­nà e Sa­vel­li, poi sol­tan­to Sa­vel­li
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy