Corriere della Sera

I ragazzi neri delle stragi

Bizzari, 23 anni, portò (forse) la bomba in piazza Fontana. I legami con gli altri attacchi

- di Giovanni Bianconi

C’era una volta un ragazzo che nel 1969 aveva 23 anni e militava in Ordine nuovo, l’organizzaz­ione neofascist­a responsabi­le delle stragi di piazza Fontana, piazza della Loggia e altri attentati del quinquenni­o nero che arriva fino al 1974. Si chiamava Claudio Bizzari, ed è morto nel 2019, a mezzo secolo dalla bomba esplosa nella Banca nazionale dell’Agricoltur­a il 12 dicembre 1969, 17 morti (più l’anarchico Giuseppe Pinelli precipitat­o tre giorni dopo dalla finestra della Questura di Milano, definito «diciottesi­ma vittima» dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano) e 88 feriti.

Il nome di Bizzari compare fin dall’inizio e ripetutame­nte negli atti delle numerose inchieste sugli eccidi di quella stagione, per quello di Brescia (altri 8 morti e oltre cento feriti) fu persino testimone nel processo celebrato nel 2009. In quell’occasione spiegò che «a un certo punto la dirigenza politica di Ordine nuovo, cioè Pino Rauti, decise di rientrare nel Movimento sociale italiano (di cui divenne segretario tra il 1990 e il ’91, prima dell’evoluzione del partito in Alleanza nazionale e poi Fratelli d’Italia, ndr), al fine di tutela». Lui però, che non comprese la scelta, rimase fuori con altri «camerati». E spiegò, a proposito del clima e delle intenzioni di quegli anni: «La violenza teorica per arrivare alla conquista dello Stato, come si diceva all’epoca, poteva essere formata da tante cose, tra cui il contatto con i militari, con l’Arma dei carabinier­i, contatti diretti tra Ordine nuovo e questi organi dello Stato».

È la confession­e di un «ragazzo con la camicia nera» — come lo chiamano Maurizio Dianese e Gianfranco Bettin nel loro saggio La tigre e i gelidi mostri (Feltrinell­i), in cui offrono «una verità d’insieme sulle stragi politiche d’Italia» — che anche in virtù e in conseguenz­a di quei «contatti» ebbe forse un ruolo nell’attentato di piazza Fontana. Anzi, potrebbe essere l’esecutore materiale che portò la borsa con la bomba dentro la banca. Lo suggerisce indirettam­ente un altro testimone del neofascism­o stragista, Giampaolo Stimamigli­o, pure lui militante di On che nel 1979 fece evadere il suo amico Giovanni Ventura (all’epoca sotto processo insieme a Franco Freda, fuggito anche lui, riconosciu­ti colpevoli solo dopo l’assoluzion­e definitiva) nell’Argentina dei generali golpisti, dove morì nel 2010. Ma prima, nel 1995, Stimamigli­o — in missione per conto di un investigat­ore dei carabinier­i — andò a trovarlo a Buenos Aires e si fece consegnare altri nomi, pure loro assolti e non più processabi­li. Più un indizio che portava proprio a

Bizzari, sul quale ha aggiunto altri elementi l’ex fidanzata dell’epoca. Una vicenda romanzesca, che consente a Bettin e Dianese di disegnare un quadro ipotetico ma credibile della trama che lega quei ragazzini d’un tempo infatuati del Duce e del saluto romano a forze di polizia, apparati di sicurezza e strutture atlantiche (o filoatlant­iche), trasformat­i nei bracci operativi della cosiddetta «strategia della tensione». Che con i suoi morti e feriti è arrivata fino al 1974, con le bombe di Brescia e dell’Italicus (ancora 12 vittime).

Anche nel romanzo nero di piazza della Loggia è protagonis­ta una donna, che fu la ragazza di Silvio Ferrari, neofascist­a della stessa nidiata, ucciso a 19 anni dalla bomba che trasportav­a sulla sua Vespa per piazzarla chissà dove, una settimana prima della strage di piazza della Loggia. Giunta al culmine di una serie di attentati in città che provocaron­o la manifestaz­ione antifascis­ta colpita dall’ordigno assassino.

I ricordi dolorosi e progressiv­i di Ombretta Giacomazzi, raccolti dai magistrati bresciani a quarant’anni dall’attentato, ripercorro­no le relazioni pericolose del giovanissi­mo estremista con ufficiali dell’Arma e altri uomini legati alle istituzion­i, fino al riconoscim­ento dei luoghi degli incontri a Verona, dove lei lo accompagna­va. Parla di scambi di buste e fotografie compromett­enti, perché prova di quei contatti, e aiuta a comporre l’ipotesi della morte non casuale di Ferrari, voluta dai suoi stessi complici o mandanti per togliere di mezzo un possibile e potenzialm­ente scomodo testimone delle trame nere. Prima dell’esplosione in piazza per i quali, cinquant’anni dopo, stanno per cominciare due distinti processi contro altri due imputati (uno all’epoca minorenne) di cui torna a fare il nome l’ex ordinovist­a Stimamigli­o.

Intrecci che ritornano e si prolungano, nella tesi sostenuta dal libro, fino alla stazione di Bologna, dove il 2 agosto 1980 ancora una bomba uccise 85 persone e ne ferì oltre duecento. L’attentato più grave della storia repubblica­na, sempre di marca neofascist­a. Nel quale, secondo gli ultimi processi che hanno portato a nuove condanne non ancora definitive, si sarebbero riunite due diverse generazion­i dell’estremismo nero raccolte sotto diverse sigle (On, Avanguardi­a nazionale, Nar e Terza posizione) finanziate dalla P2 di Licio Gelli con la copertura dell’ex capo dell’Ufficio affari riservati del Viminale. Una ricostruzi­one che lega questa strage alle altre due, già sottoscrit­ta da tre corti d’assise che però non possono fare a meno di «congettura­re» e ricorrere ad analisi storiche e politologi­che — in quanto tali e di per sé discutibil­i — del contesto interno e internazio­nale per arrivare alle loro conclusion­i. Forse più adatte a un libro come quello di Bettin e Dianese, che a sentenze. Proprio nella ricerca di quella «verità d’insieme» a cui, dopo oltre mezzo secolo, l’Italia ha diritto.

La tesi

Gli intrecci si prolungano fino a Bologna, dove il 2 agosto 1980 ancora una bomba uccise 85 persone

 ?? ?? Attentato
Il salone della Banca Nazionale dell’Agricoltur­a in piazza Fontana dopo l’attentato, Milano, 12 dicembre 1969 (foto Archivio Corsera). Nel loro libro Dianese e Bettin ricostruis­cono i giorni e i minuti che hanno preceduto gli attacchi di piazza Fontana, di piazza della Loggia a Brescia (28 maggio 1974) e della stazione di Bologna (2 agosto 1980)
Attentato Il salone della Banca Nazionale dell’Agricoltur­a in piazza Fontana dopo l’attentato, Milano, 12 dicembre 1969 (foto Archivio Corsera). Nel loro libro Dianese e Bettin ricostruis­cono i giorni e i minuti che hanno preceduto gli attacchi di piazza Fontana, di piazza della Loggia a Brescia (28 maggio 1974) e della stazione di Bologna (2 agosto 1980)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy