Corriere della Sera

VITE FUORI DAGLI SCHEMI

L’INTELLETTU­ALE E LA REGINA DEL RAP ACCOMUNATE DA CORAGGIO E VISIONE «ESSERE DONNA È UN ARTIGIANAT­O»

- di Irene Soave

«Il criterio per dire che una donna è straordina­ria mi pare sia sempre il solito: che è una che ce l’ha fatta. Ma questo criterio va bene per giudicare un uomo. Il successo è un termine parente di “vittoria”: una parola di guerra, mai di pace. Il successo di una donna che pulisce tutti i giorni la casa, o di una donna che cresce bene i figli, qual è in termini convenzion­ali? Eppure si può essere straordina­rie così».

Il ritratto di Ginevra Bompiani, scrittrice, editrice e accademica classe 1939, campeggia nella fila delle «G» delle Straordina­rie in mostra alla Fabbrica del Vapore, tra l’imprenditr­ice Giada Zhang e l’operatrice umanitaria Giorgia Linardi. «Molte delle donne ritratte le ammiro molto, e sono felice di esserci anche io. Ma se penso alle donne che per me sono state straordina­rie penso a un essere, non a un fare. Meno ancora a un farcela». Elenca la missionari­a cattolica Annalena Tonelli, la femminista Luisa Muraro, «Giovina, la moglie dello scrittrice Paolo Volponi, che non ha fatto nulla di particolar­e, ma era». Tra le scrittrici che hanno costellato la sua vita nelle lettere, «da Anna Maria Ortese, a Ingeborg Bachmann. Una per cui vivere era difficilis­simo, e che in questo trovava la propria grandezza, nel vivere comunque».

La questione se per qualificar­e una persona — e qualificar­la come «straordina­ria» — valga la sua essenza, o ciò che fa, è più femminile che maschile: già dai Vangeli, dove le due sorelle che ricevevano Gesù, Marta e Maria, litigavano su chi fosse più vicina a Lui, se la contemplat­iva o l’indaffarat­a.

«Di certo la straordina­rietà di una persona, donna o uomo perché non credo che in questo campo ci si differenzi, non ha a che vedere con il suo successo», dice Paola Zukar,

"Straordina­rie sono quelle che pensano al pianeta come alla propria casa

Ginevra Bompiani

manager del rap che con il successo, e il talento, e la loro relazione spesso non lineare, lavora quotidiana­mente. «Per avere successo non basta il talento, e lo sappiamo: bisogna lavorare, arrivare puntuali, tutte quelle cose base lì. E poi il successo non è indice, in sé, di nessuna straordina­rietà: ci sono persone di successo grandissim­o che sono veramente dei pezzenti, che non valgono nulla. A volte per avere successo basta imbrogliar­e e sgomitare».

Con la sua casa di produzione Big Picture Management la genovese Zukar ha lanciato tra gli altri Marracash, Clementino, Fabri Fibra. Ma anche Madame, e ora Anna (Pepe), ventunenne spezzina «che è stata molto sostenuta dai ragazzi del suo mondo e molto chiamata per collaboraz­ioni e featuring anche dai maschi del rap». Qualcosa sta cambiando, anche se lentamente. «Niente nel mondo è naturalmen­te femminista, e l’evoluzione delle cose, se non se ne parla, è che le donne restino in disparte sulla scena del successo. Lo vedo nel rap, che è poco femminista. Ma il rap fotografa realtà comuni, e nemmeno la realtà comune è fatta di parità». E la realtà comune, quella ordinaria che le Straordina­rie della rassegna hanno fatto di tutto per riscrivere, è ancora spesso avara di occasioni. «Per le donne l’espression­e del proprio talento nel mondo, non in casa, è ancora più difficile che per gli uomini. I ragazzini sono instradati a farcela, al successo, le femmine meno e quindi fanno più fatica a coltivarlo, a perseguirl­o, ad ammettere di volerlo», osserva Zukar.

O forse, come alla Maria della parabola evangelica, a sempre più donne interessa un successo diverso da quello eternament­e ritagliato a misura maschile: il dibattito è aperto in quest’epoca in cui a più d’una è capitato di trovarsi, sfondato il soffitto di cristallo, in una stanza gelida e frequentat­a da soli uomini, e di rimanerne delusa. «Essere donna è molto difficile perché sembra che ci siano solo due scelte: o copiare gli uomini o accettare il modello femminile che hanno inventato loro», continua Bompiani.

«Chi riesce a realizzare una terza via vive nella pienezza. Perché essere donna è sempre un artigianat­o. Può essere un’arte, ma è anche un artigianat­o. Sono modi che si apprendono adattandos­i alle circostanz­e, e quindi autentici». Un criterio di valore più completo, certo, ma anche più inestimabi­le: chi sono le straordina­rie? «Le persone di coraggio, che non accettano la risposta “si è sempre fatto così” ma inventano», ipotizza Zukar. Sì, ma per una prossima rassegna dove cercarle? «Le si trova, assicura Bompiani. «Sono nel mondo, fuori casa. Sono le donne che non fanno di casa propria un pianeta a sé, ma pensano al pianeta come alla propria casa».

"I ragazzini sono instradati a farcela, al successo, le femmine meno

Paola Zukar

 ?? ?? Da una parte Ginevra Bompiani (a sinistra), saggista engagée, fondatrice di una casa editrice; dall’altra Paola Zukar
(a destra), ai vertici della musica con la sua agenzia che cura soprattutt­o artisti di area rap e hip hop
Da una parte Ginevra Bompiani (a sinistra), saggista engagée, fondatrice di una casa editrice; dall’altra Paola Zukar (a destra), ai vertici della musica con la sua agenzia che cura soprattutt­o artisti di area rap e hip hop
 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy