Corriere della Sera

Audi RS 6 Avant GT, la familiare dei record ha un V8 da 630 cavalli

- m.be

Da 0 a 100 km/h in soli 3,3 secondi: la familiare più veloce nella storia di Audi. Consideran­do quanto Audi si stia impegnando sul fronte elettrico con la gamma e-tron, la RS 6 Avant GT può sembrare una deviazione a benzina dalla rotta, riservata a non più di 660 appassiona­ti, pronti a spendere come minimo 250 mila euro. La nuova edizione speciale si rivolge a una nicchia di guidatori in cerca di emozione pura e del piacere di possedere un oggetto unico, ad altissimo contenuto tecnologic­o. La RS 6 Avant GT è figlia del prototipo GTO — sviluppato quattro anni fa dagli studenti dell’Audi Akademie di Neckarsulm — per celebrare i 40 anni della trazione integrale quattro e richiamare la 90 Imsa GTO del 1989.

Progettata per partecipar­e alle competizio­ni «Usa TransAm», era spinta da un 5 cilindri da 2,2 litri da 720 cavalli, in grado di toccare una velocità massima di 310 km/h, con uno 0-100 km/h in 3,1 secondi. A distanza di 35 anni — sebbene con carrozzeri­a diversa (la 90 era berlina, la RS 6 station wagon) —, la livrea è praticamen­te identica. La GT però sfrutta in toto l’evoluzione tecnica che fa oggi del carbonio il materiale top per le vetture performant­i. Così, il cofano motore e il paraurti, per la prima volta nella storia di Audi Sport, sono in carbonio, parzialmen­te a vista, con un layout specifico. Il design non può che essere muscolare con gli inserti alle minigonne e le calotte dei retrovisor­i laterali in carbonio lucido, mentre i cerchi in lega sono da 22 pollici a 6 razze. Al retrotreno spiccano la denominazi­one in nero «RS 6 GT», il portellone ridisegnat­o — la soglia di carico è sensibilme­nte più bassa rispetto al modello standard — e l’estrattore dal layout inedito. Il generoso spoiler favorisce la deportanza e marca fortemente lo stile della vettura.

Curiosità: è la prima RS 6 Avant senza barre al tetto. In abitacolo, dove domina il nero con accenni di rosso e rame, ci sono i tocchi del «Pack design RS plus»: sedili a guscio in carbonio, l’inedita finitura cromatica dei rivestimen­ti, la numerazion­e progressiv­a della serie lungo la consolle. La RS 6 Avant GT condivide base meccanica e plus tecnici del V8 4.0 Tfsi biturbo, montato da RS 6 Avant performanc­e: può contare su una potenza massima di 630 cavalli e una coppia massima di 850 Nm. Ma complice l’alleggerim­ento di 40 chilogramm­i rispetto al modello standard e 15 rispetto a quello performanc­e, migliora ulteriorme­nte le sue grandi prestazion­i. A gestire il tutto ci sono il cambio automatico a otto rapporti e l’immancabil­e trazione integrale permanente quattro. Costituisc­ono invece un’esclusiva della variante GT il differenzi­ale posteriore sportivo dalla taratura dedicata e le sospension­i che si avvalgono di ammortizza­tori a ghiera, regolabili manualment­e. A richiesta si può adottare l’assetto sportivo RS plus con il Dynamic Ride Control. Per vedere in Italia uno dei 40 esemplari destinati da Audi al nostro mercato bisognerà attendere il secondo trimestre.

 ?? ?? L’RS 6 Avant GT, lunga 4,9 metri verrà prodotta in 660 esemplari e costerà circa 250 mila euro. Si ispira al prototipo GTO del 1989
L’RS 6 Avant GT, lunga 4,9 metri verrà prodotta in 660 esemplari e costerà circa 250 mila euro. Si ispira al prototipo GTO del 1989

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy