Ben­ko pre­me su Spa­gnol­li «Kau­f­haus, ora la fir­ma»

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Fran­ce­sco Cle­men­ti

Lo sco­glio Kau­f­haus sul­le trat­ta­ti­ve di giun­ta: l’im­pren­di­to­re Ben­ko (foto) ha ac­cet­ta­to di pro­ro­ga­re il ter­mi­ne per la fir­ma dell’ac­cor­do di pro­gram­ma (sca­du­to ieri), ma solo per ul­te­rio­ri 15 gior­ni: dun­que en­tro il 25 giu­gno Spa­gnol­li do­vrà non solo ot­te­ne­re la fi­du­cia al­la giun­ta, ma an­che sot­to­scri­ve­re l’in­te­sa con il grup­po Si­gna. Se non lo fa­rà, è pron­ta una mes­sa in mo­ra mi­lio­na­ria.

BOL­ZA­NO La mina Kau­f­haus ri­schia di far sal­ta­re le trat­ta­ti­ve di giun­ta. E non si trat­ta di un fat­to solo po­li­ti­co: il duo Ben­ko-Ha­ger ha ac­cet­ta­to di pro­ro­ga­re il ter­mi­ne per la fir­ma dell’ac­cor­do di pro­gram­ma (sca­du­to ieri), ma solo per ul­te­rio­ri 15 gior­ni: dun­que en­tro il 25 giu­gno Spa­gnol­li do­vrà non solo ot­te­ne­re la fi­du­cia al­la giun­ta, ma an­che sot­to­scri­ve­re l’in­te­sa con il grup­po Si­gna (da sot­to­por­re poi al con­si­glio co­mu­na­le). Se non lo fa­rà, è pron­ta una mes­sa in mo­ra mi­lio­na­ria, ma teo­ri­ca­men­te il sin­da­co ri­schia pu­re una de­nun­cia per omis­sio­ne di at­ti d’uf­fi­cio. Per que­sto Spa­gnol­li sta chie­den­do ai suoi giu­ri­sti un pa­re­re le­ga­le che gli con­sen­ta di gua­da­gna­re al­me­no un pa­io di me­si.

Il pro­get­to Kau­f­haus, piac­cia o no, ri­ma­ne il ma­ci­gno prin­ci­pa­le sul­le trat­ta­ti­ve di giun­ta. Gli eco­so­cia­li chie­do­no il die­tro-front to­ta­le sull’operazione, e ad­di­rit­tu­ra la can­cel­la­zio­ne del­la nor­ma (ar­ti­co­lo 55 quin­quies). La novità po­li­ti­ca di questi gior­ni, pe­rò, è che an­che l’Svp è or­mai fred­da sul pro­get­to: la pat­tu­glia ben­kia­na nel­la li­sta non è an­da­ta be­ne (solo An­na Pi­ta­rel­li elet­ta in con­si­glio) e sul­la scia di Die­ter Ste­ger il par­ti­to ha fat­to ca­pi­re che lo stop a Ben­ko non è più un ta­bù. An­che nel Pd po­chi pa­io­no di­spo­sti a «mo­ri­re» per il pro­get­to, e il ce­ri­no a que­sto pun­to re­sta in ma­no a Spa­gnol­li: il sin­da­co da sem­pre è fa­vo­re­vo­le all’operazione nel me­ri­to, ma so­prat­tut­to ha le ma­ni le­ga­te dal­la pro­ce­du­ra di leg­ge.

Se­con­do i cal­co­li del grup­po Ben­ko, giu­sto ieri sca­de­va­no i ter­mi­ni per la fir­ma del sin­da­co sull’ac­cor­do di pro­gram­ma. Que­st’ul­ti­mo pre­ve­de la ces­sio­ne del­le aree al­la so­cie­tà Si­gna e il di­rit­to a co­strui­re in cam­bio di 99,1 mi­lio­ni de­sti­na­ti al Co­mu­ne. Do­po un lun­go la­vo­ro, la con­fe­ren­za dei ser­vi­zi (for­ma­ta da tec­ni­ci comunali e pro­vin­cia­li) ha da­to pa­re­re fa­vo­re­vo­le al te­sto, e pu­re le ul­ti­me os­ser­va­zio­ni pre­sen­ta­te dal sin­da­co so­no sta­te ac­col­te. A que­sto pun­to, Spa­gnol­li non può sem­pli­ce­men­te ti­rar­si in­die­tro e non fir­ma­re: l’uni­co mo­do le­git­ti­mo per usci­re dall’operazione è por­ta­re la de­li­be­ra in con­si­glio e boc­ciar­la.

Ben­ko ha con­ces­so una pro­ro­ga, ma di so­le due settimane: la fir­ma è at­te­sa non ol­tre il 25 giu­gno, lo stes­so gior­no in cui sca­de il tem­po per fa­re la nuo­va giun­ta. «Ab­bia­mo già mo­stra­to gran­de pa­zien­za in pas­sa­to — spie­ga Ha­ger —, non pos­sia­mo ac­cet­ta­re ul­te­rio­ri ri­tar­di per­ché la so­cie­tà ne avreb­be un dan­no eco­no­mi­co. At­ten­dia­mo an­co­ra la for­ma­zio­ne del­la giun­ta, non ol­tre. Che suc­ce­de­rà se il sin­da­co non fir­ma? Ve­dre­mo». Ha­ger non dice di più, ma sa­reb­be già pron­ta una mes­sa in mo­ra con ma­xi-ri­chie­sta di ri­sar­ci­men­to dan­ni (al­me­no 3 mi­lio­ni) in ca­po al sin­da­co, che ri­schie­reb­be pu­re (leg­ge al­la ma­no) una de­nun­cia per omis­sio­ne d’at­ti d’uf­fi­cio. Ma do­ver fir­ma­re l’ac­cor­do di pro­gram­ma en­tro il 25 giu­gno ren­de qua­si impossibile la trat­ta­ti­va con gli eco­so­cia­li. Per que­sto il sin­da­co ha chie­sto al se­gre­ta­rio Tra­va­glia e ai giu­ri­sti comunali un pa­re­re che gli con­sen­ta al­me­no di gua­da­gna­re un pa­io di me­si, e ma­ga­ri nel frat­tem­po or­ga­niz­za­re il re­fe­ren­dum con­sul­ti­vo. La strada, inu­ti­le dir­lo, è as­sai stret­ta.

In cam­po Qui so­pra, Heinz Pe­ter Ha­ger (con gli oc­chia­li) e, più a de­stra, Re­né Ben­ko du­ran­te una pre­sen­ta­zio­ne del Kau­f­haus nel­lo «show room» di via del­la Mo­stra. Da tem­po il grup­po Si­gna e la Khb srl at­ten­do­no il via libera de­fi­ni­ti­vo per rea­liz­za­re il cen­tro com­mer­cia­le e le al­tre strut­tu­re pre­vi­ste dal pia­no di ri­qua­li­fi­ca­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.