INSEGNIAMO AI NO­STRI RA­GAZ­ZI CO­ME SI FAN­NO LE PU­LI­ZIE IN CA­SA

Corriere dell'Alto Adige - - BOLZANO E REGIONE - Chiara Be­nel­li,

Leg­ge­vo di uno stu­dio se­con­do cui chi fa le pu­li­zie domestiche avreb­be un’aspet­ta­ti­va di vi­ta me­dia­men­te più al­ta. Per le don­ne, a que­sto pun­to, le co­se si met­to­no dav­ve­ro be­ne, men­tre do­vrem­mo de­dur­ne che gli uo­mi­ni, la cui mi­no­re lon­ge­vi­tà è sta­ta già am­pia­men­te ac­cer­ta­ta, con­ti­nua­no ad ave­re pro­spet­ti­ve mol­to me­no ro­see. La mia è una con­sta­ta­zio­ne un po’ iro­ni­ca per sot­to­li­nea­re co­me pur­trop­po i la­vo­ri di ca­sa con­ti­nui­no a es­se­re ap­pan­nag­gio del­le don­ne, men­tre gli uo­mi­ni van­no vo­len­tie­ri al trai­no. Qual­che set­ti­ma­na fa mia fi­glia si è tra­sfe­ri­ta a Bo­lo­gna per ini­zia­re l’uni­ver­si­tà e ha pre­so una stan­za in af­fit­to in un ap­par­ta­men­to nel qua­le vi­vo­no ra­gaz­ze e ra­gaz­zi. Da un ra­pi­do gi­ro del­le stan­ze si in­tui­va su­bi­to chi fos­se in gra­do di rior­di­na­re un ar­ma­dio e una scri­va­nia, ma­ga­ri dan­do una spol­ve­ra­ta al pa­vi­men­to, e chi in­ve­ce no. Ol­tre­tut­to, la cu­ci­na e gli al­tri spa­zi co­mu­ni era­no tap­pez­za­ti di bi­gliet­ti­ni mi­nac­cio­si, dai qua­li si ca­pi­va che a far­si ca­ri­co del­le pu­li­zie fos­se­ro pun­tual­men­te le in­qui­li­ne. Ho avu­to giu­sto il tem­po di ri­pren­de­re un tre­no, do­po aver sa­lu­ta­to mia fi­glia, che ho ri­ce­vu­to il pri­mo mes­sag­gio: «Mam­ma, ho ap­pe­na sco­per­to che An­drea non ha mai usa­to l’aspi­ra­pol­ve­re Mi ha ad­di­rit­tu­ra chie­sto se per ca­so so co­me si ac­cen­da!». Cer­to, an­che noi don­ne do­vrem­mo far­ci un bell’esa­me di co­scien­za: ab­bia­mo avu­to de­cen­ni per stu­far­ci del ses­si­smo e del­le stu­pi­de di­vi­sio­ni di ge­ne­re del­la vi­ta quo­ti­dia­na, ep­pu­re ab­bia­mo per­se­ve­ra­to nell’er­ro­re, cre­scen­do fi­gli che, co­me i no­stri pa­dri e i no­stri ma­ri­ti, a ven­ti o trent’an­ni non so­no an­co­ra in gra­do di pre­pa­rar­si un piat­to di pa­sta o, peg­gio an­co­ra, pur sa­pen­do co­me si fa ri­ten­go­no non sia com­pi­to lo­ro. Ec­co, te­mo che se la me­dia na­zio­na­le de­gli uo­mi­ni ab­bia que­ste li­mi­ta­te ca­pa­ci­tà di so­prav­vi­ven­za, la ri­cer­ca ri­guar­do le pu­li­zie domestiche im­pli­chi dav­ve­ro pro­spet­ti­ve mol­to po­co ro­see per lo­ro.

Gen­ti­le si­gno­ra Be­nel­li,

Bi­so­gna am­met­te­re che tutte le sue con­si­de­ra­zio­ni so­no so­stan­zial­men­te esat­te. Trop­pi gio­va­ni ma­schi so­no dav­ve­ro un di­sa­stro in tut­to quan­ti ri­guar­da il te­ne­re in or­di­ne al­me­no una stan­za, la pro­pria, per non di­re una ca­sa o, se non al­tro, le sue par­ti co­mu­ni. Ci so­no for­tu­na­ta­men­te sem­pre più del­le ec­ce­zio­ni. Ed il me­ri­to di que­ste ec­ce­zio­ni è del­le ma­dri e, a vol­te, an­che del­le so­rel­le, dal­la gran­de ca­pa­ci­tà edu­ca­ti­va. Don­ne che, sin da quan­do era pic­co­lo, non han­no mai trat­ta­to il fi­glio o il fra­tel­lo co­me una sor­ta di prin­ci­pi­no, a cui tut­to è con­sen­ti­to e tut­to è do­vu­to. In­som­ma, an­co­ra una vol­ta, la par­ti­ta è in ma­no al­le don­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.