An­nun­cio di Fill «Mi fer­mo qui»

Il discesista: ho trop­pi pro­ble­mi al­la schie­na, per ga­reg­gia­re do­vrei es­se­re al 100%

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Fa­bia­no

BOL­ZA­NO Quel vo­lo del­la scor­so di­cem­bre sul­la Birds of Prey di Bea­ver Creek ha avu­to ri­per­cus­sio­ni più gra­vi del pre­vi­sto. L’ema­to­ma ri­me­dia­to al­la schie­na non si è as­sor­bi­to, co­sì Peter Fill ha de­ci­so di chiu­de­re qui la sua an­na­ta per de­di­car­si al pie­no re­cu­pe­ro.

«Per questa sta­gio­ne mi fer­mo. Per ga­reg­gia­re de­vi es­se­re al 100%. Avrei po­tu­to ten­ta­re per i Mon­dia­li, ma non ha sen­so», ha det­to. Na­to 36 an­ni fa a Ca­stel­rot­to do­ve vi­ve con sua mo­glie Ma­nue­la e i pic­co­li Leon e Noah, Peter è cu­gi­no di De­nis Kar­bon e ni­po­te di Nor­bert Pier, vo­ce dei Pas­se­rot­ti di Ca­ste­lo­rot­to che gli ha de­di­ca­to una can­zo­ne di gran suc­ces­so sot­to lo Sci­liar. Un at­to do­vu­to, in quan­to il no­me di Peter Fill ri­mar­rà per sem­pre scol­pi­to nel­la storia del­lo sci az­zur­ro: nel 2016 il carabiniere di Ca­stel­rot­to è sta­to il pri­mo scia­to­re ita­lia­no a por­ta­re al di qua del Bren­ne­ro la coppa del mon­do di discesa li­be­ra, tro­feo che è ri­ma­sto nel­la ba­che­ca del­la sua ca­sa di Ca­stel­rot­to an­che l’anno se­guen­te. Al­la par­ten­za del­la ca­bi­no­via che da Siu­si sa­le all’Al­pe, c’è una sta­tua di le­gno di ot­to me­tri in ono­re del­la sua im­pre­sa. Nel 2017 ha aggiunto al­la col­le­zio­ne la ter­za sfe­ra di cri­stal­lo, quel­la di com­bi­na­ta: un de­sti­no scrit­to per lui, pri­mo ita­lia­no sul po­dio di una ga­ra di su­per­com­bi­na­ta dal gior­no del­la sua in­tro­du­zio­ne, a Wen­gen nel 2006. Tec­ni­co e so­li­do, Peter Fill è sta­to per an­ni una cer­tez­za del­la ve­lo­ci­tà az­zur­ra. Ha sup­por­ta­to le sue qualità con la co­stan­za di un mar­tel­lo. Leg­ge­vi le clas­si­che e lui la sua par­te la fa­ce­va sem­pre.

In car­rie­ra ha rac­col­to tre vit­to­rie in coppa del mon­do, la più pre­sti­gio­sa del­la qua­li sul­la Streif di Ki­tz­bu­hel tre an­ni fa, quan­do de­di­cò il suc­ces­so al pic­co­lo Leon. Sull’al­bo d’oro di Ki­tz, gli uni­ci nomi ita­lia­ni ol­tre al suo, so­no quel­li di Ghe­di­na e Pa­ris. Peter è an­che l’uo­mo dei piaz­za­men­ti: die­ci vol­te se­con­do, no­ve ter­zo. Dai mon­dia­li è tor­na­to con due me­da­glie, un ar­gen­to nel su­pe­rG del 2009 sul­le la­stre di ghiaccio del­la te­mi­bi­le Fa­ce de Bel­le­ver­de di Val D’Ise­re e un bron­zo nel 2011 nel­la su­per­com­bi­na­ta di Gar­mi­sch vin­ta da Svin­dal da­van­ti a Ch­ri­stof In­ne­rho­fer.

La sua storia par­tì dai cam­pio­na­ti mon­dia­li ju­nio­res del 2002 quan­do si ag­giu­di­cò il ti­to­lo iri­da­to in Su­pe­rG. Quel suc­ces­so gli aprì le por­te del­la na­zio­na­le mag­gio­re e il de­but­to in coppa del mon­do, il 7 mar­zo del 2002 a Zau­chen­see in Au­stria. Cor­re­va il 28 no­vem­bre del 2008 quan­do ot­ten­ne a La­ke Loui­se la pri­ma vit­to­ria nel cir­co Bian­co.

La car­rie­ra di Peter Fill non è cer­to nuo­va agli in­for­tu­ni: nel 2010 du­ran­te la pre­pa­ra­zio­ne esti­va sul­le ne­vi ar­gen­ti­ne di Ushua­ia, ri­por­tò un se­rio in­for­tu­nio mu­sco­la­re che lo co­strin­se all’in­ter­ven­to chi­rur­gi­co.

Ora ar­ri­va un nuo­vo stop, ma il buon Peter non è ti­po da al­za­re ban­die­ra bian­ca fa­cil­men­te, né tan­to­me­no da chiu­de­re una si­mi­le car­rie­ra nel­la me­sti­zia di un mo­men­to co­me que­sto. I Mon­dia­li di Are non li fa­rà, ma tra due an­ni l’ap­pun­ta­men­to con l’iri­de è sul­le ne­vi del­la per­la del­le Do­lo­mi­ti, a Cortina all’om­bra del­le To­fa­ne, Ec­co al­lo­ra che il suo è so­lo un ar­ri­ve­der­ci: «Tor­ne­rò per­ché non vo­glio chiu­de­re co­sì la mia car­rie­ra. Pen­sa­vo di smet­te­re il pros­si­mo anno, e in­ve­ce il mio obiet­ti­vo so­no ora i Mon­dia­li di Cortina tra due an­ni».

Chis­sà che al­lo­ra lo zio Nor­bert non com­pon­ga e in­to­ni una nuo­va can­zo­ne tut­ta per lui.

In vo­lo Una discesa di Peter Fill, ve­te­ra­no del­la Naa­zio­na­le aaz­zur­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.