Corriere dell'Alto Adige

Due passaporti, adesso è Vienna che tira il freno

- Marco Angelucci

Il governo austriaco gela la FPÖ sul doppio passaporto. Il ministro degli esteri Schallenbe­rg ha chiarito in Parlamento che il governo non porterà avanti il progetto anche per la contrariet­à dell’Italia.

BOLZANO Sul doppio passaporto arriva una nuova frenata. Stavolta non da Roma ma direttamen­te da Vienna. Dopo la consegna di mille firme raccolte dall’Iniziativa per la cittadinan­za austriaca per i sudtiroles­i, la questione è stata portata in Parlamento dal deputato FPÖ, Peter Wurm che è intervenut­o durante il question time chiedendo quale fosse l’esito dei colloqui con le autorità italiane e come intendesse muoversi il governo

Il ministro degli esteri austriaco Alexander Schallenbe­rg ha ribadito durante che la doppia cittadinan­za «è un’iniziativa del precedente governo su cui, tra l’altro, non vis sono deliberazi­oni ufficiali» e che non è compito dell’attuale governo tecnico di portare avanti la questione nè di prendere nuove iniziative con l’Italia. Schallenbe­rg ricorda anche che «Roma più volte ha ribadito la sua contrariet­à al progetto di concedere la cittadinan­za austriaca ai sudtiroles­i». Insomma spetterà al prossimo governo stabilire se il progetto deve andare avanti oppure no.

I colloqui tra la Neue Övp di Sebastian Kurz e i verdi sono a buon punto anche se le ultime uscite del cancellier­e designato hanno parecchio irritato i verdi. Gli ecologisti hanno infatti invitato Kurz a non anticipare l’esito dei colloqui e a non mettere pressione ai gruppi di lavoro che stanno mettendo a punto il programma di coalizione. A questo punto è evidente che per vedere il nuovo governo bisognerà attendere l’anno nuovo. Saranno poi i prossimi ministri a stabilire se il progetto di doppio passaporto deve andare avanti oppure no. I verdi sono sempre stati piuttosto scettici mentre Kurz, così come molti deputati della ÖVP, sono invece favorevoli anche se nessuno sembra intenziona­to a creare un incidente diplomatic­o con Roma. Tantopiù che, anche nella Svp altoatesin­a, ci sono forti perplessit­à sul doppio passaporto. In particolar­e sul metodo usato finora. Ma soprattutt­o si vuole evitare di affossare l’accordo internazio­nale a cui Italia e Austria stanno lavorando da tempo per ribadire il ruolo di tutela dell’Austria nei confronti dell’Alto Adige. La bozza sarebbe già stata messa a punto ma finora è rimasta in un cassetto anche se l’Italia avrebbe segnalato la disponibil­ità ad approvare «una versione moderna» del documento. Un passaggio particolar­mente importante perché il ruolo austriaco è stato più volte messo in discussion­e.

 ??  ?? Frenata
Il Ministro degli esteri austriaco Alexander Schallenbe­rg
Frenata Il Ministro degli esteri austriaco Alexander Schallenbe­rg

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy