IN­VE­STI­RE SUL SO­STE­GNO

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Di Paul Ren­ner

La scuo­la sof­fre i col­pi del Co­vid e de­ve cor­re­re ai ri­pa­ri. Nel­la no­stra re­gio­ne gli isti­tu­ti si so­no in ge­ne­re ade­gua­ti con tem­pi­smo e con stru­men­ti va­li­di per of­fri­re il nor­ma­le cor­so di stu­di in pre­sen­za, ma so­no an­che pron­ti all’even­tua­li­tà di do­ver an­da­re on­li­ne.

La scuo­la sof­fre i col­pi del Co­vid e de­ve cor­re­re ai ri­pa­ri. Nel­la no­stra re­gio­ne gli isti­tu­ti si so­no in ge­ne­re ade­gua­ti con tem­pi­smo e con stru­men­ti va­li­di per of­fri­re il nor­ma­le cor­so di stu­di in pre­sen­za, ma so­no an­che pron­ti all’even­tua­li­tà di do­ver an­da­re on­li­ne. Il vi­rus ci ha co­stret­ti ad im­ple­men­ta­re le nostre com­pe­ten­ze di­gi­ta­li, per non far­si di nuo­vo tro­va­re im­pre­pa­ra­ti ad un’even­tua­le nuo­va emer­gen­za.

Se la pri­ma on­da­ta di vi­rus ci ha in­fat­ti col­ti di sor­pre­sa, non pos­sia­mo di­re lo stes­so di al­tri fe­no­me­ni, che an­dreb­be­ro ana­liz­za­ti ed af­fron­ta­ti in mo­do più coe­ren­te ed ef­fi­ca­ce. Le ele­zio­ni ap­pe­na svol­te han­no ad esem­pio mo­stra­to il pe­so cre­scen­te dei nuo­vi cit­ta­di­ni, av­va­lo­ran­do il mot­to: «Ab­bia­mo chia­ma­to la­vo­ra­to­ri, e so­no ve­nu­te per­so­ne». E so­no per­so­ne che por­ta­no con sé le pro­prie fa­mi­glie, per cui è da­to di no­ta­re sem­pre più spes­so pu­re nei pae­si più pic­co­li don­ne isla­mi­che ve­la­te op­pu­re con sgar­gian­ti sa­ri di ori­gi­ne in­dia­na.

Que­ste fa­mi­glie tro­va­no dif­fi­col­tà sia per i per­mes­si di sog­gior­no — che non ven­go­no con­ces­si se non si in­di­ca una re­si­den­za —, co­me pu­re per tro­va­re un do­mi­ci­lio, da­to che nes­su­no af­fit­ta a chi di­fet­ti di re­go­la­re con­trat­to di la­vo­ro, il qua­le di­pen­de dal per­mes­so di sog­gior­no. Un ve­ro cir­co­lo vi­zio­so, che non tut­ti rie­sco­no ad ag­gi­ra­re, co­me ha pro­va­to con un drib­bling mal riu­sci­to il no­to cal­cia­to­re Sua­rez.

Un pro­ble­ma nel pro­ble­ma è rap­pre­sen­ta­to dall’in­se­ri­men­to dei bam­bi­ni di ta­li fa­mi­glie nel­le scuo­le pri­ma­rie. Di­ver­si in­se­gnan­ti con­fi­da­no il lo­ro im­ba­raz­za­to e im­po­ten­te stu­po­re nel tro­var­si di fron­te crea­tu­re che non so­lo non par­la­no ma nem­me­no ca­pi­sco­no l’ita­lia­no o il te­de­sco. Cer­to, vi è la pos­si­bi­li­tà di ri­chie­de­re de­gli in­se­gnan­ti di so­ste­gno per fa­ci­li­tar­ne l’in­se­ri­men­to. Una mae­stra mi ha ri­fe­ri­to che per una bam­bi­na stra­nie­ra che non co­no­sce un so­lo vo­ca­bo­lo del­la no­stra lin­gua, è sta­ta mes­sa a di­spo­si­zio­ne una per­so­na com­pe­ten­te per ben die­ci ore. Al­la set­ti­ma­na? No: in un an­no! E qui ci si chie­de co­me mai una Pro­vin­cia che ha ot­te­nu­to dal­lo Sta­to la com­pe­ten­za pri­ma­ria per la scuo­la, e i re­la­ti­vi mez­zi fi­nan­zia­ri, non com­pren­da che il fa­ci­li­ta­re l’ap­pren­di­men­to di que­sti bam­bi­ni è il mez­zo per far­ne dei cit­ta­di­ni pre­pa­ra­ti, che po­tran­no con­tri­bui­re ad un fu­tu­ro po­si­ti­vo per la no­stra ter­ra. Inu­ti­le or­ga­niz­za­re co­sto­si con­gres­si di fu­tu­ro­lo­gia, co­me quel­lo in cor­so a Bol­za­no, se non si prov­ve­de a da­re se­rie ba­si cul­tu­ra­li al­la no­stra società.

Il fe­no­me­no è sem­pre più ri­le­van­te. Or­mai in una clas­se, tra la ven­ti­na di bim­bi o ra­gaz­zi che la com­pon­go­no, si ri­scon­tra­no per­cen­tua­li che, a se­con­da del­la cit­tà e del quar­tie­re in cui è ubi­ca­ta la scuo­la, spes­so so­no rap­pre­sen­ta­te so­lo in mi­no­ran­za da com­po­nen­ti di fa­mi­glie che ri­sie­do­no qui da al­me­no due/tre ge­ne­ra­zio­ni.

In al­cu­ne clas­si poi la stra­gran­de mag­gio­ran­za chie­de l’eso­ne­ro dall’in­se­gna­men­to del­la re­li­gio­ne cat­to­li­ca, in quan­to fe­de­le dell’islam o di al­tre co­mu­ni­tà cri­stia­ne o grup­pi re­li­gio­si o an­che per­ché non sod­di­sfat­ta dell’in­se­gnan­te. Al­cu­ni isti­tu­ti han­no pre­vi­sto una ma­te­ria al­ter­na­ti­va a ta­le ora, che co­mun­que non ri­sul­ta ob­bli­ga­to­ria. Il più del­le vol­te ri­ma­ne tut­ta­via un’«ora bu­ca», che è un gran pec­ca­to, per­ché rap­pre­sen­ta una fal­la nel no­stri si­ste­ma edu­ca­ti­vo. Se la no­stra au­to­no­mia non rie­sce a pro­dur­re di me­glio di quan­to of­fre lo Sta­to, la dob­bia­mo al­lo­ra dav­ve­ro di­chia­ra­re co­me un’au­to­no­mia po­ve­ra di vi­sio­ni di fu­tu­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.