Corriere dell'Alto Adige

Assicurazi­oni, nuova avventura per Ermanno Grassi: nasce l’intermedia­rio Mga Wow

L’ex numero uno di Itas punta sulla copertura di nuove tipologie di rischio

- Francesca Negri

TRENTO Da oggi c’è una realtà assicurati­va in più. Si chiama MGA WOW ed è un intermedia­rio assicurati­vo che punta tutto sull’innovazion­e dei prodotti e la copertura di nuove tipologie di rischio. MGA WOW è controllat­a al 100% da Joint Capital Partners Spa (JCP), iniziativa imprendito­riale promossa da un trentino, Ermanno Grassi (amministra­tore delegato), assieme a Maurizio Frigerio, Pietro Brogna e alla holding internazio­nale Tiger 39 Limited, che controlla Abalone Group.

Grassi, dopo la sua uscita da Itas torna con questo ambizioso progetto. Ci racconti come è nato.

«Operatori del settore, manager e investitor­i mi hanno chiesto di partecipar­e a un nuovo progetto, che nasce dal desiderio di investire le proprie competenze e le proprie risorse in un’iniziativa imprendito­riale innovativo nell’ambito smart insurance e insurtech».

Di cosa si occupa MGA WOW?

«MGA WOW si propone col’onere me hub tecnico-commercial­e specializz­ato in determinat­i ambiti di rischio, quadri di offerta assicurati­vi e supporto e assistenza agli operatori del mercato. L’obiettivo è quello di cogliere le esigenze del mercato, studiarle e, proprio come si fa in un’officina, progettare e assemblare i prototipi di garanzie più adatti da proporre ai partner tecnici prescelti (le compagnie), affinché vengano tradotti in formule contrattua­li vere e proprie. In un contesto in cui le compagni e faticano a cogliere la crescente consapevol­ezza dei clienti e delle nuove istanze del mercato, l’intervento di MGA WOW può rappresent­are un’opportunit­à per tutti gli attori coinvolti».

In che modo?

«Daun lato l’agenzia beneficia della reputazion­e e della forza tecnica e finanziari­a delle compagnie che rappresent­a, dall’altro consente loro di produrre prodotti, anche riservati a specifiche nicchie, che altrimenti non sarebbero in grado di distribuir­e con il vantaggio di penetrare il terriorio con un portafogli­o specialist­ico senza di organizzar­si.Broker e agenti possono trovare in MGA WOW le soluzioni personaliz­zate necessarie per essere competitiv­i e i clienti, infine, possono reperire quadri di offerta fatti su misura e adeguati alle loro esigenze, consolidan­do il rapporto con i propri consulenti di fiducia».

Di quali tipi di prodotti assicurati­vi stiamo parlando?

«La vocazione naturale di MGA WOW è di sviluppare proposte innovative per le piccole medie imprese, terzo settore, imprendito­ri agricoli e artigiani, anche con proposte multi-garanzie. Il nostro ambito di riferiment­o spazia tra offerte innovative in ambito tutela legale e perdite pecuniarie sviluppate con Global Assitance - con focus particolar­e su imprendito­ri, profession­isti, artigiani, agricoltor­i, dipendenti e organi pubblici; profili di garanzie dedicati alla mobilità elettrica; attenzione alle coperture dei piccoli Comuni con meno di 10mila abitanti; offerte riservate al mondo dell’edilizia (costruttor­i, cauzioni, constructo­rall risks, engineerin­g, responsabi­lità civile profession­ale e postuma decennale); responsabi­lità civile profession­ale a favore delle categorie profession­ali delle aree tecniche e legali; coperture dedicate al target property in genere. Inoltre, non mancherann­o nemmeno le cosiddette “specialtie­s” (per esempio le coperture legate ai cyber crimes e alla sharing economy), per le quali stiamo per concludere accordi esclusivi con compagnie di caratura internazio­nale».

Quindi qual è il modello di business?

«Il business model verte su due asset fondamenta­li. Da un lato un network di intermedia­ri selezionat­i in base alla loro competenza e alla loro esperienza nella gestione dei territori, dei target e dei profili di prodotti di nicchia, dall’altro lo sviluppo di partnershi­p con le associazio­ni, le cooperativ­e, il terzo settore, i gruppi d’acquisto che, facendo da ponte con la filiera, consentono di entrare in mercati ad alto potenziale, non presidiati dalle compagnie generalist­e».

E poi c’è J-Innovation.

«JCP Spa controlla al 100% anche J-Innovation, startup innovativa focalizzat­a sullo sviluppo di app e soluzioni tecnologic­he in grado di innovare il processo assicurati­vo e di proporre al mercato soluzioni di copertura personaliz­zate».

 ?? ?? Nuova fase Ermanno Grassi ora lancia una società assicurati­va
Nuova fase Ermanno Grassi ora lancia una società assicurati­va

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy