MO­TO Ha­slam vo­la, Biag­gi-Apri­lia non mol­la­no

Il ro­ma­no: «Non mi so­no ti­ra­to in­die­tro. Por­to a ca­sa pun­ti im­por­tan­ti. Ho pro­va­to a pas­sa­re in ogni ma­nie­ra ma qui era du­ra»

Corriere dello Sport (Campania) - - Formula 1 -

So­no sta­te due ga­re mol­to di­ver­se, quel­le cor­se dal­la Su­per­bi­ke a Kya­la­mi. Nel­la pri­ma è tor­na­ta a do­mi­na­re la Du­ca­ti, con Fa­bri­zio da­van­ti al­lo spa­gno­lo Car­los Che­ca e all'in­gle­se Leon Ha­slam. Nel­la se­con­da il pi­lo­ta del­la Su­zu­ki, lea­der del mon­dia­le, ha cen­tra­to il ber­sa­glio gros­so pre­ce­den­do il con­na­zio­na­le e Max Biag­gi, che nel­la fra­zio­ne pre­ce­den­te era sta­to so­lo quar­to, men­tre Fa­bri­zio, per pro­ble­mi agli pneu­ma­ti­ci ha chiu­so so­lo in ot­ta­va po­si­zio­ne.

Un ri­sul­ta­to dal qua­le si de­du­co­no due co­se: la pri­ma, che ri­guar­da la Du­ca­ti, è che sia­mo con­vin­ti che la bi­ci­lin­dri­ca ita­lia­na sia an­co­ra vin­cen­te e la cri­si, per­lo­me­no per quan­to ri­guar­da Ha­ga, sia dei pi­lo­ti, vi­sto che do­po il ve­lo­cis­si­mo te­st al Mu­gel­lo di Bay­liss Fa­bri­zio si è im­prov­vi­sa­men­te sve­glia­to. La se­con­da è che se Max Biag­gi e l’Apri­lia vo­glio­no por­ta­re a ca­sa que­sto mon­dia­le de­vo­no es­se­re un po’ più in­ci­si­vi.

Fa be­ne, in­fat­ti, Biag­gi a cor­re­re al mas­si­mo sen­za com­met­te­re er­ro­ri, pec­ca­to che Leon Ha­slam lo ri­pa­ghi del­la stes­sa mo­ne­ta met­ten­do­ci un piz­zi­co di cat­ti­ve­ria in più.

Ter­zo in Ga­ra 1, vit­to­rio­so in Ga­ra 2, il fi­glio di “Roc­ket Ron”, buon pi­lo­ta ne­gli an­ni ‘80, ha ora al­lun­ga­to sul ro­ma­no, por­tan­do il suo van­tag­gio a 15 pun­ti. Non so­no mol­ti, con­si­de­ran­do che la Su­per­bi­ke ne as­se­gna 50 (nel­le due man­che) a Gran Pre­mio ma, co­me si di­ce, me­glio aver­li che do­ver­li ri­con­qui­sta­re.

«Co­no­sce­va­mo le dif­fi­col­tà che avrem­mo in­con­tra­to su que­sto trac­cia­to - ha spie­ga­to Biag­gi - ma ci ho pro­va­to in tut­ti i mo­di. Ab­bia­mo fat­to un gran­de pas­so avan­ti ma an­che la Hon­da e la Su­zu­ki so­no mol­to mi­glio­ra­te. Io non mi so­no ti­ra­to in­die­tro ed ab­bia­mo por­ta­to a ca­sa un bel ter­zo po­sto, uti­le per il cam­pio­na­to. Sia dal­la se­con­da che dal­la ter­za po­si­zio­ne ho pro­va­to più vol­te a sor­pas­sa­re ma qui è ve­ra­men­te dif­fi­ci­le, pra­ti­ca­men­te c’è una so­la tra­iet­to­ria ob­bli­ga­ta per tut­ti. Ha­slam era mol- to ve­lo­ce e ha cor­so be­ne, te­nen­do le sue tra­iet­to­rie. Po­te­va ve­ni­re fuo­ri qual­co­sa di me­glio in Ga­ra 1 ma so­no ri­ma­sto in­trup­pa­to. Dob­bia­mo an­co­ra la­vo­ra­re sull’ac­ce­le­ra­zio­ne che ci met­te un po’ in dif­fi­col­tà nell’usci­ta dal­le cur­ve me­dio-len­te. Al­la lu­ce del­le due ga­re, con­si­de­ran­do quin­di il quar­to po­sto di Ga­ra 1, pos­sia­mo di­re di es­se­re usci­ti be­ne da una del­le tra­sfer­te che te­me­va­mo di più. Il di­stac­co dal­la vet­ta si muo­ve un po’ a ela­sti­co ma il cam­pio­na­to è an­co­ra ve­ra­men­te lun­go. Ora aspet­to con pia­ce­re a Mil­ler: il viag­gio ver­so l'Ame­ri­ca do­po un fi­ne set­ti­ma­na co­me que­sto sa­rà dol­ce».

Mol­to cri­ti­co con la Pi­rel­li, no­no­stan­te il suc­ces­so in Ga­ra 1, Mi­chel Fa­bri­zio.

«Era un'ot­ti­ma oc­ca­sio­ne per re­cu­pe­ra­re pun­ti - ha det­to Mi­chel - Ades­so l'obiet­ti­vo da rag­giun­ge­re è il ter­zo po­sto che sem­bra al­la por­ta­ta. Rea e Che­ca han­no 141 pun­ti con­tro i miei 95. In Ga­ra 1 è fi­la­to tut­to per­fet­ta­men­te. men­tre in Ga­ra 2, sul­la ba­se del mio pas­so del mat­ti­no ho pen­sa­to nei pri­mi gi­ri di po­ter­ci ri­pro­va­re. Poi qua­si d'im­prov­vi­so il pneu­ma­ti­co po­ste­rio­re ha ce­du­to e ho pen­sa­to a fi­ni­re la ga­ra. Non è pos­si­bi­le, pe­rò, che un team co­me il no­stro ab­bia ben tre gom­me fal­la­te in un week end, due mie e una Ha­ga La PI­rel­li non può for­nir­ci que­sto ma­te­ria­le».

Un po­dio in Ga­ra 2 non è sta­to suf­fi­cien­te al Cor­sa­ro in Sud Afri­ca per non per­de­re pun­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.