Nel­la neb­bia spun­ta So­ren­sen

Sul tra­guar­do del Ter­mi­nil­lo a se­gno il da­ne­se, Vi­no­kou­rov di­fen­de la ma­glia ro­sa

Corriere dello Sport (Campania) - - Ciclismo - Dall'in­via­to

Nan­do Aruffo TER­MI­NIL­LO - Do­po il fan­go e la piog­gia del­le ter­re se­ne­si, il fred­do pun­gen­te del mon­te ama­to da­gli ap­pas­sio­na­ti di vo­lo a ve­la e del­ta­pla­no. Il cli­ma giu­sto per il cam­pio­ne olim­pi­co Giu­lia­no Raz­zo­li, me­da­glia d'oro nel­lo sla­lom spe­cia­le lo scor­so feb­bra­io a Vancouver. L'emi­lia­no co­no­sce la fa­ti­ca di chi va in bi­ci, uno dei suoi stru­men­ti di al­le­na­men­to d'esta­te. Ec­co, l'esta­te, que­sta sco­no­sciu­ta: set­te an­ni fa, quan­do Gar­zel­li duel­lò - bat­ten­do­lo - con Si­mo­ni il cie­lo era co­per­to e il cli­ma mi­te; quan­do il co­lom­bia­no Luis Her­re­ra ar­ri­vò da so­lo nel 1992 c'era un so­le che spac­ca­va le pie­tre e spet­ta­to­ri ste­si sui pra­ti a pren­de­re il so­le.

Il fred­do, il ge­lo e le fa­ti­che del­la tap­pa tut­ta to­sca­na da Car­ra­ra a Montalcino bloc­ca­no gli uo­mi­ni di clas­si­fi­ca: Vi­no­kou­rov giu­sta­men­te si li­mi­ta ad aspet­ta­re di es­se­re at­tac­ca­to: pe­rò Evans, Ni­ba­li, Bas­so, Gar­zel­li, Cu­ne­go e Scar­po­ni (tut­ti ora nei pri­mi die­ci) sem­bra­no non ave­re né for­za né con­vin­zio­ne per far­lo. Ci pro­va­no Scar­po­ni per pri­mo, Cu­ne­go e Gar­zel­li due vol­te quan­do man­ca po­co all'ar­ri­vo e la pen­den­za del Ter­mi­nil­lo si fa più dol­ce.

Quan­do la fa­ti­ca si fa sen­ti­re, quan­do non ci so­no re­cu­pe­ri mi­ra­co­lo­si dal­la not­te al mat­ti­no, quan­do non vin­co­no sem­pre gli stes­si - qui sia­mo a ot­to vin­ci­to­ri di­ver­si in ot­to tap­pe - po­treb­be es­se­re un pic­co­lo se­gna­le di un ci­cli­smo più uma­no. Ne­gli ul­ti­mi an­ni c'era gen­te che non su­da­va sot­to il so­le co­cen­te, che non ave­va fred­do sot­to la ne­ve (ar­ri­vo di La Thui­le in Val d'Ao­sta, 2006) che fa­ce­va im­pre­se straor­di­na­rie, poi an­da­va in cri­si e il gior­no do­po ri­sor­ge­va co­me nien­te fos­se. E pe­rò poi avreb­be avu­to pro­ble­mi con il do­ping.

La con­tro­pro­va l'avre­mo senz'al­tro ne­gli ul­ti­mi die­ci gior­ni, quan­do i cor­ri­do­ri do­vran­no af­fron­ta­re una se­rie im­pres­sio­nan­te di sa­li­te, dal Mon­te Grap­pa al Mor­ti­ro­lo pas­san­do per Zon­co­lan e l'evi- ta­bi­le cro­no­sca­la­ta al Plan de Co­ro­nes.

Il Ter­mi­nil­lo, per al­tro, non è il Mont Ven­toux e non ha re­ga­la­to di­stac­chi abis­sa­li pro­prio co­me ac­ca­de­va quan­do ve­ni­va af­fron­ta­to in con­di­zio­ni at­mo­sfe­ri­che mi­glio­ri e sen­za le sco­rie di una tap­pa fa­ti­co­sa co­me quel­la di Montalcino.

Imi­tan­do Raz­zo­li - ma sfi­dan­do il fred­do in sa­li­ta, non tuf­fan­do­si a ca­po­fit­to in di­sce­sa - il da­ne­se Ch­ris An­ker So­ren­sen (nes­su­na pa­ren­te­la con il più fa­mo­so Rolf, va­li­do pro­fes­sio­ni­sta a ca­val­lo tra gli an­ni ot­tan­ta e no­van­ta) si ag­giu­di­ca la tap­pa. E pen­sa­re che un pa­io di me­si fa era ca­du­to pro­cu­ran­do­si la frat­tu­ra del­la cla­vi­co­la e te­me­va di non po­ter par­te­ci­pa­re al Gi­ro. Ha pre­ce­du­to Si­mo­ne Stor­to­ni, 24 an­ni, na­to a Chia­ra­val­le in pro­vin­cia di An­co­na, sco­per­to dal­la fa­mi­glia Reverberi per la nuo­va Col­na­go-Csf. Il mar­chi­gia­no all'ar­ri­vo trat­tie­ne a sten­to le la­cri­me: al se­con­do an­no da pro­fes­sio­ni­sta, è giun­to a tren­ta se­con­di dal­la vit­to­ria di una tap­pa al Gi­ro d'Ita­lia e ol­tre­tut­to pro­prio nel gior­no del com­plean­no del­la mam­ma. Non si sco­rag­gi: è gio­va­ne e ha tut­to il tem­po di ri­far­si.

So­no i due su­per­sti­ti di una fu­ga a lun­ga git­ta­ta ini­zia­ta a più di 120 chi­lo­me­tri dall'ar­ri­vo da 17 te­me­ra­ri. Di que­sti, so­lo cin­que evi­te­ran­no di es­se­re ri­pre­si dal grup­po del­la ma­glia ro­sa men­tre Cu­ne­go bat­te­rà poi al­lo sprint Gar­zel­li, i pri­mi quattro del­la clas­si­fi­ca ge­ne­ra­le e Scar­po­ni.

Ve­de­re in­fi­ne l'in­ge­gner Pi­not­ti, uo­mo for­te a cro­no­me­tro (e me­no in sa­li­ta) quin­to in clas­si­fi­ca a po­co più di due mi­nu­ti da Vi­no­kou­rov può es­se­re in­ter­pre­ta­to co­me un li­vel­la­men­to dei va­lo­ri e del­le for­ze in cam­po. E non è det­to che sia un fat­to ne­ga­ti­vo, an­zi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.