11º

Corriere dello Sport (Campania) - - Motori - Di Ful­vio Solms Cds

Il pi­lo­ta è pi­lo­ta, c’è po­co da fa­re. Nel pet­to un pi­sto­ne che bat­te per qual­sia­si co­sa fac­cia brum brum. Pro­va­te a da­re a Ha­mil­ton, a Iannone, a Ku­bi­ca, a Za­nar­di, a Cai­ro­li - ci­tia­mo a ca­so eh?, ma gio­chia­mo fa­ci­le - un qual­sia­si mezzo a mo­to­re e dir­gli vai, spin­gi­lo, di­ver­ti­ti. Lo fa­ran­no e si sen­ti­ran­no fe­li­ci ri­sco­pren­do­si bam­bi­ni, li­be­ri da tut­ti i con­di­zio­na­men­ti che ine­vi­ta­bil­men­te ti det­ta il tuo mon­do, quel­lo che ti per­met­te di gua­da­gna­re una mon­ta­gna di sol­di ma ti chie­de di muo­ver­ti in mo­do con­for­me.

Si sen­ti­va li­be­ro Mi­chael Schu­ma­cher quan­do sol­ca­va la Rou­te 66 a ca­val­lo di una Har­ley-Davidson, si è sen­ti­to li­be­ro Se­ba­stian Vet­tel la settimana scor­sa rea­liz­zan­do una fu­ga ana­lo­ga: via as­sie­me ad al­cu­ni ami­ci in sel­la a un “Ma­ia­le” (è il so­pran­no­me spor­co del­le Har­ley) pre­so in affitto per po­ter­si spo­sta­re da Austin a San An­to­nio. Me­no di cen­to mi­glia, ma che bel­lo!

E si è sen­ti­to li­be­ro ie­ri, do­po che Car­lo Van­zi­ni di Sky gli ha po­sto due do­man­de: “Come ti sen­ti ar­ri­van­do in un po­sto del tut­to nuo­vo per la For­mu­la 1, e qua­le mes­sag­gio vor­re­sti ri­vol­ge­re a Va­len­ti­no Ros­si do­po quel che è suc­ces­so a Se­pang?”.

BEN FAT­TO. Sul vi­so di Seb è sboc­cia­to un sor­ri­so: «Ri­spon­do su­bi­to con pia­ce­re al­la se­con­da. So­no con­vin­to che Ros­si pos­sa an­co­ra vincere. Su­bi­to do­po la ga­ra sem­bra­va do­ves­se crol­la­re ma lui è un com­bat­ten­te. Ha fat­to as­so­lu­ta­men­te la co­sa giu­sta. Co­no­sco an­che Mar­quez e Lo­ren­zo, bra­vis­si­mi ra­gaz­zi, pe­rò io avrei fat­to come Va­le». Fran­co e di­ret­to: non a ca­so è tra i po­chis­si­mi ami­ci di Ki­mi Raik­ko­nen, uno che in­ter­rom­pe i si­len­zi di ra­do, e so­lo per di­re quel che gli frul­la per la te­sta.

Pi­lo­ti. San­no co­sa si pro­va. Co­no­sco­no il sen­so del cor­re­re. Co­sì per Vet­tel è sta­to na­tu­ra­le im­me­de­si­mar­si nel plu­ri­ri­da­to Ros­si che si sta gio­can­do il Mondiale e vie­ne af­fron­ta­to di­ret­ta­men­te, mar­ca­to stret­to, tor­men­ta­to da un cam­pio­ne del mon­do che si svela Bim­bo­min­chia ed è del tut­to di­sin­te­res­sa­to a ga­reg­gia­re per vincere - ciò che sa­reb­be sta­to nel­le pos­si­bi­li­tà di Mar­quez - ma ha come uni­co sco­po il crear­gli un dan­no. COR­RE­RE CON­TRO. Re­play so­no sta­ti pro­po­sti da più pro­spet­ti­ve e uno di que­sti - il­lu­mi­nan­te - con­tie­ne il so­no­ro del mo­to­re di Mar­quez: ba­sta un’in­fa­ri­na­tu­ra di brum brum per ca­pi­re che quel bor­bot­tio che si fa ur­lo la­ce­ran­te per tor­na­re in un istan­te len­ta ebol­li­zio­ne è una sen­ten­za di Cas­sa­zio­ne, e spie­ga quan­to Mar­quez non ab­bia cor­so per sé ma con­tro qual­cu­no. Fi­gu­rar­si se suo­ni del ge­ne­re non li sap­pia leg­ge­re uno come Vet­tel.

Sull’ar­go­men­to ci sa­rà sta­ta cer­ta­men­te una gran­de sin­to­nia tra lui e Mau­ri­zio Ar­ri­va­be­ne, che quan­do la­vo­ra­va per il gran­de spon­sor fi­nan­zia­va Fer­ra­ri e Du­ca­ti, e che eb­be a che fa­re di­ret­ta­men­te con Va­len­ti­no Ros­si nei suoi due po­co for­tu­na­ti an­ni (2011 e 2012) di sof­fe­ren­za in sel­la al­la Ros­sa a due ruo­te.

An­che Raik­ko­nen - ap­pas­sio­na­to di moto e pro­prie­ta­rio di qual­che preziosa rie­la­bo­ra­zio­ne di Har­ley dal va­lo­re su­pe­rio­re ai 100.000 eu­ro - si è espres­so sul te­ma, ma è ri­ma­sto più ab­bot­to­na­to: «Ho let­to di­ver­se co­se e so che in Ma­le­sia so­no suc­ces­se co­se un po’ stra­ne. Ci so­no del­le re­go­le, ma pos­so­no es­se­re in­ter­pre­ta­re in ma­nie­ra dif­fe­ren­te. Spe­ro che Va­len­ti­no al­la fi­ne rie­sca a lot­ta­re per il Mondiale, sa­reb­be bel­lo per la Mo­toGP».

Il pro­ble­ma ve­ro og­gi, nel mo­to­mon­dia­le, non è l’in­ter­pre­ta­zio­ne del­le re­go­le ma l’as­sen­za del ca­pi­to­lo com­por­ta­men­to ostru­zio­ni­sti­co.

PO­STO

Se­con­do Snai, che quo­ta la pos­si­bi­li­tà 3.5, Ros­si a Valencia ri­sa­li­rà fi­no all’11º po­sto do­po il pri­mo gi­ro, tra il 5º e il 10º do­po il se­con­do (quo­ta 3), tra il 5º e il 7º do­po il ter­zo (3) e a ri­dos­so dei pri­mi do­po il quar­to (2.5) Ma­no ma­no che sal­ta­no fuo­ri i re­play pre­si da di­ver­se pro­spet­ti­ve, in­clu­so quel­lo del­la ca­me­ra car di Mar­quez in cui suo­no del mo­to­re chia­ri­sce il com­por­ta­men­to ma­lan­dri­no del pi­lo­ta, la real­tà ap­par­sa inop­pu­gna­bi­le su­bi­to do­po Se­pang vie­ne ri­vi­sta, rein­ter­pre­ta­ta e di­ver­sa­men­te giu­di­ca­ta.

Il cal­cio che era sem­bra­to la pi­sto­la fu­man­te, al­la fi­ne, non era un cal­cio. Tra quel­li che han­no vo­lu­to ap­pro­fon­di­re la que­stio­ne c’è Car­lo Per­nat, già ma­na­ger di Ros­si e Ca­pi­ros­si e og­gi pro­cu­ra­to­re di Iannone. Ses­san­ta­set­te an­ni, pro­fon­dis­si­mo co­no­sci­to­re del mon­do del­la moto com­pre­si vi­zi e vir­tù dei pi­lo­ti, Per­nat ha os­ser­va­to sui so­cial: «A ri­pen­sar­ci be­ne e do­po tut­to quel­lo che è usci­to com­pre­so il NON cal­cio di Va­len­ti­no, que­sto è uf­fi­cia­le per boc­ca del di­ret­to­re di ga­ra, so­no an­co­ra più con­vin­to che una lo­gi­ca de­ci­sio­ne del­la race com­mis­sion di da­re un ri­de-th­rou­gh a Ros­si sa­reb­be sta­ta la co­sa più lo­gi­ca. Va­le sa­reb­be ar­ri­va­to se­sto o set­ti­mo e con Lo­ren­zo avreb­be­ro fat­to una fi­na­le sto­ri­ca a Valencia. Ma so­prat­tut­to si sa­reb­be par­la­to me­no dell’im­pat­to fra Marc e Va­le. Co­mun­que la­scia­te­mi di­re che il com­por­ta­men­to di Marc è sta­to qual­co­sa di brut­to e an­ti­spor­ti­vo che il sot­to­scrit­to mai ave­va vi­sto».

Per­nat su­bi­to do­po il fat­tac­cio era sta­to un po’ più severo nei con­fron­ti di Va­len­ti­no: «Ab­bia­mo vis­su­to una pa­gi­na ne­ris­si­ma, for­se la più ne­ra, del mo­to­ci­cli­smo - ave­va os­ser­va­to - Tut­ti e due han­no sba­glia­to. Va­len­ti­no, e so­prat­tut­to Mar­quez, han­no am­maz­za­to il mo­to­mon­dia­le. Se do­ves­se­ro cor­re­re en­tram­bi, il pros­si­mo an­no ogni ga­ra sa­rà una bat­ta­glia in­cre­di­bi­le. I lo­ro com­por­ta­men­ti so­no sta­ti inac­cet­ta­bi­li».

Og­gi la pre­oc­cu­pa­zio­ne di Per­nat si de­cli­na an­che al fu­tu­ro: «Mi chie­do co­sa av­ver­rà e so­prat­tut­to come po­tran­no sta­re in Ya­ma­ha Jor­ge e Va­le do­po quel­lo che ha scon­si­de­ra­ta­men­te det­to lo spa­gno­lo in con­fe­ren­za stam­pa (no­no­stan­te la squa­dra gli aves­se con­si­glia­to di ta­ce­re sulla que­stio­ne, ndr). Ho la va­ga im­pres­sio­ne che si apri­ran­no nuo­vi scenari no­no­stan­te i con­trat­ti già fir­ma­ti. So­no pron­to a scom­met­ter­ci».

I nuo­vi scenari so­no re­la­ti­vi al­la par­ten­za di uno dei due dal­la Ya­ma­ha, ma chi e per an­da­re dove? La so­lu­zio­ne po­treb­be pro­prio es­se­re of­fer­ta da Per­nat, per­ché se rag­giun­ges­se­ro un ac­cor­do Ya­ma­ha e Du­ca­ti po­treb­be­ro scam­biar­si Lo­ren­zo e Iannone. Un’ope­ra­zio­ne con­trat­tual­men­te non fa­ci­le, che po­treb­be ri­sul­ta­re az­zar­da­ta pro­prio per il pi­lo­ta l’ita­lia­no, te­nu­to con­to dei pro­gres­si che sta fa­cen­do la Du­ca­ti con la GP15 di Dall’Igna.

«Io spe­ro che Va­len­ti­no ce la fac­cia co­mun­que A Valencia può ri­mon­ta­re tran­quil­la­men­te fi­no al quin­to po­sto, poi...»

Il fer­ra­ri­sta Se­ba­stian Vet­tel, 28 an­ni, si è iscrit­to uf­fi­cial­men­te al par­ti­to dei so­ste­ni­to­ri di Va­len­ti­no Ros­si

Il ma­na­ger Car­lo Per­nat, 67 an­ni, e An­drea Iannone, 26

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.