Lja­jic ve­de so­lo l’Inter «Ro­ma ti bat­te­rò»

«So­no con­ten­to del­la mia scel­ta sia­mo for­tis­si­mi» «Nel­la Ca­pi­ta­le due an­ni bel­li. Tot­ti un ami­co spe­cia­le»

Corriere dello Sport (Campania) - - Da Prima Pagina - di An­drea Ra­maz­zot­ti

Per la pri­ma vol­ta do­po la fi­ne del­la sua espe­rien­za gial­lo­ros­sa, do­ma­ni se­ra Adem Lja­jic in­cro­cia la Ro­ma. Non sa­rà una sfi­da qua­lun­que per il ser­bo che mar­te­dì, con il suo as­si­st a Icar­di, ha de­cre­ta­to l’eso­ne­ro del “ne­mi­co” De­lio Ros­si (ri­cor­da­te lo schiaf­fo a Fi­ren­ze che co­stò il po­sto al tec­ni­co nel mag­gio 2012?). Ades­so spe­ra di es­se­re nuo­va­men­te ti­to­la­re.

di An­drea Ra­maz­zot­ti Per la pri­ma vol­ta do­po la fi­ne del­la sua espe­rien­za gial­lo ros­sa Adem Lja­jic in­cro­cia la Ro­ma. Non sa­rà una ga­ra qua­lun­que per il ser­bo che mar­te­dì, con il suo as­si­st a Icar­di, ha de­cre­ta­to l’eso­ne­ro del “ne­mi­co” De­lio Ros­si (ri­cor­da­te lo schiaf­fo a Fi­ren­ze che co­stò il po­sto al tec­ni­co nel mag­gio 2012?). Do­ma­ni se­ra spe­ra di es­se­re nuo­va­men­te ti­to­la­re per­ché ha una gran vo­glia di sfi­da­re tan­ti ami­ci (uno, Mi­ra­lem Pja­nic, lo ha chia­ma­to pro­prio nel cor­so del­la no­stra in­ter­vi­sta) e una squa­dra che gli so­no rimasti nel cuo­re. Lo ab­bia­mo in­con­tra­to ie­ri po­me­rig­gio al­la Pi­ne­ti­na e ci ha rac­con­ta­to del­la sua fe­li­ci­tà all’Inter, dell’im­por­tan­za del club ma­na­ger Stan­ko­vic, dell’ami­co fuo­ri­clas­se Jovetic e del­le bom­be de­gli ame­ri­ca­ni che ve­de­va ca­de­re in Ser­bia. Ha na­sco­sto die­tro un sor­ri­so la pau­ra che l’Adem bam­bi­no pro­va­va e che l’Adem uo­mo non ha di­men­ti­ca­to.

Lja­jic, quel­la di que­st’an­no è la Ro­ma più for­te del­le ul­ti­me sta­gio­ni?

«Si­cu­ra­men­te è un’ot­ti­ma squa­dra, con tan­ta qua­li­tà e gio­ca­to­ri che pos­so­no fa­re la dif­fe­ren­za in qual­sia­si mo­men­to. Lo­ro so­no for­ti, ma­no i non sia­mo da me­no. Vo­glia­mo bat­ter­li».

Chi to­glie­reb­be ai gial­lo ros­si?

«Pja­nic, un ve­ro fuo­ri­clas­se e un gran­de ami­co».

Più bra­vo Lja­jic o Pja­nic a cal­cia­re le pu­ni­zio­ni?

«In que­sto mo­men­to lui è il mi­glio­re di tut­ti, un ve­ro fe­no­me­no».

Come so­no sta­ti i suoi an­ni a Ro­ma?

«Due sta­gio­ni bel­lis­si­me che non di­men­ti­che­rò mai. Mi so­no tro­va­to be­ne con tut­ti i miei ex com­pa­gni e so­no na­te ami­ci­zie che du­re­ran­no tut­ta la vi­ta. La­scia­re Ro­ma è sta­to dif­fi­ci­le, ma ora so­no con­ten­to all’Inter».

C’ è un ri­cor­do par­ti­co­la­re che si porta den­tro di lei con la ma­glia gial­lo­ros­sa?

«Il gol nel der­by con­tro la Lazio, su ri­go­re. Se­gna­re in quell’in­con­tro ha un sa­po­re ma­gi­co».

Ha rim­pian­ti?

«Sia­mo an­da­ti vi­ci­ni a vincere, ma non ci sia­mo riu­sci­ti. Ave­va­mo un’ot­ti­ma squa­dra e sia­mo arrivati due vol­te se­con­di per­ché la Ju­ven­tus era de­va­stan­te, più for­te di tut­ti».

Tra i bei ri­cor­di an­che l’aver avu­to come com­pa­gno Tot­ti.

«Ci le­ga un gran­de rap­por­to per­ché Francesco è pri­ma di tut­to una per­so­na fan­ta­sti­ca. So­no fe­li­ce di aver gio­ca­to con lui: come cal­cia­to­re non si può di­scu­te­re per­ché è il più for­te ita­lia­no che ho vi­sto».

Nell’Inter in­ve­ce c’è un cer­to Jovetic...

«Stevan è sta­to mio com­pa­gno a Fi­ren­ze tre an­ni e mezzo ed è uno dei lea­der di que­sta squa­dra. Ha una te­sta da ve­ro pro­fes­sio­ni­sta e pen­sa sem­pre a come può mi­glio­ra­re. Ho tan­to da im­pa­ra­re da lui».

Fi­no­ra in cam­po in­sie­me sie­te sta­ti po­co.

«Spe­ro che un gior­no avre­mo spa­zio in­sie­me, che ci di­ver­ti­re­mo e che fa­re­mo di­ver­ti­re i ti­fo­si dell’Inter».

Per­ché a Mi­la­no il ve­ro Lja­jic non si è an­co­ra vi­sto?

«So­no ar­ri­va­to non al top e in na­zio­na­le ho avu­to un fa­sti­dio mu­sco­la­re. A Bo­lo­gna ho avu­to la pos­si­bi­li­tà di gio­ca­re e ho da­to tut­to».

E ha ser­vi­to l’as­si­st che ha per­mes­so a Icar­di di sbloc­car­si. Mau­ri­to le ha già fat­to un re­ga­lo?

(Ri­de) «No, an­co­ra no».

Con De­lio Ros­si si è in­cro­cia­to pri­ma o do­po il mat­ch?

«Do­po quel­lo che è suc­ces­so (ri­fe­ri­men­to ai fat­ti di Fi­ren­ze, ndr) non l’ho più vi­sto o sen­ti­to».

Qual è l’obiet­ti­vo sta­gio­na­le dell’Inter?

«Non par­lia­mo di scu­det­to o al­tro. Pun­tia­mo a mi­glio­ra­re par­ti­ta do­po par­ti­ta, al­le­na­men­to do­po al­le­na­men­to. Ogni ga­ra per noi de­ve es­se­re una fi­na­le».

Quin­di ades­so non fir­me­reb­be per il ter­zo po­sto?

«Io non fir­mo mai per nul­la».

A giu­gno spe­ra di es­se­re ri­scat­ta­to dall’Inter?

«Non pen­so tan­to al fu­tu­ro. So­no qua per­ché mi vo­le­va­no Man­ci­ni e l’Inter, una del­le squa­dre più for­ti al mon­do. Al ter­mi­ne del cam­pio­na­to ve­dre­mo quel­lo che suc­ce­de­rà».

Come va il rap­por­to con Man­ci­ni?

«E’ sta­to un cam­pio­ne e da noi at­tac­can­ti si aspet­ta che fac­cia­mo la dif­fe­ren­za come fa­ce­va lui. Spe­ro di ac­con­ten­tar­lo».

Dove po­te­va an­da­re la scor­sa esta­te, pri­ma di fir­ma­re per l’Inter?

«Mi han­no cer­ca­to di­ver­se for­ma­zio­ni, ma un gior­no ho par­la­to con Sa­ba­ti­ni e gli ho det­to che se aves­si la­scia­to Ro­ma, avrei vo­lu­to re­sta­re in Ita­lia».

Si è in­na­mo­ra­to del no­stro Pae­se?

«Ho im­pa­ra­to in fret­ta la vo­stra lin­gua, mi tro­va­vo be­ne a Ro­ma e sto be­ne ades­so a Mi­la­no, ma so­no an­che vi­ci­no al­la mia Ser­bia».

Ri­cor­da an­co­ra i bom­bar­da­men­ti del 1999?

«Im­pos­si­bi­le di­men­ti­car­li... Ave­vo 7 an­ni e al­la fi­ne del­la gior­na­ta, quan­do tor­na­vo dall’al­le­na­men­to, si sen­ti­va­no for­tis­si­me le si­re­ne che ci av­ver­ti­va­no dell’ar­ri­vo de­gli ae­rei ame­ri­ca­ni. Li ve­de­vo las­sù in cie­lo, pic­co­li pic­co­li, poi le esplo­sio­ni... Mi ri­cor­do che scap­pa­va­mo a ca­sa per non pren­de­re una bom­ba in te­sta. E’ sta­to un pe­rio­do dif­fi­ci­le per la Ser­bia, ma per for­tu­na è pas­sa­to».

Le stes­se emozioni le han­no vis­su­te Mi­ha­j­lo­vic e Stan­ko­vic, ora a Mi­la­no con lei.

«So­no con­ten­to che Mi­ha­j­lo­vic ab­bia vin­to le ul­ti­me due par­ti­te per­ché con lui, al­la Fio­ren­ti­na e in Na­zio­na­le, ho avu­to un bel rap­por­to. Gli au­gu­ro il me­glio. Stan­ko­vic aiu­ta tut­ti, non so­lo noi sla­vi, in ma­nie­ra in­cre­di­bi­le. E’ sta­to un cam­pio­ne e sa come si vin­ce».

Mi­ha­j­lo­vic la ac­cu­sa­va di man­gia­re trop­pa Nu­tel­la. Come va ades­so?

«Ne man­gio me­no».

Si aspet­ta­va que­sta cri­si del­la Ju­ven­tus?

«No, ma la Ju­ve è sem­pre la Ju­ve, an­che se ha per­so cam­pio­ni che fa­ce­va­no la dif­fe­ren­za».

Qua­le squa­dra fi­no­ra l’ha im­pres­sio­na­ta?

«Non mi aspet­ta­vo che la Fio­ren­ti­na gio­cas­se co­sì be­ne».

Quan­ti gol so­gna di realizzare Lja­jic?

«Io vo­glio es­se­re uti­le al­la squa­dra. Con le re­ti o con gli as­si­st per me è lo stes­so».

Il pas­sa­to «Ho tra­scor­so due an­ni bel­lis­si­mi nel­la Ca­pi­ta­le ma ora pun­to a fa­re gran­di co­se qui»

Il fu­tu­ro «Mi con­cen­tro sui gol e su­gli as­si­st Toc­che­rà all’Inter de­ci­de­re più avan­ti se ri­scat­tar­mi»

La cri­si del­la Ju­ve «Ha per­so tan­ti gio­ca­to­ri che era­no in gra­do di spo­sta­re gli equi­li­bri: ec­co per­ché sban­da»

La cor­sa al ti­to­lo «Il no­stro se­gre­to de­ve es­se­re quel­lo di af­fron­ta­re ogni par­ti­ta come se fos­se una fi­na­le»

La nu­tel­la «Ades­so ne man­gio di me­no. Jovetic? Di­ver­ten­te gio­ca­re con lui. E a Gar­cia to­glie­rei Pja­nic»

Adem Lja­jic, 24 an­ni

Ade­mL­ja­jic,24an­ni,5pre­sen­ze­nell’Inter:Tho­hir­lo­ha­pre­so­dal­laRo­main­pre­sti­to­con­di­rit­to­di­ri­scat­toGETTY

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.