Mo­rat­ti lo sti­ma da sem­pre «Qua­lun­que club lo vor­reb­be»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Calcio -

MI­LA­NO (and.ram.) - La pas­sio­ne di Mas­si­mo Mo­rat­ti per An­to­nio Cas­sa­no ri­sa­le al 2006 quan­do Roberto Mancini lo avreb­be vo­lu­to nel­la sua In­ter, ma per il club ne­raz­zur­ro non fu pos­si­bi­le ac­qui­star­lo dal­la Ro­ma. «Cas­sa­no ri­ma­ne un gran­de gio­ca­to­re ed in fu­tu­ro non si sa mai, ma que­sto era il mo­men­to sba­glia­to» dis­se il pa­tron per spie­ga­re il tra­sfe­ri­men­to del ba­re­se al Real. Da al­lo­ra il nu­me­ro uno di cor­so Vit­to­rio Ema­nue­le non ha mai smes­so di se­gui­re Fan­tan­to­nio e, da gran­de aman­te del bel cal­cio e dei fuo­ri­clas­se, si è ral­le­gra­to per il ri­lan­cio di Cas­sa­no con la ma­glia del­la Samp e per cer­ti suoi ge­sti tec­ni­ci (da­gli as­si­st per i com­pa­gni ai colpi di tac­co). Ad ago­sto la nuo­va am­mis­sio­ne di Mo­rat­ti: «Cas­sa­no per la clas­se che ha è un gio­ca­to­re che tut­ti vor­reb­be­ro. Noi in quel ruo­lo, pur aven­do ca­rat­te­ri­sti­che di­ver­se, ab­bia­mo già Sneijder e Cou­ti­n­ho».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.