Ri­vo­lu­zio­ne Maz­zar­ri nel Na­po­li di Bre­scia

Il tec­ni­co an­nun­cia: «Fa­rò ri­po­sa­re i più stan­chi». Ca­va­ni e Mag­gio van­no in pan­chi­na

Corriere dello Sport (Lazio) - - Front Page - CESARANO

BRE­SCIA - Ef­fet­tua il turn over e gli chie­do­no per­ché non ab­bia schie­ra­to i ti­to­la­ri; man­da in cam­po la for­ma­zio­ne-ti­po e gli ri­cor­da­no che ci so­no an­che i ri­cam­bi.

Maz­zar­ri sa che avreb­be­ro co­mun­que da ri­di­re ed al­lo­ra de­ci­de di te­sta sua: in pan­chi­na Ca­va­ni e Mag­gio (non­chè uno tra Aro­ni­ca e Cam­pa­gna­ro), den­tro il «prin­ci­pi­to» So­sa e il co­lom­bia­no Zu­ni­ga. E poi Yeb­da al po­sto di Pa­zien­za. Sul­la fal­sa­ri­ga di Ce­se­na, in pra­ti­ca.

Sbot­ta, Maz­zar­ri: « Pur­trop­po un al­le­na­to­re de­ve fa­re le pro­prie con­si­de­ra­zio­ni va­lu­tan­do più di un aspet­to: il gra­do di for­ma del sin­go­lo, l’av­ver­sa­rio, il ti­po di par­ti­ta che ci aspet­ta. Chi sta all’ester­no, in­ve­ce, non può sa­pe­re e par­la tan­to per par­la­re. Per que­sta ga­ra con il Bre­scia che è la pri­ma di cin­que par­ti­te in due set­ti­ma­ne fa­rò ri­po­sa­re an­che chi con­si­de­ro più ti­to­la­re di al­tri. Lo fac­cio per aver­lo lu­ci­do nei pros­si­mi im­pe­gni. De­vo ad ogni mo­do cer­ca­re di non “usu­ra­re” ta­lu­ni ele­men­ti ».

L’al­lu­sio­ne è ri­vol­ta in par­ti­co­la­re ad Edin­son Ca­va­ni che le ha gio­ca­te tut­te dall’ini­zio tran­ne quel­la di Ce­se­na. E an­che per Mag­gio che sta be­ne do­po lo scon­tro con An­to­ni­ni ma l’al­le­na­to­re pre­fe­ri­sce ri­spar­miar­lo in vi­sta del­la sfi­da con il Li­ver­pool di gio­ve­dì. AT­TEG­GIA­MEN­TO - Gio­ca So­sa al po­sto di Ca­va­ni. Un tre­quar­ti­sta. Fa­rà cop­pia con Ham­sik, en­tram­bi a ri­dos­so di La­vez­zi che tor­na a fa­re la pun­ta più avan­za­ta. Pro­prio co­me a Ce­se­na, lad­do­ve do­vet­te su­ben­tra­re Ca­va­ni per cam­bia­re la par­ti­ta: « So­sa è in crescita, si sta ca- lan­do nei no­stri sche­mi. La­vez­zi fa­rà esclu­si­va­men­te la pun­ta e non è la pri­ma vol­ta. Quan­do tor­na dal­la na­zio­na­le, ten­de sem­pre a ve­ni­re fin nel­la no­stra me­tà cam­po. Per me il Po­cho de­ve pun­ta­re l’av­ver­sa­rio, ver­ti­ca­liz­za­re e cer­ca­re di far gol. E’ inu­ti­le che spre­chi ener­gie in al­tre zo­ne del cam­po ».

Maz­zar­ri è mo­de­ra­ta­men­te ot­ti­mi­sta: « Il ri­fe­ri­men­to è la par­ti­ta di Ca­ta­nia. Se noi in­ter­pre­tia­mo be­ne la fa­se pas­si­va sia­mo in gra­do di mi­su­rar- ci con­tro chiun­que ».

In­tan­to met­te in guar­dia i suoi:« Co­no­sco Ia­chi­ni e so il tem­pe­ra­men­to che rie­sce a tra­smet­te­re ai suoi. No­no­stan­te sia re­du­ce da un pe­rio­do ne­ga­ti­vo, il Bre­scia ha co­mun­que dei va­lo­ri tec­ni­ci ed è una squa­dra che sa far­si rispettare ».

CAS­SA­NO - Si par­la tan­to dell’ul­ti­mo col­po di te­sta di Cas­sa­no e Maz­zar

ri sot­to­li­nea: « Mi di­spia­ce per quel­lo che è suc­ces­so ma non en­tro nel me­ri­to: in due an­ni Cas­sa­no con me ha sem­pre gio­ca­to ti­to­la­re e qual­che scre­zio è rien­tra­to su­bi­to gra­zie all’ope­ra del mio staff. E’ ve­nu­to a com­pli­men­tar­si con noi do­po la ga­ra vin­ta a Ge­no­va ». MA­RA­DO­NA - E’ il gior­no del com­plean­no di Ma­ra­do­na e Maz­zar­ri av­ver­te un’at­mo­sfe­ra par­ti­co­la­re: « Ma­ra­do­na è sta­to l’es­sen­za del cal­cio e lui sa­reb­be in gra­do di fa­re bel­la fi­gu­ra an­che nel cal­cio di og­gi. Un cam­pio­ne uni­co, l’em­ble­ma di un’epo­ca cal­ci­sti­ca, un fuo­ri­clas­se uni­ver­sa­le ».

In­tan­to si coc­co­la il suo La­vez­zi e si au­gu­ra di ve­de­re in cam­po: « Un Na­po­li fe­ro­ce che non con­ce­de nul­la all’av­ver­sa­rio e sap­pia ri­bat­te­re col­po su col­po ».

Wal­ter Maz­zar­ri, 49 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.