Ros­si al ve­le­no «Non sti­mo Lo­ti­to»

«La La­zio me­ri­ta il pri­ma­to ma ho fi­du­cia nel Pa­ler­mo»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Calcio - di Pao­lo Van­ni­ni

PA­LER­MO - Or­mai le emo­zio­ni più for­ti so­no su­pe­ra­te. Il bat­te­si­mo dell’ex, Ros­si lo ha già vis­su­to, tor­nan­do all’Olim­pi­co in Cop­pa Ita­lia (scon­fit­ta per 2-0) e poi ri­tro­van­do la La­zio (bat­tu­ta 3-1) a feb­bra­io. Il bian­caz­zur­ro è un co­lo­re an­co­ra vi­vo in De­lio ma non par­la­te­gli di Lo­ti­to. Per­chè le fri­zio­ni evi­den­te­men­te so­no ri­ma­ste. Quan­do gli chie­do­no quan­ti me­ri­ti ab­bia il pre­si­den­te nel pri­ma­to del­la squa­dra, Ros­si ri­spon­de co­sì: « Fac­cio fa­ti­ca a se­pa­ra­re l’aspet­to uma­no da quel­lo pro­fes­sio­na­le, so­no fat­to co­sì. Nell’ul­ti­mo pe­rio­do non ho avu­to un buon rap­por­to con lui

e da par­te mia non c’è sti­ma ». RE­JA E LA FOR­TU­NA - In com­pen­so pe­rò Ros­si elo­gia la sua ex for­ma­zio­ne. Esclu­den­do che nel­la sua cor­sa da ca­po­li­sta c’en­tri la for­tu­na: « La sor­te ti può aiu­ta­re una vol­ta, ma al­la lun­ga non si è in te­sta per quel­lo. Se la La­zio ha 19 pun­ti, vuol di­re che li ha me­ri­ta­ti. Co­no­sco gli in­ter­pre­ti, i gio­ca­to­ri so­no mes­si nei po­sti giu­sti. Ba­sta guar­da­re l’as­se cen­tra­le per ve­de­re se una squa­dra è for­te. La La­zio ha un “do­mi­nan­te” co­me Dias, ha re­cu­pe­ra­to Le­de­sma a tem­po pie­no, ha in­se­ri­to Her­na­nes e ha Floc­ca­ri. Inol­tre, ri­cam­bi di pri­mo li­vel­lo, ba­sti di­re che stan­no fuo­ri ele­men­ti co­me Roc­chi, Ma­tu­za­lem e Bre­scia­no ». Non ab­ba­stan­za pe­rò per vo­la­re si­no al so­gno più gran­de. Ros­si sfog­gia di nuo­vo sin­ce­ri­tà: « Pen­so che la La­zio di­spu­te­rà un gran­de cam­pio­na­to e si po­trà in­se­ri­re nel­la lot­ta per la Cham­pions Lea­gue; ma per lo scu­det­to ri­ten­go ci sia­no squa­dre più at­trez­za­te. Si ve­de an­co­ra la mia ma­no? Ri­spet­to il la­vo­ro dei col­le­ghi, la La­zio è di Re­ja, i me­ri­ti so­no suoi, io pen­so so­lo al Pa­ler­mo. Al­la La­zio spe­ro di ave­re la­scia­to una trac­cia e d’aver rag­giun­to me­te im­pen­sa­bi­li, ma con la

squa­dra at­tua­le io non c’en­tro nien­te ». I DUE VOL­TI RO­SA­NE­RO - Qua­le fac­cia mo­stre­rà il Pa­ler­mo al­ta­le­nan­te dell’ul­ti­mo pe­rio­do? Ros­si re­sta fi­du­cio­so: « C’è sta­ta trop­po dif­fe­ren­za fra le pre­sta­zio­ni col Bo­lo­gna e ad Udi­ne, in più per me ave­va­mo fat­to be­ne an­che col Cska. Non sia­mo im­broc­chi­ti im­prov­vi­sa­men­te, piut­to­sto ab­bia­mo pa­ga­to la gior­na­ta stor­ta di due-tre ele­men­ti. E an­che a Udi­ne an­che in una gior­na­ta do­ve non ab­bia­mo fat­to be­ne, sta­va­mo per ac­ciuf- fa­re il pa­reg­gio. La fa­se di­fen­si­va? Ma non mi pa­re che fi­no­ra ab­bia­mo fat­to co­sì tan­ti di­sa­stri. Ora ho avu­to una set­ti­ma­na in­te­ra per la­vo­ra­re su cer­ti mec­ca­ni­smi, io ve­do dei pro­gres­si e ho sen­sa­zio­ni po­si­ti­ve ma so­lo la par­ti­ta è la fo­to­gra­fia giu­sta ». FOR­MA­ZIO­NE - Nien­te Mic­co­li, che ie­ri ha pro­se­gui­to la pre­pa­ra­zio­ne spe­ci­fi­ca gio­can­do con la Pri­ma­ve­ra e se­gnan­do una tri­plet­ta al Cro­to­ne, nuo­va fi­du­cia al tan­dem fan­ta­sia Pa­sto­re-Ili­cic. « Mic­co­li sta mol­to me­glio, po­treb­be far­ce­la per Mo­sca (gio­ve­dì pros­si­mo in Eu­ro­pa Lea­gue, ndc.). Pa­sto­re-Her­na­nes? So­no i ri­spet­ti­vi pun­ti di for­za del- le squa­dre, ma non so­no gli uni­ci che pos­so­no de­ci­de­re. Her­na­nes è un cal­cia­to­re già strut­tu­ra­to che si è in­se­ri­to in una real­tà già va­li­da. Un po’ co­me Ili­cic da noi, so­lo che il ra­gaz­zo è più gio­va­ne e ha spal­le me­no lar­ghe». Non scio­glie il dub­bio sul di­fen­so­re da af­fian­ca­re a Bo­vo, o Mu­noz o Go­ian, e se la ca­va con una bat­tu­ta sul fat­to che mez­za Ita­lia po­treb­be ti­fa­re per il Pa­ler­mo: «A me ba­sta che fac­cia­no il ti­fo quel­li che ven­go­no al­lo sta­dio, non gli al­tri ». Sa­rà ac­con­ten­ta­to per­chè i da­ti del­la pre­ven­di­ta so­no bril­lan­ti no­no­stan­te l’ora­rio: già ven­du­ti oll­tre 11.000 bi­gliet­ti, si va ver­so quo­ta 30.000 pre­sen­ze al Barbera.

De­lio Ros­si, 50 an­ni, se­con­da sta­gio­ne a Pa­ler­mo, (Get­ty Ima­ges) e Ce­sa­re Bo­vo, 27, og­gi al rien­tro do­po la squa­li­fi­ca (Ter­ru­so)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.