Ven­tu­ra: I ti­fo­si so­no con noi

«Ho ri­ce­vu­to 900 mail di so­ste­gno. Ser­ve un su­per Ba­ri, il pub­bli­co non ci ha mai tra­di­to»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Calcio - di An­to­nio Gui­do

BA­RI - Fi­ren­ze è al­le spal­le. Il Ba­ri pro­va a in­ter­rom­pe­re la se­rie di tre scon­fit­te con­se­cu­ti­ve. Im­pre­sa non fa­ci­le con­tro l'Udi­ne­se che vie­ne da tre vit­to­rie di fi­la. SA­LU­TE - Ven­tu­ra con­fi­da in una con­fer­ma dei pro­gres­si in­tra­vi­sti in Cop­pa Ita­lia: « Mi aspet­to tan­te co­se, per­ché se il Ba­ri non fa una par­ti­ta so­pra le ri­ghe, di­ven­ta ar­duo spun­tar­la. L’Udi­ne­se ha qua­li­tà pu­ra den­tro: par­lo di In­ler, San­chez, Di Na­ta­le, De­nis, Flo­ro Flo­res e tan­ti al­tri. Ma­ga­ri l’aves­si­mo tro­va­ta un me­se e mez­zo fa: sul­la car­ta sa­reb­be sta­to più fa­ci­le, og­gi for­se è la par­ti­ta più dif­fi­ci­le. E’ la squa­dra in con­di­zio­ni mi­glio­ri fi­si­che e men­ta­li. Ha spe­so ze­ro ener­gie, per­ché in Cop­pa ha fat­to gio­ca­re al­tri un­di­ci gio­ca­to­ri. Non c'era nean­che un ti­to­la­re. Il quattro a ze­ro la di­ce lun­ga sul­lo sta­to di sa­lu­te del­la squa­dra. Co­sì co­me la di­ce lun­ga il fat­to di aver crea­to cin­que, sei pal­le gol con­tro il Pa­ler­mo nell'ul­ti­ma di cam­pio­na­to. Quin­di è evi­den­te che sia una par­ti­ta dif­fi­ci­le da un la­to, de­li­ca­ta dall'al­tro. Pe­rò è una ve­ri­fi­ca im­por­tan­te per ve­de­re se l'ap­proc- cio, la par­te­ci­pa­zio­ne, la di­spo­ni­bi­li­tà, la de­ter­mi­na­zio­ne e la vo­glia di ri­schia­re sia­no se­gna­li di un ri­tor­no del ve­ro Ba­ri ».

Il tec­ni­co va avan­ti nel­la pro­pria di­sa­mi­na: « E' una par­ti­ta estre­ma­men­te im­por­tan­te, per­ché ve­nia­mo da tre scon­fit­te, ab­bia­mo ne­ces­si­tà di in­ter­rom­pe­re que­sto pe­rio­do ne­ga­ti­vo e so­prat­tut­to di ri­tro­va­re l'en­tu­sia­smo, il pia­ce­re di gio­ca­re che ha sem­pre por­ta­to al ri­sul­ta­to ».

Ven­tu­ra ha de­ci­so di ri­fa­re il truc­co al­la squa­dra. Den­tro Ni­co Pul­zet­ti, apar­so in gran for­ma in Cop­pa, e con­se­guen­te ri­nun­cia a un ester­no: « L'an­no scor­so più di una vol­ta ab­bia­mo gio­ca­to con un ester­no in me­no. Ave­va­mo Al­le­gret­ti che lo sfrut­ta­va­mo in ba­se all'at­teg­gia­men­to tat­ti­co del­la squa­dra av­ver­sa­ria, Ci sta che quan­do in­con­tria­mo av­ver­sa­ri con de­ter­mi­na­te ca­rat­te­ri­sti­che pos­sia­mo ri­nun­cia­re ad un ester­no. Ma que­sto non si­gni­fi­ca cam­bia­re mo­du­lo. E' so­lo un svi­lup­po leg­ger­men­te di­ver­so del­la ma­no­vra ».

Si sof­fer­ma su Pul­zet­ti: « Più gio­ca e più può da­re. Spe­ro che quel gol gli ab- bia da­to an­che mag­gio­re con­vin­zio­ne, mag­gio­re se­re­ni­tà. Quel­la se­re­ni­tà di cui ha bi­so­gno tut­ta la squa­dra. La par­ti­ta di Cop­pa è sta­ta as­so­lu­ta­men­te chia­ri­fi­ca­tri­ce. Pri­mo tem­po da sub­bu­teo do­ve nes­su­no osa­va, poi è ba­sta­to fa­re il due a uno e im­prov­vi­sa­men­te ab­bia­mo ri­pre­so a gio­ca­re. Al­va­rez ha co­min­cia­to a muo­ver­si di nuo­vo sen­za pal­la, tut­ti la vo­le­va­mo men­tre pri­ma non la vo­le­va nes­su­no. Que­sta è una squa­dra che va tu­te­la­ta per dar­le la pos­si­bi­li­tà di la­vo­ra­re tran­quil­la­men­te. Se c'è se­re­ni­tà può da­re, se è sot­to stress o sot­to pres­sio­ne, o sem­pl­li­ce­men­te an­sia per­de tan­tis­si­ma com­pe­ti­ti­vi­tà ». AF­FET­TO - Il pen­sie­ro cor­re al pub­bli­co che in set­ti­ma­na e gio­ve­dì in Cop­pa ha so­ste­nu­to la squa­dra: « Da quan­do so­no a Ba­ri non c'è mai sta­ta­ta una par­ti­ta in cui i ti­fo­si non ci ab­bia­no da­to af­fet­to, ca­lo­re. Lo han­no fat­to in ses­san­ta­mi­la e an­che in quin­di­ci­mi­la. Ne­gli ul­ti­mi gior­ni ho ri­ce­vu­to 900 mail che ci in­vi­ta­no a pro­se­gui­re con en­tu­sia­smo sul­la no­stra stra­da. Il pub­bli­co è sta­to una del­le più gran­di sor­pre­se che ho avu­to da quan­do so­no a Ba­ri ».

(Ar­cie­ri)

Giam­pie­ro Ven­tu­ra, 62 an­ni, se­con­do an­no a Ba­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.