CRI­VEL­LO «A Fi­ren­ze uni­ti per fa­re pun­ti»

«Non ab­bia­mo pres­sio­ni, ma per sta­re in A dob­bia­mo mi­glio­ra­re an­che fuo­ri ca­sa»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Frosinone - Di Da­nie­le Ciar­di ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA AN­SA

Ini­zio sta­gio­ne da ti­to­la­re. Poi qual­che gior­na­ta in pan­chi­na, ma da tre ga­re a que­sta par­te Ro­ber­to Cri­vel­lo si è ri­pre­so la ma­glia da ti­to­la­re per quel che con­cer­ne la cor­sia si­ni­stra del pac­chet­to ar­re­tra­to del Fro­si­no­ne. Un ri­tor­no in cam­po coin­ci­so an­che con l'in­for­tu­nio su­bì­to dal suo com­pa­gno di squa­dra e di ruo­lo Pa­vlo­vic nei gior­ni che han­no pre­ce­du­to la sfi­da con­tro l'Em­po­li, ma me­ri­ta­to fi­no in fon­do dal gio­va­ne di­fen­so­re si­ci­lia­no. E que­sto non so­lo per i sei pun­ti con­qui­sta­ti dal Fro­si­no­ne nell'ul­ti­mo tris di par­ti­te quan­to, piut­to­sto, per le ot­ti­me pre­sta­zio­ni of­fer­te da Cri­vel­lo a li­vel­lo per­so­na­le.

«Si­cu­ra­men­te - dice so­no sod­di­sfat­to sia per es­se­re sce­so in cam­po, al­la mia pri­ma vol­ta in Se­rie A, in sei del­le die­ci ga­re fin qui di­spu­ta­te, che per le pre­sta­zio­ni for­ni­te. Ma la gio­ia più gran­de de­ri­va dal fat­to che tut­ti in­sie­me sia­mo riu­sci­ti a ot­te­ne­re un bot­ti­no to­ta­le di die­ci pun­ti me­ri­ta­ti fi­no in fon­do. Anzi, di­rei che al­la re­sa dei con­ti me­ri­ta­va­mo an­che qual­co­sa in più. So­prat­tut­to dal­le tre tra­sfer­te di Bo­lo­gna, Ro­ma con la Lazio e Udi­ne, nel­le qua­li sia­mo tor­na­ti a ca­sa a ma­ni co­min­cia­re dal­la par­ti­ta di Fi­ren­ze.

«An­che MAL DI TRA­SFER­TA. se la no­stra sal­vez­za do­vrà es­se­re co­strui­ta so­prat­tut­to nel­le ga­re sul cam­po ami­co, e da que­sto pun­to di vi­sta non pos­sia­mo dav­ve­ro rim­pro­ve­rar­ci nul­la di quan­to fat­to fi­no ad og­gi nel­le par­ti­te gio­ca­te al Co­mu­na­le, al­lo stes­so tem­po è chia­ro che per ar­ri­va­re a quei pun­ti che ci per­met­te­reb­be di re­sta­re nel­la mas­si­ma se­rie, c'è bi­so­gno di ot­te­ne­re qual­co­sa in più in tra­sfer­ta. Si­cu­ra­men­te la sfi­da in ca­sa del­la Fio­ren­ti­na rap­pre­sen­ta per noi un te­st mol­to dif­fi­ci­le. Ci troveremo di fron­te una del­le squa­dre più for­ti e in for­ma del cam­pio­na­to. Ma io re­sto co­mun­que fi­du­cio­so di po­ter usci­re im­bat­tu­ti dal "Fran­chi". Per riu­sci­re in que­sta im­pre­sa do­vre­mo non sbagliare nul­la con­tro gio­ca­to­ri for­tis­si­mi come ad esem­pio Bo­r­ja Va­le­ro, Ros­si e Ka­li­nic, so­lo per fa­re qual­che no­me. Bi­so­gne­rà re­sta­re uni­ti e com­pat­ti, dall'ini­zio al­la fi­ne, in ogni zo­na del cam­po. Di­fen­der­ci con or­di­ne e cer­ca­re di sfrut­ta­re una del­le no­stre ar­mi che so­no le ri­par­ten­ze».

An­che NIEN­TE DA PER­DE­RE. il fat­to che in ca­sa del­la se­con­da del­la clas­se que­sto Fro­si­no­ne non ha dav­ve­ro nul­la da per­de­re, po­treb­be rap­pre­sen­ta­re un'ul­te­rio­re ar­ma in più per tor­na­re in Cio­cia­ria con un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo. «In­dub­bia­men­te la pres­sio­ne sa­rà tut­ta dal­la lo­ro par­te per­ché par­to­no di gran lun­ga fa­vo­ri­ti. Bat­ten­do­ci po­treb­be­ro ad­di­rit­tu­ra ri­tro­var­si in vet­ta a se­con­da del ri­sul­ta­to del­la par­ti­ta tra Inter e Ro­ma. Per cui po­tre­mo scen­de­re in cam­po tran­quil­li, come ad esem­pio è ac­ca­du­to al­la Ju­ven­tus Sta­dium, sa­pen­do ap­pun­to di non ave­re nul­la da per­de­re. E lì ri­cor­dia­mo tut­ti come è an­da­ta a fi­ni­re».

Ro­ber­to Cri­vel­lo, 24 an­ni, di­fen­so­re del Fro­si­no­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.