HAM­SIK Un ma­re di gol per bat­te­re Die­go

Ma­rek in cam­pio­na­to è a una re­te da Ma­ra­do­na (80-81)

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Napoli - Di An­to­nio Gior­da­no NA­PO­LI

L’im­men­si­tà, for­se l’eter­ni­tà, è ad un pas­so da sé, e ora che si ve­de, che si sen­te, che si ha per­ce­zio­ne del­la glo­ria (per sem­pre), ci so­no bri­vi­di che sfio­ra­no la cre­sta: no­ve an­ni per sco­pri­re d’es­se­re ar­ri­va­to nei pres­si di Die­go, il più gran­de di tut­ti i tem­pi, po­ter­lo sfio­ra­re, cer­to af­fian­ca­re, per­si­no su­pe­ra­re, la­scia­no il se­gno, crea­no im­pa­zien­za, fan­no di Ham­sik un bam­bi­no con gli oc­chi da gran­de. «Non ve­do l’ora di se­gna­re il cen­te­si­mo gol con que­sta ma­glia». Poi sa­rà la Sto­ria, con la ma­iu­sco­la cer­to, per­ché sa­rà pur sem­pli­ce­men­te sta­ti­sti­ca e nei racconti ci sa­rà cer­to la fi­sio­no­mia dei nu­me­ri, ma è un’im­pre­sa che re­sta, s’in­chio­da nel pan­theon e lì ri­ma­ne: si pas­seg­ge­rà tra gli Dei, ed Ham­sik se ne sta­rà con Ma­ra­do­na, di­stan­ti nel ta­len­to pe­rò abi­tan­ti d’un stes­so macro-uni­ver­so, per quei sei mi­lio­ni di ti­fo­si spar­si nel mon­do. EHY, BA­BY. C’è sta­to un tem­po per gal­leg­gia­re nel nul­la, re­sta­re un po’ stor­di­ti ed aspet­ta­re che pas­sas­se, e ci so­no sta­te do­man­de che poi han­no ri­ce­vu­to ri­spo­ste: c’è sta­to il lu­glio del 2007 in cui Na­po­li, ap­pe­na tor­na­ta in se­rie A, ep­pur la cri­ti­ca, si chie­de­va­no chi fos­se­ro quei due, Ham­sik e La­vez­zi che ven­ne­ro pre­sen­ta­ti as­sie­me, igna­ri di co­sa avreb­be­ro con­ces­so, ognu­no a mo­do lo­ro. C’è sta­to, in quel­lo sguar- do ma­lin­co­ni­co del fan­ciul­lo che ascol­ta­va i co­ri del­la con­te­sta­zio­ne d’un cen­ti­na­io di ti­fo­si che re­cla­ma­va­no rin­for­zi «ve­ri» a Pie­ri­pao­lo Ma­ri­no, un si­len­zio ma­tu­ro e una for­za in­te­rio­re, per­ché la sca­la­ta è co­min­cia­ta al­lo­ra, guar­dan­do­si in­tor­no, pri­ma di co­min­cia­re ad in­ter­ro­gar­si den­tro, a ca­pi­re che que­sta sa­reb­be la sua cit­tà. «Per­ché io e la mia fa­mi­glia qua sia­mo fe­li­ci».

DOV’E’ L’ER­RO­RE? Ham­sik ora è, in cam­pio­na­to, ad un’un­ghia da Ma­ra­do­na, 80 re­ti lui con­tro le ot­tan­tu­no del pi­be de oro, e sia­mo qua­si al pa­ra­dos­so: ma è suc­ces­so, e non c’è nul­la di al­te­ra­to, per­ché non si rap­pre­sen­ta «il pa­ra­go­ne» tra un es­se­re uma­no ed un pa­dre­ter­no cal­ci­sti­co. Ma Ham­sik è an­che (ap­pe­na) a di­cian­no­ve gol dal Ma­ra­do­na di tut­ti i tem­pi, per­ché l’oriz­zon­te con vi­sta da Ma­re­kia­ro, quel­lo che com­pren­de an­che le re­ti nel­le al­tre ma­ni­fe­sta­zio­ni, apre una fi­ne­stro­na che al­lar­ga la gio­ia a di­smi­su­ra: di­co­no gli almanac- chi, cu­sto­di di ciò ch’è sta­to il Na­po­li in que­sti no­van­ta an­ni di vi­ta, che Sua Mae­stà Die­go sia ar­ri­va­to a 115, che At­ti­la Sal­lu­stro si è fer­ma­to a 107, Edin­son Ca­va­ni a 104, Vo­jak a 103 ed Al­ta­fi­ni che ri­ma­ne ad un pas­so, a 97. Ham­sik si è ri­tro­va­to a lun­go con un gol in più, per­ché gli era sta­to ri­co­no­sciu­ta la re­te in un Na­po­liFio­ren­ti­na del 2012 (2 set­tem­bre per la pre­ci­sio­ne) poi «de­ru­bri­ca­ta» in au­to­gol di Bo­r­ja Va­le­ro.

IL BOM­BER. L’Ham­sik di og­gi sfrut­ta lo slan­cio dell’Ham­sik di ie­ri, quel­lo che nei suoi pri­mi tre an­ni - quel­li an­te­ce­den­ti all’ar­ri­vo di Ca­va­ni - è sta­to il ca­po­can­no­nie­re del Na­po­li; quel­lo che è an­da­to co­mun­que, si­ste­ma­ti­ca­men­te, in dop­pia ci­fra per set­te sta­gio­ni su ot­to (ha «sal­ta­to» l’ap­pun­ta­men­to sol­tan­to nel 20132014); quel­lo che con Maz­zar­ri e con Be­ni­tez è ar­ri­va­to a toc­ca­re quo­ta tre­di­ci, ed è qua­si an­da­tu­ra da cen­tra­van­ti ve­ro, cer­to una ano­ma­lia per un centrocampista - per quan­to bra­vo ne­gli in­se­ri­men­ti, per quan­to in­tui­ti­vo nei se­di­ci me­tri - è la rap­pre­sen­ta­zio­ne di un gio­ca­to­re che ha sa­pu­to man­te­ne­re sem­pre al­to il pro­prio ren­di­men­to, pu­re in fa­se rea­liz­za­ti­va.

EC­CO­LO QUA. E poi, quan­do sem­bra­va che il ta­len­to si stes­se ar­rug­gi­nen­do e la ma­tu­ra­zio­ne tat­ti­ca l’aves­se por­ta­to un po’ più in qua da se stes­so, riec­co Ham­sik in tut­ta la sua pre­po­ten­za, il «ca­pi­ta­no» che si pren­de in spal­la le pro­prie re­spon­sa­bi­li­tà e si scrol­la da den­tro il ge­lo del­la pri­ma fa­se di que­sta an­na­ta: un so­lo gol (in cam­pio­na­to) si­no al 19 di­cem­bre, quan­do rom­pe il ghiac­cio e co­min­cia ad in­fi­la­re la se­quen­za (qua­si per­fet­ta): ri­go­re all’Ata­lan­ta (e un al­tro sba­glia­to), gol al To­ri­no, al Frosinone, al­la Samp­do­ria, so­no quat­tro in cin­que gior­na­te, l’en­ne­si­mo bal­zo per star­se­ne tra gli elet­ti e be­ne­di­re Na­po­li e la sua «scel­ta di vi­ta».

Nel nuo­vo an­no il ca­pi­ta­no vo­la: «Non ve­do l’ora di ar­ri­va­re a 100 con que­sta ma­glia»

E tra lui e il Pi­be (mi­glior bom­ber del­la sto­ria) ci so­no in as­so­lu­to 19 gol di dif­fe­ren­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.