Vu­ci­nic: Lec­ce, ti ri­cor­di? Vor­rei tor­na­re per l’ad­dio

L’ex at­tac­can­te di Ro­ma e Juve, ora all’Al-Ja­zi­ra, si pro­po­ne al club che lo ha lan­cia­to: «Qui so­no di­ven­ta­to gran­de»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Roma - Di Elio Don­no LEC­CE

Mirko Vu­ci­nic, non di­men­ti­ca­to at­tac­can­te del­la Ro­ma e del­la Juve, ri­lan­cia a e con­fer­ma: «Vo­glio chiu­de­re la mia car­rie­ra nel Lec­ce, che mi ha lan­cia­to nel cal­cio che con­ta». Ora gio­ca in Me­dio Orien­te, nel­la for­ma­zio­ne del­la Al-Ja­zi­ra e, a se­gui­to di un in­for­tu­nio (rot­tu­ra del cro­cia­to del gi­noc­chio de­stro), sta ef­fet­tuan­do la ria­bi­li­ta­zio­ne a Squin­za­no pres­so il Cen­tro Me­di­co di­ret­to dal dot­tor Giu­sep­pe Pa­la­ia, per 36 an­ni me­di­co so­cia­le del Lec­ce (ora dell'Enel Basket Brin­di­si). La lo­ca­tion per l'in­con­tro con i gior­na­li­sti è sta­to ap­pun­to que­sto Cen­tro Me­di­co: «Pa­la­ia è il mio me­di­co di fi­du­cia -di­ce il mon­te­ne­gri­no­tor­no sem­pre da lui quan­do ho qual­che pro­ble­ma, sto com­ple­tan­do la ria­bi­li­ta­zio- ne, tra non mol­to ef­fet­tue­rò una vi­si­ta di con­trol­lo e spe­ro di tor­na­re in pie­na ef­fi­cien­za». Pron­to per il Lec­ce do­ve Vu­ci­nic giun­se quindicenne e con Ro­ber­to Riz­zo al­le­na­to­re del­la Pri­ma­ve­ra vin­se tut­to e do­ve han­no chiu­so la car­rie­ra al­tri ex stra­nie­ri Pa­scul­li, Che­van­ton, Gia­co­maz­zi, Alei­ni­kov). « Lec­ce è sta­ta la mia se­con­da pa­tria, an­zi ora è la pri­ma vi­sto che ho com­pra­to ca­sa qui e che mia mo­glie è sa­len­ti­na». Na­tu­ral­men­te il pro­ble­ma non si por­rà pri­ma del­la sta­gio­ne 2017-2018. «Ho da ri­spet­ta­re un al­tro an­no di con­trat­to si­no al 30 giu­gno 2017 con Al-Ja­zi­ra,do­ve mi tro­vo be­ne, e poi, ri­pe­to, vor­rei chiu­de­re qua do­ve ini­ziai».

QUA­LE AD­DIO. Vu­ci­nic chia­ri­sce su­bi­to che per lui 'chiu­de­re la car­rie­ra' non si­gni­fi­ca sver­na­re: «Ver­rei qui so­lo

Vu­ci­nic, 32 an­ni, ie­ri a Squin­za­no (Le), con il suo me­di­co, il dot­tor Pa­la­ia, che lo sta ria­bi­li­tan­do so fos­si cer­to di es­se­re al me­glio dell'ef­fi­cien­za fi­si­ca. In­fat­ti, se mi ac­cor­ges­si di es­se­re so­lo al 30-40%, me ne sta­rei a ca­sa a go­der­mi la fa­mi­glia. Non vor­rei cer­to ro­vi­na­re l'im­ma­gi­ne che ho la­scia­to si­no a quan­do mi so­no tra­sfe­ri­to al­la Ro­ma». A Lec­ce, d'al­tron­de, ven­ne che era un ra­gaz­zi­no, e l’at­tac­can­te co­glie l'oc­ca­sio­ne per rin­gra­zia­re il pre­si­den­te Se­me­ra­ro per aver­lo aiu­ta­to a cre­sce­re: «Mi por­tò via dal Mon­te­ne­gro do­ve, se fos­si ri­ma­sto, non so che fi­ne avrei fat­to e mi aiu­tò e con­si­gliò da gio- va­nis­si­mo quan­do non ero mol­to tran­quil­lo».

RI­COR­DI. De­gli an­ni in gial­lo­ros­so ri­cor­da in par­ti­co­la­re la pri­ma re­te mes­sa a se­gno: «Fu in una par­ti­ta col Ca­glia­ri, gio­ca­ta su cam­po neu­tro di Ro­ma e ri­cor­do, tra i com­pa­gni, l'aiu­to che mi ha sem­pre da­to Vu­gri­nec, sot­to for­ma di consigli e di in­co­rag­gia­men­ti an­che fuo­ri dal cam­po». Ora che ha chiu­so col mas­si­mo cam­pio­na­to ita­lia­no, Vu­ci­nic as­si­cu­ra che lo se­gue con di­stac­co: «Ogni set­ti­ma­na mi in­for­mo più sui ri­sul­ta­ti del Lec­ce che del­le al­tre squa­dre. Spe­ro dav­ve­ro che il Lec­ce la­sci al più pre­sto la Le­ga Pro». Pe­rò ac­cet­ta di par­la­re di scu­det­to e, ri­chie­sto di una pre­fe­ren­za per Ro­ma o Ju­ven­tus, fa ca­pi­re che per lui pa­ri so­no: «A Ro­ma so­no sta­to cin­que an­ni ed ho vin­to Cop­pa Ita­lia e Su­per­cop­pa; a To­ri­no so­no sta­to tre an­ni ed ho vin­to di più. Vin­ca l'una o l'al­tra non fa dif­fe­ren­za, ba­sta che sia­no nel cal­cio mon­dia­le». E tra gli al­le­na­to­ri chi ri­cor­da di più? «Tut­ti mi han­no in­se­gna­to qual­co­sa, co­mun­que de­vo tan­to a Ze­man e Spal­let­ti».

Mirko è in Pu­glia e si sta ria­bi­li­tan­do do­po un in­for­tu­nio: «Ho an­co­ra un an­no ad Abu Dha­bi poi...»

FU­TU­RO. Stop sul cal­cio na­zio­na­le. Si tor­na a par­la­re di pre­sen­te e di fu­tu­ro: «Ora de­vo pen­sa­re a gua­ri­re ed a tor­na­re ai mi­glio­ri li­vel­li. Poi tra un an­no e mez­zo ve­drò di co­ro­na­re il so­gno di in­dos­sa­re di nuo­vo la ma­glia gial­lo­ros­sa. Non mi in­te­res­sa il cam­pio­na­to do­ve sa­rà il Lec­ce né vi sa­ran­no pro­ble­mi eco­no­mi­ci. Per ora è una spe­ran­za che col­ti­vo, poi nel cal­cio nes­su­no può di­re quel che ac­ca­drà do­ma­ni. In­tan­to, au­gu­ro al Lec­ce di tor­na­re in B e, chis­sà, un do­ma­ni in se­rie A».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.