Mu­tu, il pe­ri­co­lo non è pas­sa­to

Il ro­me­no del­la Fio­ren­ti­na spe­ra in 3-4 me­si di stop, ma ri­schia fi­no ad un an­no

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - di Al­ber­to Ghiac­ci

RO­MA - An­co­ra un me­se e mez­zo. So­lo in­tor­no al­la me­tà di apri­le, in­fat­ti, ar­ri­ve­rà la sen­ten­za del TNA (Tri­bu­na­le Na­zio­na­le An­ti­do­ping), che di­rà con cer­tez­za as­so­lu­ta quan­to Adrian Mu­tu do­vrà re­sta­re an­co­ra lon­ta­no dai cam­pi per il ca­so si­bu­tra­mi­na. Pre­vi­sio­ni? I le­ga­li del gio­ca­to­re si di­co­no ot­ti­mi­sti e spe­ra­no in una squa­li­fi­ca di 3-4 me­si, ma il ru­me­no ri­schia se­ria­men­te da sei me­si a un an­no.

L'IN­TER­RO­GA­TO­RIO - Spie­ghia­mo. Mu­tu è sta­to in­ter­ro­ga­to ie­ri po­me­rig­gio, co­me da pro­gram­ma, al­la Pro­cu­ra An­ti­do­ping del Co­ni pres­so lo sta­dio Olim­pi­co di Ro­ma. Ac­com­pa­gna­to dai le­ga­li Ro­del­la e D’Avir­ro, il ru­me­no ha ri­spo­sto al­le do­man­de del Pro­cu­ra­to­re Ca­po Et­to­re Tor­ri e ha pro­va­to a di­mo­stra­re la sua buo­na fe­de nell’as­sun­zio­ne del­la si­bu­tra­mi­na: né sul­la sca­to­la del far­ma­co - pre­so per il man­te­ni­men­to del pe­so for­ma - né tan­to­me­no sul fo­gliet­to il­lu­stra­ti­vo, è se­gna­la­ta la pre­sen­za del­lo sti­mo­lan­te. An­zi: l’at­tac­can­te era con­vin­to di pren­de­re una me­di­ci­na, ru­me­na, del tut­to na­tu­ra­le, a ba­se di frut­ta e l'er­ro­re è sta­to quel­lo di non aver­lo co­mu­ni­ca­to ai me­di­ci del­la Fio­ren­ti­na. L'ag­gra­van­te, in que­sto ca­so, po­treb­be es­se­re l'uso con­ti­nua­ti­vo: in die­ci gior­ni, in con­di­zio­ni nor­ma­li, le trac­ce do­vreb­be­ro spa­ri­re, men­tre il ru­me­no è sta­to tro­va­to po­si­ti­vo in Fio­ren­ti­na-Ba­ri del 10 gen­na­io e poi in Fio­ren­ti­na-La­zio di Cop­pa Ita­lia il 20. La squa­li­fi­ca mas­si­ma, nel ca­so de­gli sti­mo­lan­ti, del­la fa­mi­glia dei qua­li fa par­te la si­bu­tra­mi­na, è pa­ri a un an­no (l'uni­co pre­ce­den­te ita­lia­no di si­bu­tra­mi­na, nel vol­ley fem­mi­ni­le, è sta­to pu­ni­to con 3 me­si).

RECIDIVITA' SI' O NO? - Poi c'è il ca­pi­to­lo del­la even­tua­le re­ci­di­vi­tà. Mu­tu fu squa­li­fi­ca­to nel 2004, all'epo­ca del Chel­sea, per uso di co­cai­na. Ie­ri, all'in­ter­ro­ga­to­rio, gli è sta­to chie­sto an­che que­sto. Il fat­to che l'esa­me in cui Mu­tu fu tro­va­to po­si­ti­vo a Londra si ef­fet­tuò al di fuo­ri di una nor­ma­le par­ti­ta, de­ve es­se- re di­mo­stra­to. In so­stan­za, la Pro­cu­ra chie­de­rà al­la Fi­fa e al­la Wada (Agen­zia Mon­dia­le An­ti­do­ping) se po­trà, co­me chie­de la di­fe­sa, non te­ner con­to del pre­ce­den­te. An­che ai le­ga­li del gio­ca­to­re è sta­to chie­sto di for­ni­re quan­te più pro­ve pos­si­bi­li per po­ter di­mo­stra­re che l'epi­so­dio non va pre­so in con­si­de­ra­zio­ne e la di­fe­sa pun­te­rà sul­la pe­na già scon­ta­ta: 7 me­si e una gros­sa mul­ta non han­no nul­la a che fa­re con i due an­ni pre­vi­sti per la co­cai­na, pro­prio per­ché il con­trol­lo fu ef­fet­tua­to “out com­pe­ti­tion”. La pe­na in ca­so di re­ci­di­vi­tà va da un mi­ni­mo di un an­no a un massimo di quat­tro an­ni.

SI­TUA­ZIO­NE COM­PLES­SA - La que­stio­ne, co­me si ve­de, è mol­to com­ples­sa. A fi­ne in­ter­ro­ga­to­rio, i le­ga­li di Mu­tu han­no ot­te­nu­to 15 gior­ni di tem­po per pre­sen­ta­re una re­la­zio­ne tec­ni­co­scien­ti­fi­ca sul far­ma­co in que­stio­ne, non­ché una pri­ma me­mo­ria di­fen­si­va che pun­te­rà, con pun­ti car­di­ne “buo­na fe­de” e “non re­ci­di­vi­tà”, a far emet­te­re un de­fe­ri­men­to con ri­chie­sta di squa­li­fi­ca non pe­san­te. Pas­sa­te le due set­ti­ma­ne e par­ti­ta la ri­chie­sta, la pal­la pas­se­rà a TNA. Il Tri­bu­na­le non im­pie­ghe­rà me­no di 20-25 gior­ni, più o me­no la me­tà del tem­po a sua di­spo­si­zio­ne (50 gior­ni), per la fis­sa­zio­ne dell'udien­za fi­na­le, quan­do ar­ri­ve­rà il ver­det­to. Al­lo­ra Mu­tu avrà già scon­ta­to all'in­cir­ca due me­si e mez­zo - è fer­mo dal 29 gen­na­io - del­la squa­li­fi­ca to­ta­le. Nei die­ci gior­ni pre­ce­den­ti al di­bat­ti­men­to fi­na­le, le par­ti pre­sen­te­ran­no le pro­prie memorie di­fen­si­ve. Do­po la sen­ten­za, ci sa­ran­no 30 gior­ni di tem­po per pre­sen­ta­re ri­cor­so al Tas di Lo­san­na, ul­ti­mis­si­mo gra­do di giu­di­zio.

LA DI­FE­SA - Lo sto­ri­co le­ga­le di Mu­tu, Pao­lo Ro­del­la, si di­ce ot­ti­mi­sta: «Sì, per­ché il gio­ca­to­re è in buo­na fe­de. Di­mo­stre­re­mo che il pro­dot­to non è sta­to as­sun­to per al­te­ra­re le pre­sta­zio­ni spor­ti­ve ma in­di­pen­den­te­men­te da que­ste e che, per di più, Mu­tu non era a co­no­scen­za che il pro­dot­to con­te­nes­se la so­stan­za vie­ta­ta vi­sto che sul­la con­fe­zio­ne che ab­bia­mo pre­sen­ta­to c’è scrit­to “pro­dot­to na­tu­ra­le al 100%”» .

UDIEN­ZA

Adrian Mu­tu, 31 an­ni, al suo ar­ri­vo ie­ri per l’udi­ne­za pres­so la Pro­cu­ra An­ti­do­ping del Co­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.