Cos­su riab­brac­cia il Ca­glia­ri

Pri­ma i com­pli­men­ti, poi gli sfot­tò dei com­pa­gni: «Ora pen­so sol­tan­to al Ca­ta­nia»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - di Giu­sep­pe Ami­sa­ni

CA­GLIA­RI - Nel­la va­li­gia, ol­tre al­le gran­di sod­di­sfa­zio­ni, An­drea Cos­su si è por­ta­to a ca­sa quel­la ma­glia az­zur­ra nu­me­ro set­te che fi­ni­rà nei suoi ri­cor­di più ca­ri in­sie­me al­le tan­te ros­so­blù che or­mai so­no la sua se­con­da pel­le. Un viag­gio lun­go e a tap­pe, l'ul­ti­ma a Ro­ma, pri­ma del volo del­le 9,50 che ie­ri, da Fiu­mi­ci­no, lo ha ri­por­ta­to nel­la sua Ca­glia­ri. «Pen­so di aver fat­to una buo­na ga­ra» le sue pa­ro­le del do­po par­ti­ta di Mon­te­car­lo, ma è ab­ba­stan­za per uno co­me lui che non ama i ri­flet­to­ri. Me­glio far par­la­re il pal­lo­ne, che rie­sce ma­gi­stral­men­te a toc­ca­re con un pie­de de­stro pre­ci­so che gli per­met­te di fa­re un po' quel­lo che vuo­le. Ad at­ten­der­lo, nel cen­tro spor­ti­vo di Assemini, i suoi com­pa­gni che lo han­no abbracciato con gran­de ca­lo­re.

Un rien­tro da gran­de cam­pio­ne per Cos­su, ac­col­to con gran­de af­fet­to da tut­ta la squa­dra. Con­ti e Ago­sti­ni so­no sta­ti tra i più sca­te­na­ti per­ché, do­po i com­pli­men­ti, si so­no fat­ti sot­to con le bat­tu­te sul­la pre­sta­zio­ne in cam­po del pic­co­lo tre­quar­ti­sta che se l'è do­vu­ta ve­de­re con­tro i leo­ni del Ca­me­run, con i qua­li, co­mun­que, non ha cer­to sfi­gu­ra­to. Spe­cia­le, l'ab­brac­cio con Die­go Lo­pez, al qua­le Cos­su è le­ga­tis­si­mo fin da quan­do gio­ca­va nel Verona e se­gui­va il Ca­glia­ri sol­tan­to co­me ti­fo­so. Al ca­pi­ta­no, il fan­ta­si­sta ha vo­lu­to fa­re un re­ga­lo par­ti­co­la­re che è un mi­sto tra un ve­ro e pro­prio ci­me­lio e un sou­ve­nir da Mon­te­car­lo, por­tan­do in do­no i pan­ta­lon­ci­ni che ha in­dos­sa­to mer­co­le­dì se­ra nel­la sua pri­ma ga­ra con la Na­zio­na­le.

Un ge­sto spe­cia­le che ha ul­te­rior­men­te raf­for­za­to il lo­ro rap­por­to, fat­to di gran­de sti­ma e ami­ci­zia. Le due ma­glie so­no tut­te per sé, an­che per­ché per ac­con­ten­ta­re tut­ti i pa­ren­ti e gli ami­ci ne sa­reb­be­ro ser­vi­te cen­ti­na­ia. Ma quel­la del­la pri­ma vol­ta avrà un po­sto tut­to par­ti­co­la­re fra i suoi ri­cor­di per­ché con que­sta op­por­tu­ni­tà, Cos­su po­treb­be ad­di­rit­tu­ra es­ser­si gua­da­gna­to il pas­sa­por­to per il Su­da­fri­ca. «Non scher­zia­mo, nem­me­no ci pen­so. E' sta­ta una bel­lis­si­ma espe­rien­za e so­no sod­di­sfat­to perchè ho gio­ca­to tut­ta la par­ti­ta e so­no riu­sci­to a toc­ca­re tan­ti pal­lo­ni. Ma io ho te­sta sol­tan­to per il Ca­glia­ri. E ora vo­glio pen­sa­re so­lo al­la sfi­da con­tro il Ca­ta­nia».

L'umil­tà non gli manca, ma il sar­do sa di aver la­scia­to il se­gno con le sue ser­pen­ti­ne. Pa­ga­to lo scot­to con l'emo­zio­ne dell'esor­dio, ha pre­so sem­pre più co­rag­gio e al­la fi­ne è sta­ta una del­le no­te lie­te del­le se­ra­ta. Lip­pi si è det­to sod­di­sfat­to dei nuo­vi, in­clu­den­do Cos­su tra le sco­per­te più pia­ce­vo­li e ora do­vrà pren­de­re una de­ci­sio­ne su co­me im­po­sta­re la Na­zio­na­le per il fu­tu­ro. Il ca­glia­ri­ta­no a 29 an­ni non è gio­va­nis­si­mo, ma, do­po aver­lo di­mo­stra­to nel Ca­glia­ri, ha sa­pu­to es­se­re un ot­ti­mo ele­men­to an­che in una se­le­zio­ne di cam­pio­ni co­me è l'Ita­lia, nel­le cui fi­la non ha sfi­gu­ra­to. Man­ca­no an­co­ra do­di­ci par­ti­te per con­vin­ce­re il CT e se an­che il pen­sie­ro prin­ci­pa­le di Cos­su re­sta por­ta­re il Ca­glia­ri più in al­to pos­si­bi­le, il so­gno del­la ma­glia az­zur­ra al Mon­dia­le, è tutt'al­tro che im­pos­si­bi­le. So­prat­tut­to, do­po mer­co­le­dì se­ra.

FE­LI­CE DI ES­SER­CI STA­TO

An­drea Cos­su, 29 an­ni, in azio­ne con la ma­glia del­la Na­zio­na­le

LA RI­SOR­SA PER LA SAL­VEZ­ZA

Ma­xi­mi­lia­no Ga­ston Lo­pez, 25 an­ni, at­tac­can­te del Ca­ta­nia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.