La Friis esa­mi­na Fe­de: «Può già bat­ter­mi»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Nuoto -

BU­DA­PE­ST - Ste­fa­no Morini di­ce di es­se­re più te­so del­la sua nuo­ta­tri­ce. Lei, Federica Pel­le­gri­ni è co­sì ri­las­sa­ta da as­sol­ve­re al suo ruo­lo di ca­pi­ta­na e tin­ge­re i ca­pel­li al­le ma­tri­co­le. Ri­tua­le an­ti­co in se­no al­la squa­dra ita­lia­na. Ie­ri Fe­de ha fat­to di­ven­ta­re ne­ri i lun­ghi ca­pel­li bion­di di Gior­gia Con­si­glio. Poi ha mes­so in fi­la la so­li­ta do­se di va­sche pre ga­ra. Og­gi esor­di­sce in que­sti Eu­ro­pei nel­le bat­te­rie de­gli 800 sl, una sor­ta di espe­ri­men­to per ve­de­re co­sa fa­re in fu­tu­ro. Morini, quan­to va­le la Pel­le­gri­ni sul­la di­stan­za? «Va­le, va­le» . La ri­spo­sta la di­ce lun­ga. Il pia­no è di fa­re una qua­li­fi­ca­zio­ne tran­quil­la ( «At­tor­no agli 8:30» ), per poi pro­va­re a vin­ce­re do­ma­ni. «Quan­do lei va in ac­qua vuo­le sem­pre il me­glio» . Federica è tran­quil­la. «Ma so­no an­che cu­rio­sa, fi­no­ra gli 800 sl li ho fat­ti pra­ti­ca­men­te da so­la. Qui mi con­fron­to con av­ver­sa­rie for­ti, vo­glio ve­de­re co­me rea­gi­sco» . L'obiet­ti­vo è chia­ro. «Sa­rei mol­to sod­di­sfat­ta di strap­pa­re una me­da­glia di bron­zo» . Il ten­ta­ti­vo è fat­to in ono­re di Al­ber­to Ca­sta­gnet­ti, che l'ha spin­ta a pro­va­re que­sta ga­ra, e nel­la ri­cer­ca di sem­pre nuo­ve mo­ti­va­zio­ni. «E' an­che una sor­ta di ri­tor­no all'an­ti­co, da bam­bi­na nuo­ta­vo pro­prio gli 800 sl» .

La Pel­le­gri­ni ha un per­so­na­le di 8:27.54, fat­to nel­la ga­ra di apri­le ai Pri­ma­ve­ri­li di Ric­cio­ne. Tre le av­ver­sa­rie con cui lot­ta­re. Ca­mil­le Po­tec, Re­bec­ca Ad­ling­ton cam­pio­nes­sa olim­pi­ca e pri­ma­ti­sta del mon­do e Lot­te Friis. La da­ne­se, oro ai Mon­dia­li di Ro­ma, ha un per­so­na­le di 8:15.92, men­tre que­st'an­no ha nuo­ta­to in 8:23.76. L'ab­bia­mo in­con­tra­ta ie­ri mat­ti­na, le ab­bia­mo chie­sto di rac­con­tar­si e di rac­con­tar­ci que­sta sfi­da con la mi­glio­re nuo­ta­tri­ce ita­lia­na di sem­pre. BU­DA­PE­ST - Lot­te Friis, la pre­oc­cu­pa la scel­ta di Federica Pel­le­gri­ni di fa­re an­che gli 800 sl sia qui che a Lon­dra 2012? «Non so quan­to val­ga su que­sta di­stan­za. Ma se una nuo­ta­tri­ce che ha vin­to due ti­to­li mon­dia­li con al­tret­tan­ti re­cord, de­ci­de di ci­men­tar­si sul­la tua ga­ra, de­vi ave­re ri­spet­to per lei».

Chi te­me di più tra Pel­le­gri­ni e Ad­ling­ton? «Di­cia­mo che ab­bia­mo le stes­se pro­ba­bi­li­tà di vit­to­ria. Par­tia­mo tut­te e tre al­la pa­ri».

Lei ha vin­to l'oro ai Mon­dia­li di Ro­ma 2009, che ri­cor­do ha di quei gior­ni? «Me­ra­vi­glio­so. Una cit­tà af­fa­sci­nan­te. L'Ita­lia mi pia­ce, ado­ro il suo ci­bo, la sim­pa­tia del­la gen­te, la bel­lez­za del­le cit­tà. Pri­ma di af­fron­ta­re il nuo­to da pro­fes­sio­ni­sta, con la mia fa­mi­glia sia­mo ve­nu­ti spes­so in va­can­za nel vo­stro Pae­se».

Do­ve con­ser­va la me­da­glia d'oro di Ro­ma? «In una cas­set­ta di si­cu­rez­za, in ban­ca».

In ban­ca? «Sì, è sta­ta una scel­ta fa­ci­le. I miei ge­ni­to­ri la­vo­ra­no lì, quan­do de­vo mo­strar­la in gi­ro, tor­na in un at­ti­mo tra le mie ma­ni».

Quan­te vol­te ha vi­sto il fil­ma­to del­la sua vit­to­ria a Ro­ma? «Un'in­fi­ni­tà di vol­te. La te­le­vi­sio­ne l'ha tra­smes­so in con­ti­nua­zio­ne».

Il nuo­to è co­sì po­po­la­re in Da­ni­mar­ca? «No. Cal­cio e pallamano lo so­no mol­to di più. Ma io ho da­to una spin­ta no­te­vo­le al­la po­po­la­ri­tà di que­sto sport».

Con i suoi suc­ces­si? «No, con la mia par­te­ci­pa­zio­ne a "Bal­lan­do con le stel­le"».

La dan­za è il suo hob­by? «No, ma mi so­no di­ver­ti­ta tan­to».

E' sta­to dif­fi­ci­le? «E' sta­to dif­fi­ci­le per lo­ro tro­va­re un bal­le­ri­no al­la mia al­tez­za (Lot­te è al­ta 1.84, ndr) ».

Ha vin­to? «No. Ha vin­to un pi­lo­ta di au­to da tu­ri­smo. Io so­no sta­ta eli­mi­na­ta al­la set­ti­ma di no­ve pun­ta­te».

La po­po­la­ri­tà l'ha por­ta­ta an­che sui gior­na­li che si oc­cu­pa­no di gos­sip? «Sì. Ogni vol­ta che esce una fo­to con un ra­gaz­zo, di­co­no che è il mio fi­dan­za­to». Ab­bia­mo let­to che è fi­dan­za­ta con il ci­cli­sta lus­sem­bur­ghe­se Frank Schleck. E' ve­ro? «E' sta­to scrit­to, ma non è ve­ro».

Do­ve vi­ve? «A Co­pe­na­ghen. Da so­la».

Co­me pas­sa il tem­po du­ran­te i ri­ti­ri? «Leg­go. Tan­to».

Co­sa? «Un po' tut­to, so­no una di­vo­ra­tri­ce di li­bri. Qui con me ho un th­ril­ler di un au­to­re sve­de­se».

Guar­da mol­ta te­le­vi­sio­ne? «Tan­ta».

Pro­gram­ma pre­fe­ri­to? «Pa­ra­di­se Ho­tel»

Vie­ne da una fa­mi­glia nu­me­ro­sa? «Mam­ma Met­te, pa­pà Finn. Una so­rel­la più gran­de che fa­ce­va nuo­to, ma poi ha la­scia­to per­de­re per­ché io an­da­vo più for­te. Due fra­tel­li più pic­co­li che non fan­no sport».

Lot­te Friis, ha qual­che so­gno nel cas­set­to? «Vin­ce­re l'oro all'Olim­pia­de, gui­da­re una F.1 ed es­se­re fe­li­ce».

Lot­te Friis è na­ta a Hor­sholm (Da­ni­mar­ca) il 9 feb­bra­io 1988. Bron­zo su­gli 800 sl a Pe­chi­no 2008, oro ai Mon­dia­li di Ro­ma 2009. Ter­zo tem­po mon­dia­le sta­gio­na­le (8:23.76). Per­so­na­le: 8:15.92

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.