RO­MA 1960 2010

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Speciale - di Fran­co Fa­va

RO­MA - Ven­ti­cin­que ago­sto 1960. Cin­quant'an­ni fa a Ro­ma l'Olim­pia­de che cam­biò il mon­do. L'ul­ti­ma dal vol­to uma­no. La pri­ma con­sa­cra­ta al­la te­le­vi­sio­ne. Ro­ma 1960, car­to­li­ne in­gial­li­te di una fe­sta di sport ri­ma­sta uni­ca che mez­zo se­co­lo do­po tor­na­no a bril­la­re sul­le ali di un nuo­vo so­gno olim­pi­co: quel­lo dei Gio­chi del 2020. Fu l'Olim­pia­de del­la fe­li­ci­tà. Nell'esta­te in cui tut­ta Ita­lia sco­prì la pas­sio­ne per lo sport. Per tut­ti gli sport. E il mon­do ca­pì che po­te­va pun­ta­re sul­le emo­zio­ni ago­ni­sti­che per cer­ca­re di ri­sol­ve­re le sue di­vi­sio­ni se­co­la­ri. Per ri­da­re cit­ta­di­nan­za a po­po­li e con­ti­nen­ti ri­ma­sti a lun­go sot­to­mes­si. E spe­ran­ze a uo­mi­ni e don­ne sen­za vol­ti e sen­za no­mi. Il mon­do tor­nò a ri­tro­var­si sot­to la ban­die­ra dei cin­que cer­chi in una cit­tà ca­ri­ca di pas­sio­ni co­me mai ave­va co­no­sciu­to pri­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.