Lec­ce, il pro­ble­ma è la lin­gua

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - Fran­ce­sco Gen­si­ni/atc di Elio Don­no

LEC­CE - Do­po il Mi­lan, la Fio­ren­ti­na. Par­ten­za più im­pe­gna­ti­va, il Lec­ce non avreb­be po­tu­to ave­re nel do­di­ce­si­mo cam­pio­na­to di A del­la sua sto­ria. Ma in ca­sa gial­lo­ros­sa la scon­fit­ta di Mi­la­no se­gui­ta al­la gri­gia pre­sta­zio­ne col­let­ti­va è pra­ti­ca­men­te di­men­ti­ca­ta. Il cam­pio­na­to, quel­lo ve­ro, sem­bra che ini­zi do­me­ni­ca pros­si­ma con­tro la Fio­ren­ti­na. Il pre­si­den­te Pie­ran­drea Se­me­ra­ro, che ha pre­sen­ta­to in set­ti­ma­na gli ul­ti­mi ar­ri­va­ti, e lo stes­so De Ca­nio han­no li­qui­da­to con po­che bat­tu­te la pre­sta­zio­ne for­ni­ta dal­la squa­dra al Meaz­za in­cen­tran­do l'at­ten­zio­ne sul fat­to che l'or­ga­ni­co è fi­nal­men­te com­ple­ta­to d ora il tec­ni­co po­trà la­vo­ra­re com­piu­ta­men­te sui tan­ti gio­ca­to­ri nuo­vi che han­no di fat­to ri­vo­lu­zio­na­to la ro­sa.

Ve­ner­dì De Ca­nio ha avu­to un fe­li­ce break fa­mi­lia­re, fer­man­do­si a Ma­te­ra per il ma­tri­mo­nio del­la fi­glia, sa­ba­to ha ri­pre­so il te­sti­mo­ne ed ha an­che co­no­sciu­to l'ul­ti­mo ar­ri­va­to, il ni­ge­ria­no Ofe­re, quin­di ha con­vo­ca­to tut­ti per mar­te­dì pros­si­mo per la ri­pre­sa de­gli al­le­na­men­ti. «Stia­mo cer­can- do di su­pe­ra­re le ine­vi­ta­bi­li dif­fi­col­tà che si in­con­tra­no quan­do un or­ga­ni­co è am­pia­men­te rin­no­va­to - ha det­to De Ca­nio - quan­do poi que­sto rin­no­va­men­to com­por­ta la pre­sen­za di più gio­ca­to­ri pro­ve­nien­ti da pae­si di­ver­si, il pro­ble­ma del­la lin­gua non è se­con­da­rio. Si trat­ta di far­si ca­pi­re su ter­mi­ni tec­ni­ci e, per lo­ro, di ca­pir­si con i com­pa­gni. Un pro­ble­ma di lin­gua a cui si ag­giun­ge an­che l'adat­ta­men­to a po­si­zio­ni, spo­sta­men­ti, os­ser­va­zio­ni che ma­ga­ri nel­le squa­dre di ori­gi­ne era­no di­ver­si. Co­mun­que, ve­do tan­to im­pe­gno e tan­ta vo­glia di far be­ne» . Il Lec­ce, di­fat­ti, con i nuo­vi ar­ri­vi, sem­bra di­ven­ta­to una mul­ti­na­zio­na­le. So­no giun­ti tre uru­gua­ia­ni (Che­van­ton, che pe­rò par­la ita­lia­no, Gross­mul­ler e Oli­ve­ra), due bra­si­lia­ni (Je­da, che par­la cor­ret­ta­men­te, e Gu­sta­vo), un ar­gen­ti­no (Piat­ti), un nor­ve­ge­se (Re­gi­nius­sen) e un ni­ge­ria­no (Ofe­re). A Gross­mul­ler e Oli­ve­ra fan­no da in­ter­pre­ti Gia­co­maz­zi e Che­van­ton, a Gu­sta­vo, Fa­bia- no e Je­da, men­tre per gli al­tri, De Ca­nio si af­fi­da a due in­ter­pre­ti, vin­co­la­ti na­tu­ral­men­te al se­gre­to per gli sche­mi che il­lu­stra ai suoi uo­mi­ni.

A par­te co­mun­que i pro­ble­mi di co­mu­ni­ca­zio­ne, De Ca­nio è sod­di­sfat­to del la­vo­ro che si sta com­pien­do e spe­ra di po­ter pre­sen­ta­re una squa­dra ca­pa­ce di ispi­ra­re fi­du­cia nel­la «ver­ni­ce» del­lo sta­dio di via del Ma­re, do­me­ni­ca pros­si­ma. Do­vrà im­po­sta­re una nuo­va di­fe­sa, do­po quel­la pre­sen­ta­ta a Mi­la­no, sce­glien­do so­prat­tut­to gli ester­ni: a de­stra è ar­ri­va­to Ri­spo­li, che co­mun­que do­vrà ve­der­se­la col gio­va­ne Do­na­ti, che con­tro il Mi­lan non si è com­por­ta­to ma­le. A si­ni­stra, si trat­te­rà di ve­de­re se sa­rà schie­ra­to Bri­vio o sa­rà ar­re­tra­to Me­sbah. «Co­me ho fat­to a Mi­la­no, an­che con­tro la Fio­ren­ti­na schie­re­rò gli uo­mi­ni che sem­bre­ran­no più pron­ti, per­ché le for­ma­zio­ni non si fan­no sul­la ba­se dei no­mi ma del­la con­di­zio­ne in­di­vi­dua­le» . Set­ti­ma­na di pas­sio­ne per il tec­ni­co, quin­di: in at­tac­co pre­mo­no Je­da, Di Mi­che­le, Che­van­ton e sgo­mi­ta Cor­via; a cen­tro­cam­po c'è af­fol­la­men­to. Que­sti gior­ni di la­vo­ro gli chia­ri­ran­no le idee.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.