«Par­ti­ta per buon­gu­stai Non cam­bio il mio tri­den­te con quel­lo del Pa­ler­mo»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - Dall’in­via­to Ri­no Cesarano

CA­STEL­VOL­TUR­NO (Ca­ser­ta) - An­che Maz­zar­ri aspet­ta que­sta sfi­da con il Pa­ler­mo spe­ran­do di gu­star­si due ore di bel cal­cio. «Si­gno­ri, si af­fron­ta­no due bel­le real­tà del no­stro cam­pio­na­to. Na­po­li e Pa­ler­mo si so­mi­glia­no ab­ba­stan­za, an­che lo­ro pun­ta­no sul­le ri­par­ten­ze. E quan­do si espri­mo­no al me­glio fan­no ve­ni­re vo­glia di an­da­re al­lo sta­dio. Di­ver­to­no. Ed an­che il Pa­ler­mo di­spo­ne di bel­le in­di­vi­dua­li­tà. Ma a me sin­ce­ra­men­te le in­di­vi­dua­li­tà non in­te­res­sa­no. I ri­sul­ta­ti ar­ri­va­no gra­zie al col­let­ti­vo. So­no le squa­dre che de­ter­mi­na­no, non i sin­go­li gio­ca­to­ri, sep­pu­re ta­len­ti» . Maz­zar­ri si tra­ve­ste da ban­di­to­re di uno spet­ta­co­lo. E non vuo­le es­se­re tra­sci­na­to sul pia­no dei raf­fron­ti. Chi in­ci­de­rà di più nel­la sfi­da, La­vez­zi o Pa­sto­re? «Pa­sto­re è bra­vo ma pre­fe­ri­sco te­ner­mi stret­to il mio che è in­di­spen­sa­bi­le. E poi, an­che il no­stro tri­den­te è di tut­to ri­spet­to con Ca­va­ni ed Ham­sik. Non in­vi­dio nes­su­no, so­no con­ten­to di quel­li che ho». CA­VA­NI SOR­PREN­DEN­TE - Co­sì con­ten­to che ri­tie­ne Ca­va­ni una sor­pre­sa an­che per lui: «Non era fa­ci­le pen­sa­re che fos­se co­sì pun­tua­le in zo­na gol ma a me pia­ce per­chè è mo­der­no, aiu­ta i com­pa­gni, si sa­cri­fi­ca tan­to ed of­fre equi­li­brio tat­ti­co. Non so se è il più for­te at­tac­can­te del cam­pio­na­to ma è gio­va­ne e sta di­spu­tan­do la mi­glio­re an­na­ta del­la sua car­rie­ra, al mo­men­to è si­cu­ra­men­te il più in for­ma».

An­che per Maz­zar­ri, che non vor­reb­be par­la­re di sin­go­li, di­ven­ta ine­vi­ta­bi­le non sof­fer­mar­si su un gio­ca­to­re che ha rea­liz­za­to ven­ti gol in me­no di tre me­si, tra cam­pio­na­to, Eu­ro­pa Lea­gue e na­zio­na­le uru­gua­ia­na. Già, il Ma­ta­dor, il gran­de ex del­la se­ra­ta: «Sa­rà una ga­ra aper­ta ad ogni ri­sul­ta­to, Ros­si è bra­vo nel pre­pa­ra­re le par­ti­te. Noi ci ar­ri­via­mo nel mo­do giu­sto. C’è un pò di stan­chez­za do­po il viag­gio in Olan­da ma ve­do la squa­dra be­ne, in sa­lu­te. L’Utre­cht non ave­va mai per­so in ca­sa e noi per un sof­fio non ci sia­mo riu­sci­ti. In fon­do sia­mo l’uni­ca squa­dra ita­lia­no an­co­ra in cor­sa per l’Eu­ro­pa Lea­gue, ter­zi in cam­pio­na­to, co­sa si pre­ten­de­va da que­sto grup­po? Per me, stia­mo fa­cen­do più che be­ne».

E non con­si­de­ra que­sti no­van­ta mi­nu­ti uno spar­tiac­que per le am­bi­zio­ni dei due club: «Ma qua­le spar­tiac­que, Man­ca­no an­co­ra tan­te ga­re al ter­mi­ne. Piut­to­sto si trat­ta di una sfi­da af­fa­sci­nan­te, que­sto sì. Ed io spe­ro che non su­bia­mo un al­tro caz­zot­to per rea­gi­re. Ep­pu­re non sem­pre è an­da­ta co­sì. Se ana­liz­za­te le quattro scon­fit­te in­cas­sa­te fi­no­ra, in nes­su­na sia­mo sta­ti mes­so sot­to in ma­nie­ra net­ta. Sem­pre epi­so­di a sfa­vo­re, pic­co­li in­ci­den­ti che poi si so­no ri­ve­la­ti fa­ta­li». AM­NE­SIE DI­FEN­SI­VE - «Eb­be­ne, ve lo di­co: il pro­ble­ma non è dei sin­go­li di­fen­so­ri ma del­la fa­se di­fen­si­va in ge­ne­ra­le. Per cu­rar­la, pe­rò, c’è bi­so­gno di tem­po. E di tem­po non ne ab­bia­mo avu­to gio­can­do ogni tre gior­ni. Di­ce­va Sac­chi che la tat­ti­ca di­fen­si­va bi­so­gna ri­pe­ter­la in con­ti­nua­zio­ne al­tri­men­ti i gio­ca­to­ri la di­men­ti­ca­no. Lo scor­so cam­pio­na­to ad esem­pio non era co­sì. Sol­tan­to cam­pio­ni co­me Chiel­li­ni e Ne­sta che so­no abi­tua­ti a cer­ti rit­mi fan­no la dif­fe­ren­za an­che quan­do non so­no al mas­si­mo». I TI­FO­SI - Chiu­de sui ti­fo­si: «So­no con­ten­ti di ve­de­re un Na­po­li che gio­ca e non mol­la mai e ci so­sten­go­no ma sta­vol­ta vor­rei che ci aiu­tas­se­ro di più, il lo­ro so­ste­gno può es­se­re fon­da­men­ta­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.