I ti­fo­si aspet­ti­no la Ro­ma ma la so­cie­tà si muo­va

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio -

Ci ri­sia­mo! Co­min­cia la sta­gio­ne e la Ro­ma è di nuo­vo as­sen­te. Ra­nie­ri la sta cer­can­do, ma an­co­ra non l’ha tro­va­ta. Era già ca­pi­ta­to a Spal­let­ti. Non si può nep­pu­re spe­ra­re di ri­tro­var­la at­tra­ver­so gli an­nun­ci pub­bli­ci­ta­ri, ma­ga­ri of­fren­do una “man­cia com­pe­ten­te” per­ché le cas­se del­la so­cie­tà so­no a sec­co. Bi­so­gna aspet­tar­la con pa­zien­za e con amo­re que­sta Ro­ma, che ha bi­so­gno di av­ver­ti­re tut­to l’af­fet­to dei suoi ti­fo­si per ri­far­si vi­va e ri­pren­de­re quo­ta. Bi­so­gna an­che ca­pir­la. Men­tre tut­ti gli av­ver­sa­ri si so­no raf­for­za­ti, la Ro­ma ha su­da­to san­gue per ri­met­te­re in­sie­me i suoi pez­zi. E que­sta esta­te sen­za so­gni di glo­ria, che ha già de­pres­so l’am­bien­te, sta for­se con­di­zio­nan­do an­che la squa­dra. Il cal­cio, si sa, è co­me la lu­na: se non cre­sce, ca­la.

Il mer­ca­to eser­ci­ta nel­la fa­se esti­va un ef­fet­to te­ra­peu­ti­co, ali­men­tan­do nuo­vi so­gni, fa­cen­do na­sce­re nuo­ve am­bi­zio­ni e sti­mo­lan­do gio­ca­to­ri e tec­ni­ci nel­la ri­cer­ca del­la sor­pre­sa e del­la no­vi­tà. La Ro­ma è in­ve­ce co­me una bel­la don­na co­stret­ta a fa­re bel­la fi­gu­ra in­dos­san­do sem­pre lo stes­so ve­sti­to. Bi­so­gna vo­ler­le be­ne per­ché si sen­ta bel­la sen­za sen­tir­si vec­chia, sen­za sen­tir­si su­pe­ra­ta, sen­za sen­tir­si l’eter­na Ce­ne­ren­to­la del cal­cio ita­lia­no. Nel­la vi­ta chi de­si­de­ra so­lo quel­lo che già pos­sie­de è un uo­mo fe­li­ce. Ma nel cal­cio è di­ver­so. Nel cal­cio la fe­li­ci­tà con­si­ste nel rag­giun­ge­re quel­lo che an­co­ra non si pos­sie­de. E in que­sto sen­so la ti­fo­se­ria del­la Ro­ma può con­si­de­rar­si pro- fon­da­men­te in­fe­li­ce.

Lo scor­so an­no la sor­pre­sa fu Ra­nie­ri, la no­vi­tà fu Bur­dis­so. Ba­sta­ro­no que­ste due pil­lo­le per ri­vi­ta­liz­za­re una squa­dra che sem­bra­va av­via­ta sul via­le del tra­mon­to. E per tut­ta la sta­gio­ne ab­bia­mo am­mi­ra­to una gran­de Ro­ma, gran­de nell’or­go­glio, gran­de nel­la fi­du­cia in se stes­sa, gran­de nei due der­by vin­ti e nei suc­ces­si sfio­ra­ti. Qual­co­sa pe­rò do­ve­va cam­bia­re per da­re di nuo­vo a tut­ti l’im­pres­sio­ne di cre­sce­re. Ci vo­le­va­no uo­mi­ni di pe­so (in sen­so me­ta­fo­ri­co, non in quel­lo del­la bi­lan­cia). In­ve­ce, stes­sa spiag­gia, stes­so ma­re. Vo­glia­mo­le be­ne a que­sta Ro­ma chia­ma­ta a fe­steg­gia­re la con­fer­ma di Bur­dis­so co­me un even­to, ca­ri­can­do di re­spon­sa­bi­li­tà un gio­ca­to­re che non può es­se­re il toc­ca­sa­na per tut­ti i pro­ble­mi atle­ti­ci e strut­tu­ra­li che li­mi­ta­no la squa­dra.

Un Tot­ti in gran­de spol­ve­ro non è ba­sta­to al­la Ro­ma. Al Ce­se­na è ba­sta­to in­ve­ce An­to­nio­li, che è tor­na­to all'Olim­pi­co con l'or­go­glio­so pun­ti­glio dell’uo­mo che gio­ca su un nu­me­ro del­la rou­let­te i ri­spar­mi di una vi­ta. An­to­nio­li ha vin­to uno scu­det­to con la Ro­ma, gra­zie ad uno sti­le prov­vi­sto di una di­sar­man­te sem­pli­ci­tà. Ma ha do­vu­to far ma­le al­la sua ex squa­dra per di­mo­stra­re a quel­li che non l’han­no mai ama­to qua­li frec­ce van­tas­se il suo ar­co.

An­che vo­len­do­le mol­to be­ne, re­sta da ve­de­re do­ve po­trà ar­ri­va­re que­sta Ro­ma che de­ve mi­su­rar­si con­tro av­ver­sa­ri tut­ti mol­to più for­ti. For­se può an­co­ra ar­ri­va­re do­ve vuo­le. Ba­sta che si de­ci­da a par­ti­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.