Og­gi il Bo­lo­gna a Ma­le­sa­ni

In­con­tro de­ci­si­vo tra Por­ced­da (con­te­sta­to) e il tec­ni­co: sa­rà fu­ma­ta bian­ca

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio -

BO­LO­GNA - Ser­gio Por­ced­da e Car­mi­ne Lon­go han­no scel­to Al­ber­to Ma­le­sa­ni e se og­gi l’ex tec­ni­co di Chie­vo, Par­ma, Fio­ren­ti­na, Udi­ne­se, Sie­na e via di­scor­ren­do ac­cet­te­rà la pro­po­sta del Bo­lo­gna ec­co che sa­rà lui l’uo­mo che pren­de­rà il po­sto di Fran­co Co­lom­ba. Sia do­me­ni­ca po­me­rig­gio che ie­ri i ca­pi del Bo­lo­gna han­no par­la­to un pa­io di vol­te al te­le­fo­no con Ma­le­sa­ni, ma di co­mu­ne ac­cor­do han­no de­ci­so di in­con­trar­si og­gi, pro­ba­bil­men­te a Mi­la­no, an­che per­ché ie­ri Por­ced­da ha per­so un’in­te­ra gior­na­ta con la Le­ga per ri­sol­ve­re la que­stio­ne dei tes­se­ra­men­ti di Ek­dal, Ru­bin e Ga­rics. Per il mo­men­to quel­li del Bo­lo­gna non si sbi­lan­cia­no sul no­me dell’al­le­na­to­re, « ab­bia­mo par­la­to con set­te o ot­to tec­ni­ci tra ie­ri e og­gi (tra do­me­ni­ca e ie­ri, ndr) e nel­le pros­si­me ore ti­re­re­mo le con­clu­sio­ni», l’af­fer­ma­zio­ne det­ta­ta ie- ri a me­tà po­me­rig­gio da Lon­go. Che poi ha ag­giun­to. « E’ evi­den­te che nel­la no­stra te­sta ab­bia­mo già un’idea pre­ci­sa su chi sa­rà il no­stro al­le­na­to­re».

Ma­le­sa­ni ap­pun­to, con­si­de­ra­to che il Bo­lo­gna vuo­le for­tis­si­ma­men­te un al­le­na­to­re di cam­po che sap­pia or­ga­niz­za­re la squa­dra e al tem­po stes­so sap­pia far cre­sce­re i suoi gio­va­ni. Sì, lo stes­so Por­ced­da (con­te­sta­to ie­ri al­lo sta­dio in oc­ca­sio­ne del po­sti­ci­po Bo­lo­gna-In­ter) ha spo­sa­to in pie­no quel­la che è la scel­ta del suo con­su­len­te di mer­ca­to, all’at­to pra­ti­co do­po il no di Leo­nar­do è ve­ro che il Bo­lo­gna ha son­da­to il ter­re­no an­che con al­tri al­le­na­to­ri ma è al­tret­tan­to ve­ro che si è but­ta­ta con gran­de de­ci­sio­ne pro­prio su Ma­le­sa­ni, no­no­stan­te la re­tro­ces­sio­ne da lui vis­su­ta con il Sie­na nel cam­pio­na­to pas­sa­to e al­tre sta­gio­ni più ca­ri­che di om­bre che di lu­ci, con­tan­do sia sul- la com­pe­ten­za tec­ni­ca e tat­ti­ca che sul­la sua in­fi­ni­ta vo­glia di ri­lan­cio.

Co­me era ac­ca­du­to il gior­no pri­ma, an­che ie­ri Ma­le­sa­ni non ha vo­lu­to ri­la­scia­re di­chia­ra­zio­ni. La sen­sa­zio­ne è che il Bo­lo­gna e Ma­le­sa­ni tro­ve­ran­no un’in­te­sa, lo ha fat­to ca­pi­re nel tar­do po­me­rig­gio an­che il pre­si­den­te ros­so­blù Por­ced­da. Su chi an­dreb­be­ro Por­ced­da e Lon­go nel ca­so in cui (a sor­pre­sa, lo sot­to­li­neia­mo) non rag­giun­ges­se­ro un ac­cor­do con Ma­le­sa­ni? Pro­ba­bil­men­te im­boc­che­reb­be­ro la stra­da che por­ta a Roberto Do­na­do­ni (e in quel ca­so tor­ne­reb­be sot­to le due tor­ri Ser­gio Bu­so), op­pu­re si but­te­reb­be­ro su Al­ber­to Ca­va­sin. Ma al­me­no il gior­no pri­ma que­sta è una pos­si­bi­li­tà che il Bo­lo­gna non pren­de nean­che in con­si­de­ra­zio­ne, con­vin­to com’è di chiu­de­re con Ma­le­sa­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.