Zac­che­ro­ni non mol­la: ri­par­te da ct del Giap­po­ne

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio - Di Roberto Maida

Al­la fi­ne il tra­ghet­ta­to­re ha tro­va­to un por­to si­cu­ro. Lon­ta­no un mon­do, sì. Ma pu­re in­tri­gan­te, co­me so­lo cer­ti sal­ti spa­zio-tem­po­ra­li san­no es­se­re. Ave­va ra­gio­ne, Al­ber­to Zac­che­ro­ni, quan­do si sen­ti­va ono­ra­to di al­le­na­re la Ju­ven­tus, sia pu­re per po­chi me­si con il de­sti­no se­gna­to e un ere­de de­si­gna­to (pe­ral­tro mai ar­ri­va­to: Be­ni­tez). Sa­pe­va, da uo­mo di ma­re e di mon­do, che il mer­ca­to glo­ba­liz­za­to of­fre sem­pre una nuo­va pos­si­bi­li­tà a chi è nel gi­ro. Zac è ri­sa­li­to sul­la gio­stra a gen­na­io, do­po tre an­ni da al­le­na­to­re fuo­ri cor­so, e non è riu­sci­to a riav­via­re il mec­ca­ni­smo ju­ven­ti­no. Ep­pu­re ora ha il per­mes­so di en­tra­re nel lu­na park Giap­po­ne: due an­ni di con­trat­to con op­zio­ne per un suc­ces­si­vo bien­nio, quel­lo che por­ta ai Mon­dia­li, e un gua­da­gno ga­ran­ti­to di 1 mi­lio­ne e 850 mi­la eu­ro. Non ma­le per un ex...ex.

LA SCEL­TA - Con i ca­pel­li mol­to più bian­chi di quan­do vin­se lo scu­det­to (1999, Mi­lan) ma la stes­sa, fa­na­ti­ca de­vo­zio­ne al dio del pal­lo­ne, si lan­cia a 57 an­ni nel­la sua pri­ma vi­ta da ct. La fe­de­ra­zio­ne di To­kyo l'ha con­tat­ta­to in gran se­gre­to nel­le scor­se set­ti­ma­ne. Poi, do­po i ri­fiu­ti di va­ri col­le­ghi tra cui Ma­nuel Pel­le­gri­ni (ex Real Ma­drid) e Marco Van Ba­sten, l'ha con­vo­ca­to e l'ha as­sun­to. Zac­che­ro­ni, che suc­ce­de al di­mis­sio­na­rio Oka­da, co­min­ce­rà il suo la­vo­ro os­ser­van­do le ami­che­vo­li dei pros­si­mi gior­ni, sa­ba­to con­tro il Pa­ra­guay e mar­te­dì con­tro il Gua­te­ma­la, in at­te­sa del de- but­to con­tro l'Ar­gen­ti­na l'8 ot­to­bre, sem­pre in una par­ti­tae­si­bi­zio­ne. Nel­la sto­ria del Pae­se è il se­sto stra­nie­ro, ol­tre che il pri­mo ita­lia­no, a gui­da­re la na­zio­na­le giap­po­ne­se: da que­ste par­ti so­no pas­sa­ti tra gli al­tri Fal­cao e Zi­co, sen­za ot­te­ne­re ri­sul­ta­ti. Può so­lo fa­re me­glio. Gli han­no af­fi­da­to la mis­sio­ne di far cre­sce­re il Giap­po­ne sul pia­no del­la per­so­na­li­tà in­ter­na­zio­na­le, do­po un Mon­dia­le che ha la­scia­to tan­ti rim­pian­ti per l'eli­mi­na­zio­ne ai ri­go­ri ne­gli ot­ta­vi con­tro il Pa­ra­guay. Un com­pi­to so­ste­ni­bi­le.

I DUB­BI - Cer­to non sa­rà fa­ci­le, per un ma­nia­co del­la tat­ti­ca e del la­vo­ro sul cam­po, spie­ga­re a Hon­da l'ap­pli­ca­zio­ne del fa­mo­so 3-4-3 o di tut­ti gli sche­mi pro­va­ti nel cor­so di una car­rie­ra con­tro­ver­sa: «Ma io non so­no un pa­ti­to del­la di­fe­sa a tre - ha chia­ri­to Zac - so­no un pa­ti­to del cen­tro­cam­po a quattro» . In ogni ca­so sa­rà una svol­ta, che in Giap­po­ne un po' te­mo­no e un po' de­si­de­ra­no, do­po il 4-32-1 di Oka­da. A co­mu­ni­ca­re con la squa­dra lo aiu­te­ran­no gli “ita­lia­ni”, Na­ga­to­mo e Mo­ri­mo­to, e un pool di in­ter­pre­ti. C'è bi­so­gno di fan­ta­sia e buo­na vo­lon­tà per an­da­re d'ac­cor­do. Zac­che­ro­ni fa­rà la spo­la tra Ce­se­na­ti­co e To­kyo, due pia­ne­ti di­ver­si, e cer­che­rà di im­pa­ra­re in fret­ta. Pen­san­do a un gran­de Mon­dia­le tra quattro an­ni, in Bra­si­le. Ma se an­che do­ves­se fal­li­re, avreb­be rag­giun­to un tra­guar­do che qual­sia­si ap­pren­di­sta so­gna: al­le­na­re Mi­lan, In­ter, Ju­ven­tus e una na­zio­na­le. E' un re­cord an­che que­sto.

Uno scher­mo per le stra­de di To­kyo an­nun­cia l’ar­ri­vo di Zac­che­ro­ni in Giap­po­ne

Dall’al­to Dos­se­na Ca­pel­lo e Tra­pat­to­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.